+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-19, Sab 08-12

Bagni derivativi: i benefici della della pulizia interna

di Romina Rossi 11 mesi fa


Bagni derivativi: i benefici della della pulizia interna

Attraverso la rimozione delle infiammazioni di inguine e perineo si migliora la salute

I bagni derivativi sono una pratica terapeutica che fu messa a punto da Louis Kuhne nell’Ottocento, utile per ritrovare il benessere dell’intero organismo, mediante la rimozione delle scorie e delle tossine che uno stile di vita poco equilibrato facilita e che si depositano in varie parti del corpo.

Vediamo i benefici, perché va depurato il perineo e perché dovrebbe essere una pratica abituale.

In questo articolo ti consigliamo...

Indice dei contenuti:

Che cosa sono i bagni derivativi

Il nome bagni derivativi è stato usato per la prima volta da Henri-Charles Geoffrey, in Francia, negli anni Settanta.

Riprese il termine dalla pratica naturale promossa dal tedesco Louis Kuhne che li definiva “semicupi con frizioni”, che aveva notato che si tratta di un’igiene di vita, una tecnica naturale – che gli animali compiono quotidianamente – che consente di ritrovare la naturale frescura in una zona del corpo che negli animali si trova al fresco, favorendo in questo modo una migliore circolazione e l’espulsione dei grassi, che diventano nocivi quando si accumulano.

Secondo Kuhne il nostro organismo tende a immagazzinare dei sovraccarichi, quelle che noi oggi definiamo tossine, che si spostano dentro al corpo raggiungendo le estremità (mani, piedi, testa e pelle), sotto l’eccessivo calore eccessivo del ventre.

Questi accumuli sono la causa delle malattie: ecco quindi che rinfrescando il basso ventre con i semicupi con frizioni, la temperatura interna scende di qualche grado e fa tornare verso l’intestino le scorie che possono essere eliminate attraverso le feci.

La zona che viene trattata attraverso i bagni derivativi è quella del perineo, la parte che si estende fra l’ano e i genitali, che è un complesso sistema formato dall’insieme di fasce, cioè delle membrane che sono costituite da tantissimi piccoli canali che circondano i muscoli, gli organi e le ossa e sostengono i muscoli e gli organi, avvolgendoli come una calza. Queste fasce hanno una funzione connettiva: fanno da sostegno e allo stesso tempo hanno una competenza immunitaria.

Fra le funzioni delle fasce c’è anche quella di trasporto dei grassi, ma per poterlo fare deve essere mobile, dotata di microvibrazioni che spingono i grassi e li spostano da una parte all’altra. Altra caratteristica indispensabile è la fluidità di questi grassi, al fine di poter essere meglio spostati: quando infatti si ispessiscono, è più facile che compaiano cuscinetti e rigonfiamenti nei punti sbagliati, come la pancetta o i glutei voluminosi.

Il trasporto operato dalle fasce può essere ostacolato e bloccato ad esempio da abiti troppo attillati, calze troppo strette, reggiseno che segna, oppure anche da ferite e interventi chirurgici. Anche la paura, l’ansia e lo stress contribuiscono a un blocco di questo sistema.

Ed è qui che vengono in aiuto i bagni derivativi, che aiutano a mantenere l’equilibrio di questa parte del corpo.

Il rimedio preferito dai nostri clienti per i bagni derivativi

Bikun Fondello Gel

Cuscinetto rinfrescante zona perineale - Idoneo per bagni derivativi

(103)

FONDELLO GEL PER IL BENESSERE DEL CORPO Idoneo per bagni derivativi secondo sistema Louis Kuhne, Scienze Igienistiche Naturali di Luigi Costacurta e Manuel Lezaeta Acharan, Sebastian Kneipp. Il prodotto Bikun è una novità assoluta che distribuisce...

€ 32,80 € 27,88 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Come si praticano i bagni derivativi

Il bagno derivativo ideato da Kuhne consiste nel rinfrescare il perineo con delle frizioni con acqua fresca: si riempie il bidet con acqua fresca, non gelida, e ci si siede in maniera confortevole al di sopra dell’acqua, in modo che i glutei non vengano bagnati.

Con l’aiuto di un guanto da bagno o di una spugna naturale, da immergere nell’acqua fredda, si fanno delle frizioni sul perineo: lo si fa scorrere ad esempio sul lato destro nella piega inguinale, fino all’altezza dell’osso pubico (o della radice del pene per gli uomini) e poi si scende seguendo lo stesso percorso, per poi passare sul lato sinistro.

Si ripete più volte, immergendo ogni volta la spugna o il guanto nell’acqua così che rimanga sempre fresco, senza strizzarlo. Queste operazioni andrebbero fatte per un minimo di 10 minuti a un massimo di 40 minuti, senza interruzioni.

Per chi ha problemi di tempi, un metodo molto più veloce è quello di utilizzare l'apposita poche - o fondello - fatta in materiale gelatinoso non tossico che si rinfresca in freezer e si indossa fino a che non perdono la freschezza. La poche va avvolta nell’apposito rivestimento, non va mai messa a contatto con la pelle nuda, e si indossa in modo che rinfreschi la zona.

La comodità di usare il fondello è data dal fatto che non c’è bisogno di interrompere le proprie attività per poter fare i bagni derivativi, ma si possono continuare a fare le proprie mansioni.

L’unica accortezza da adottare è che la sensazione di freddo non deve essere sgradevole e la pelle non si deve arrossare, l’effetto deve sempre essere dolce e gradevole.

I benefici

A cosa servono i bagni derivativi? I benefici che si possono trarre dall’abituale pratica sono diversi, perché permettono in primo luogo di eliminare le tossine che si accumulano dentro all’organismo. In questo si previene anche la formazione di quegli accumuli che rischiano di creare una condizione cronica, difficile da riequilibrare.

I bagni derivativi possono essere indicati per migliorare:

  • le affezioni cutanee,
  • le emorroidi,
  • l’insonnia,
  • il ciclo mestruale,
  • i disturbi della menopausa,
  • la stitichezza,
  • il sovrappeso,
  • la ritenzione idrica.

Aiutano anche ad alleviare i dolori generali che si possono manifestare in seguito ad accumulo di tossine, e risultano benefici anche nel caso di fibromialgia, artrosi e artrite.

I bagni derivativi vanno praticati lontano dai pasti. Inoltre non vanno praticati se si è appena subito un intervento o è stato impiantato un dispositivo, come pacemaker, impianti dentali e protesi. 

Disclaimer

Le informazioni fornite su Macrolibrarsi.it di Golden Books Srl sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato (cioè un laureato in medicina abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via).

Le nozioni e le eventuali informazioni su procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci o prodotti d'uso presenti nei testi proposti e negli articoli pubblicati hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono di acquisire la manualità e l'esperienza indispensabili per il loro uso o pratica.


Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi novità, sconti, promozioni speciali riservate e un premio di 50 punti spendibili sul sito.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Non ci sono ancora commenti su Bagni derivativi: i benefici della della pulizia interna

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI NSIIURR
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.