800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

I semi a impollinazione aperta: cosa sono?

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 1 anno fa


I semi a impollinazione aperta: cosa sono?

Scopri questi particolari semi derivanti da piante biologiche sottoposti unicamente a una selezione naturale e impara come utilizzarli per il tuo orto urbano

 

Se hai un tuo piccolo orto nel giardino dietro casa oppure se ti appassionano gli orti verticali sul balcone, saprai bene che il periodo tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo è quello migliore per iniziare a seminare i tuoi ortaggi.

Tuttavia una delle fasi più complicate è proprio quella della scelta dei semi.

In commercio ne esistono moltissime varietà, ma ti consigliamo quelli ottenuti attraverso l'impollinazione aperta.

Scopriamo insieme di cosa si tratta e perché questi semi sono i più adatti alla coltivazione dell'orto.

 

 

 

Indice dei contenuti:

Che cos'è l'impollinazione aperta?

In natura l'ibridazione delle piante è sempre avvenuta in modo casuale, attraverso il lavoro degli insetti e l'azione di eventi atmosferici come l'acqua e il vento.

Le piante che nascevano da questi incroci erano poi sottoposti all'azione della selezione naturale: gli esemplari che erano più resistenti alle condizioni climatiche del luogo o alle malattie e ai parassiti continuavano a vivere e a riprodursi, mentre quelle più deboli si estinguevano.

Per fare un'esempio, se dall'incrocio di alcune zucchine derivava casualmente una varietà che germinava prima rispetto alle altre, in un periodo in cui le temperature erano ancora troppo basse, questa non sarebbe sopravvissuta.

Nei secoli passati, quando ancora non esistevano pesticidi chimici o OGM, gli agricoltori hanno imparato a sfruttare l'impollinazione aperta per selezionare i semi delle varietà coltivate che erano più adatte alle condizioni climatiche e del terreno del loro campo. Così, con pazienza e attraverso un lavoro di isolamento delle piante che durava anche diversi anni, erano in grado di ottenere un tipo di coltura adatto alle loro particolari esigenze, promuovendo al tempo stesso la naturale biodiversità.

Infatti, utilizzando questo metodo, si avranno dei peperoni mai del tutto uguali a quelli dell'agricoltore del podere accanto, ma ognuno avrà la sua variante perfettamente integrata in modo naturale con il proprio territorio.

Cosa sono l'impollinazione artificiale e i semi ibridi

Soprattutto negli ultimi decenni, l'uomo ha cercato di sfruttare l'impollinazione a proprio vantaggio, incrociando manualmente varietà anche differenti senza utilizzare gli insetti e gli agenti atmosferici. Questo tipo di produzione è detta a impollinazione artificiale e i semi prodotti sono detti ibridi.

In questo caso, però, la natura non compie il proprio lavoro di selezione: gli ibridi prodotti, infatti, non sono necessariamente quelli più resistenti o più adatti a sopravvivere in un determinato territorio e capita spesso che non riescano a germogliare.

Inoltre, le piante derivate dai semi prodotti dal primo incrocio (quelli di prima generazione o ibridi F1) possono dare origine ad altri semi (ibridi F2) che avranno però caratteristiche molto variabili, proprio perché non sottoposti al vaglio di Madre Natura. Altre, invece, sono addirittura sterili, proprio perché l'incrocio ottenuto non è naturale.

Per riottenere le stesse piante è quindi necessario comprare altri semi F1.

Le sementi a impollinazione aperta, invece, sono più stabili, proprio perché le loro caratteristiche sono dovute al loro spirito di adattamento naturale e le loro piante produrranno altri semi con le stesse caratteristiche.

Come auto-produrre i semi nell'orto urbano

Dopo questa prima parte di spiegazione teorica, vediamo come puoi utilizzare queste sementi nel tuo orto e come auto-produrre i semi per le colture dell'anno seguente.

Prima di tutto dovrai acquistare una prima dose di semi a impollinazione aperta da aziende agricole certificate e di alta qualità, come Arcoiris e Sativa Rheinau.

Poi, in base al tipo di ortaggio che desideri piantare, è necessario seguire una serie di indicazioni e preferire un periodo dell'anno piuttosto che un altro (per approfondire questo aspetto, leggi lo speciale di Grazia Cacciola sul Calendario dell'Orto).

Quando le piante inizieranno a germinare e a crescere, osserva quali mostrano di crescere più sane e più adatte al tuo terreno. Di queste dovrai conservare i semi.

Utilizzza questo metodo anche per le semine successive e, con un po' di pazienza, e soprattutto seguendo i normali ritmi della natura, otterrai delle piante perfettamente adatte al tuo orto, sane e sicure.

 

Scopri la nostra selezione di SEMENTI BIOLOGICHE E BIODINAMICHE PER ORTO >

 

 Scopri anche i nostri libri:

> Coltivare l'Orto

> Orto sul Balcone

> Permacultura

> Agricoltura Biodinamica

Ti consigliamo...


Dietro Lo Staff di Macrolibrarsi si nascondono in realtà ben tre nomi: Claudia, Francesca e Valeria. Tre ragazze che hanno in comune la passione per la scrittura e la curiosità e il desiderio di conoscere il più possibile di questo nostro bellissimo mondo.  Avide...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su I semi a impollinazione aperta: cosa sono?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste