Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Bacche di Gelso…un frutto dimenticato

di Margherita Gradassi 2 anni fa



Gelso bianco, gelso nero, o gelso rosso? La scelta è davvero difficile come ci spiega Margherita Gradassi

Ogni casa che si rispetti deve avere un guardiano che si rispetti e questo è il mio, il signor Gelso.

Non conoscevo le fantastiche proprietà di questo albero finché non mi ci sono imbattuta; se così si può definire abitarci davanti; e in questo modo è nata la nostra amicizia.

Il gelso è un albero fantastico; originario della Cina e dell’Iran cresce bene anche in Europa e Nord America, è l’albero prediletto dai bachi da seta in quanto sono ghiotti delle sue grandi foglie. A noi personalmente dona ogni anno protezione dal sole, una casa per i calabroni e tante,ma tante bacche di gelso viola.

Esistono infatti diverse varietà di questo piccolo frutto: bianche, rosse e viola.

Ciascuna di esse porta con sé una ricchezza infinita in quanto contengono antocianine e tannini che essendo antiossidanti molto forti hanno un’azione anticancerogena e sono protettive dei vasi sanguigni, quindi perfette per mantenere in salute le gambe dai terribili capillari rotti e dalle vene varicose.

Hanno azione rinfrescante, tonica e depurativa in quanto contengono amminoacidi, acido folico, rame, zinco, potassio, magnesio, vitamine del gruppo B, C e A. In particolare le bacche bianche hanno un’azione prediletta contro la stitichezza. Anche il contenuto di ferro non è da tralasciare in quanto 100gr di frutti contengono 180 mg di ferro altamente biodisponibile

Di questa pianta non si usano soltanto i frutti, ma anche le foglie hanno capacità curative in quanto sono di solito utilizzate nelle preparazioni erboristiche per la loro capacità antibiotica.

Le bacche si possono gustare da fine maggio fino a metà luglio. Io personalmente consiglio di mangiarle fresche o a colazione o nelle pause tra un pasto e un altro.
In ogni modo è possibile preparare una marmellata, una crostata di bacche fresche, fare il succo o addirittura essiccarle e conservarle per dolci tisane invernali con proprietà purificanti ed antibatteriche.

Margherita Gradassi
Naturopata

Ti consigliamo...


Margherita Gradassi si laurea in ISF università di Farmacia, Diploma in Naturopatia presso Istituto Rudy Lanza con specializzazione in Iridologia Naturopatica e psicosomatica, Floriterapia di Bach e Australiana e Tecniche di massaggio Orientali. Formazione in bio-feedback “Life-System” col...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Bacche di Gelso…un frutto dimenticato

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste