Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Ciliegie:buone da mangiare …e non solo

di Margherita Gradassi 2 anni fa



Questo bellissimo frutto ha abbellito le orecchie di tutti, grandi e bambini, ci ha fatto arrampicare sugli alberi, ci ha colorato mani e bocca con il suo splendido sapore.

Le ciliegie tornano nelle nostre tavole ogni anno con grande puntualità portando con sé l’eleganza della primavera e la vivacità dell’estate, si fanno mangiare una dietro l’altra per la loro dolcezza ma oltre ad essere belle e buone sono anche molto salutari.

Le ciliegie hanno molte proprietà; sono depurative e disintossicanti al punto che la dottoressa Kousmine le consigliava come cura primaverile contro la stipsi e per le persone che abusavano di cibi raffinati e carne. Una cura simile viene proposta anche da Jean Valnet, questo fitoterapeuta infatti consigliava l’applicazione di ciliegie pestate da applicare sulla fronte in casi di emicrania, e sulla pelle per rivitalizzare i tessuti.

Sono inoltre ottime per combattere i reumatismi e la gotta, inoltre sono delle calmanti del sistema nervoso.

Hanno capacità antinfiammatorie e antiossidanti dovute alle cianine, che conferiscono alla buccia i diversi colori (rosso,nero, violaceo).

Lo zucchero contenuto è il levulosio proprio per questo possono essere mangiate anche dai diabetici e dalle persone obese.

Le patologie che possono essere trattate con le ciliegie sono le paralisi, i reumatismi e la lombaggine e l’intorpidimento degli arti (perché tali frutti creano calore nell’organismo)

Le ciliegie fresche masticate lentamente, calmano le faringiti e le laringiti nello stadio iniziale.

Un preparato a base di ciliegie infuse in latte di riso è perfetto in caso di reumatismi e di problemi articolari.

La gelatina di ciliegie invece è utile per chi è pallido e affaticato.

Delle ciliegie non si butta via proprio nulla infatti anche i noccioli contengono acido oleico 49% e linoleico 42% oltre a piccole quantità di grassi saturi (palmitico e stearico). Ai noccioli si attribuisce la capacità di combattere i dolori reumatici, le verruche e le macchie cutanee. Tenere i noccioli delle ciliegie mangiate in estate può essere un ottimo modo per crearsi cuscini per la cervicale d’inverno.

Margherita Gradassi Naturopata.


Margherita Gradassi si laurea in ISF università di Farmacia, Diploma in Naturopatia presso Istituto Rudy Lanza con specializzazione in Iridologia Naturopatica e psicosomatica, Floriterapia di Bach e Australiana e Tecniche di massaggio Orientali. Formazione in bio-feedback “Life-System” col...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste