800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

I fiori californiani per i problemi dei bambini

di Romina Rossi 25 giorni fa


I fiori californiani per i problemi dei bambini

I Fiori Californiani si propongono come rimedio alternativo ai disagi emotivi e psicologici, anche dei più piccoli!

I bambini possono manifestare dei disagi psicologici ed emotivi che influenzano negativamente la loro vita.

Si tratta di problemi che a noi possono sembrare piccoli, ma che per loro sono montagne altissime impossibili da scalare. Così rimangono immobili davanti alla montagna, perdendo la serenità e la loro spensieratezza.

Per aiutarli in maniera dolce ma decisa, ogni volta che c’è qualcosa che li preoccupa possiamo ricorrere ai fiori californiani.

Indice dei contenuti:

Le essenze che vengono dall’esotica California

Queste 103 essenze sono state messe a punto dai coniugi Richard Katz e Patricia Kaminski in California, a partire dagli anni Settanta. Katz e Kaminski desideravano portare avanti il lavoro di Edward Bach su scala locale.

Ricca di tanti ambienti geografici diversi, la California offre tantissime varietà di fiori spontanei da cui trarre i rimedi floreali.

I due ricercatori si erano resi conto che i fiori autoctoni riflettono le caratteristiche dell’ambiente in cui crescono. E hanno quindi proprietà diverse a seconda dell’area geografica in cui crescono.

Inoltre rispondono bene alle problematiche dell’uomo metropolitano moderno. Dalle relazioni interpersonali all’insoddisfazione sul posto di lavoro, senza dimenticare le paure più nascoste e soffocanti.

Molti di questi rimedi sono utili anche per i problemi dei bambini. Oggi sempre più spesso, essi devono fare i conti con la freneticità della vita e i tanti impegni e appuntamenti che hanno dopo la scuola. Senza contare le ansie o le paure che non riescono a esternare e che quindi rischiano di sedimentare nel profondo.

Come tutti i rimedi floreali, anche i fiori californiani sono totalmente sicuri per i bambini. Privi di effetti collaterali, proprio perché contengono l’informazione energetica della pianta. E agiscono come catalizzatori, dando vita a un processo di consapevolezza. Che permette di ritrovare la propria vera essenza spirituale.

I fiori californiani di seguito si possono usare singolarmente oppure in miscele personalizzate con più rimedi. In entrambi i casi, il dosaggio è di 4 gocce per 4 volte al giorno.

I fiori californiani per i bambini ipersensibili

Se in casa avete un bambino con poca fiducia in se stesso, senza autostima o con complessi di inferiorità, potete ricorrere a Buttercup. Questo rimedio è indicato anche se il bambino non si sente apprezzato in famiglia.

Il bambino vive la propria insicurezza e l’auto-svalutazione in modi diversi, ma comunque limitanti. Potrebbe ad esempio assumere degli atteggiamenti tali da attirare l’attenzione degli altri per avere la loro approvazione. In questo modo si pone in una situazione di dipendenza dagli altri e dal loro giudizio. O potrebbe anche reprimere i propri desideri e le aspirazioni per vergogna, paura del fallimento, timidezza, rifiuto di sé.

Buttercup favorisce il riconoscimento e l’apprezzamento delle proprie capacità. Il bambino avrà il coraggio di condividerle con gli altri, senza bisogno del riconoscimento esterno.

Alcuni bambini faticano a integrarsi in un gruppo. Tendono a rimanere in disparte e sviluppano un’intensa vita interiore e solitaria. A scapito, però, della vita sociale. La vita umana ha invece bisogno di integrare i tre aspetti delle sue componenti: fisica, psichica e pratica. Per loro è utile Fawn Lily, il fiore californiano che li aiuta a uscire dall’isolamento e a vivere armonicamente nel contesto della vita sociale, pur mantenendo il proprio grado di spiritualità.

Se il bambino si sente “diverso”, estraneo in questo mondo, il fiore californiano indicato è Shooting Star. Questo rimedio è particolarmente indicato per chi è nato prematuro oppure ha avuto grosse sofferenze neonatali. Aiuta ad integrare l’anima con il corpo fisico.

Il vostro bambino arrossisce e balbetta quando è in mezzo agli altri? È così timido che ha paura di fare brutte figure e si blocca. Di essere giudicato e non accettato per ciò che è. La sua caratteristica principale è l’ipersensibilità, per cui è utile Golden Yarrow. Il fiore permette di manifestare le proprie abilità. E aiuta a non avere paura del giudizio degli altri.

I fiori californiani per la mancanza d’affetto

Nella società moderna i bambini si trovano a fare i conti sempre più spesso con famiglie di genitori separati o allargate. Sebbene queste nuove tipologie di famiglie siano sempre più comuni e abbiamo un buon equilibrio al loro interno, la rottura del matrimonio dei genitori o l’inserimento di un compagno o compagna nel contesto famigliare può essere vissuto con disagio.

Quando il rapporto con il padre è problematico o diventa difficile, come durante l’adolescenza, il rimedio indicato è Baby Blue Eyes. Questo fiore californiano è indicato in quelle situazioni in cui il bambino o il ragazzo sente la mancanza della figura paterna, reale o simbolica che sia.

È utile anche quando il figlio vive all’ombra di un padre dispotico, poco rassicurante o protettivo. Questo contribuisce a sviluppare in lui la mancanza di fiducia e di positività negli altri. Vive in disparte e sempre nella diffidenza. Il rimedio aiuta a ritrovare la fiducia, tipica dei bambini, e ad aprirsi per vivere con gioia la propria creatività.

Al contrario, la mancanza d’affetto da parte della madre trova sollievo con Mariposa Lily. Quando il rapporto con la madre è disarmonico, c’è il rischio di cadere in una frustrazione affettiva profonda. E di avere la sensazione di non essere amati. Una delle conseguenze è il rifiuto della propria parte femminile, che si esprime attraverso la creatività, la sensibilità e l’emotività.

Il fiore californiano lo aiuta il bambino a sciogliere il blocco doloroso che nasce dalla mancanza di un rapporto sano. E a ricollegarsi con le energie cosmiche e il proprio bambino interiore.

I fiori californiani per l’indole troppo remissiva

Il vostro è uno di quei bambini che non ha mai fame? Per convincerlo a mangiare due cucchiai di minestra dovete pregarlo in ginocchio?

In genere si tratta di bambini che hanno anche poco interesse per il mondo che li circonda. Per far trovare loro l’appetito, l’interesse nel mondo e la vitalità è consigliato Californian Wild Rose. Permette anche di combattere l’apatia che impedisce ai bambini di agire.

Cayenne è indicato per i bambini flemmatici, lenti e passivi. Sono coloro che hanno bisogno di essere stimolati per manifestare la propria energia e sviluppare la motivazione. Questo fiore californiano è particolarmente adatto anche nei momenti di cambiamento fisiologico, come la pubertà. Permette di sviluppare la capacità di azione intensa, di trasformazione e mobilità interiore.

Ci sono bambini estremamente sensibili, che captano le inquietudini del mondo esterno. E le manifestano con incontinenza, enuresi e sudorazione notturna, incubi e sonnambulismo. Saint John’s Wort li protegge dalle energie sottili e li purifica.

E quelli per i disturbi fisici

Se il bambino ha un problema fisico o un handicap è indicato Penstemon. Soprattutto quando queste difficoltà fisiche causano pessimismo e autocommiserazione. Può trattarsi di un bambino così sfiduciato che pensa di non riuscire a superare le avversità. Questo fiore californiano aiuta a risvegliare la consapevolezza che sono le esperienze più dolorose le occasioni più preziose di crescita e sviluppo dell’anima. Dona anche la forza di volontà e il coraggio di realizzarsi nelle situazioni difficili.

Sempre più spesso si sente parlare di bambini che soffrono di disturbi legati all’attenzione. Sono, nella maggior parte dei casi, bambini molto vivaci, che faticano a stare fermi e attenti per lungo tempo. Per loro è indicato Madia, il fiore californiano per chi ha la testa fra le nuvole, per i bambini distratti che mancano di concentrazione. La loro mente vaga da un pensiero all’altro, come una scimmia che salta da un albero all’altro senza riposo. È indicato anche per gli studenti che verso fine anno scolastico, per la stanchezza, fanno fatica a concentrarsi e hanno problemi di memoria. Il rimedio permette di restare ancorati nel presente, e favorisce la chiarezza di pensiero.

A questo si aggiunge Shasta Daisy che permette di sviluppare l’emisfero cerebrale destro. Esso controlla la percezione globale, intuitiva e sintetica della realtà. È indicato quando i bambini sono dispersivi e confusi e hanno difficoltà a raggiungere la visione olistica della realtà in cui sono inseriti.

Ti consigliamo...


Romina Rossi, giornalista pubblicista, fa parte della redazione della rivista “Vivi Consapevole”. L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere studi di Naturopatia all’Istituto di Medicina...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su I fiori californiani per i problemi dei bambini

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste