800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Zecharia Sitchin - Introduzione - Le Cronache Terrestri Rivelate

di Zecharia Sitchin 6 anni fa


Zecharia Sitchin - Introduzione - Le Cronache Terrestri Rivelate

Introduzione all'libro "Le Cronache Terrestri Rivelate"

 

La Sapienza si è costruita la casa,

ha intagliato le sue sette colonne.

Proverbi 9,1

I sette volumi che compongono la collana delle Cronache Ter­restri non sono nati né come una serie programmata, né per essere dei veri e propri libri. Come una quercia con sette rami, la "ghianda" da cui è scaturito il tutto fu l'innocente domanda che, tanti anni fa, un alunno delle elementari rivolse al proprio maestro: perché nella Bibbia ebraica il termine "Nefilim", che deriva dal verbo "cadere, venire giù", viene invece tradotto come "giganti"? Quel bambino ero io; la parola incriminata si trova nel capitolo 6 della Genesi; la ricerca della spiegazione è durata una vita intera; la risposta ha richiesto - come nella stessa Bibbia - il ritorno al Principio.

Andare alla ricerca del Principio è equivalso ad aprire un vaso di Pandora traboccante di altre domande.

  • Perché la Bibbia definisce "figli di Dio" i Nefilim che si scelsero mogli tra le "figlie degli uomini"?
  • Chi erano gli Elohim che avevano creato l'uomo a propria immagine?
  • Era mai esistito un Giardino dell'Eden e, in caso affermativo, dove si trovava e come era fatto?
  • C'era mai stato il Diluvio? Era davvero esistito Noè? Chi era?
  • Come potè il genere umano venire a conoscenza del modo in cui erano stati creati i Cieli, la Terra e lo stesso uomo?
  • Quale mente scientifica visse nell'antichità, o per essere più precisi, come nacque la civil­tà stessa?
  • Nella terra che la Bibbia chiama Shine'ar era esistito davvero un regno antecedente a quelli di Babilonia, Assiria ed Egitto?
  • E perché in tempi remoti, in regioni distanti del mondo, sono sorte civiltà che presentavano sconcertanti analogie con quelle ancor più antiche?

Per rispondere a queste domande la ricerca è inevitabilmente slittata dalla Bibbia all'archeologia.

Sappiamo che il Vicino Oriente è stato la culla della civilità: i suoi monumenti, manufatti e documenti rivelano una storia viva e vera, fatta di terre e di popoli; le narrazioni di divinità del cielo e della terra ci hanno trasportato dalla mitologia alla religione, dall'astronomia alla genetica. Ben presto, la mia semplice e inge­nua domanda si è trasformata in una ricerca che ha abbracciato ogni disciplina dello scibile umano: dalle viscere della Terra fino al Sistema Solare e al Cosmo, dal passato al futuro, dal Principio fino alla Fine dei giorni

Man mano che i libri si susseguivano toccando continenti, culture diverse e perfino diverse religioni, diventava sempre più evidente che si trattava solo dei rami di uno stesso albero. Len­tamente si è andata delineando una teoria globale, unitamente alla storia di divinità e uomini che ho raccontato come storia unificata del mondo e del genere umano.

Pantheon dell'antica Grecia e di Roma, di Aztechi e Indù sono stati identificati come quelli di Sumer e di Babilonia; i calendari maya e olmechi vengono messi a confronto con quelli di Assiria ed Egitto; nella Bibbia ebraica riecheggiano ancora le storie inca della creazione, o del giorno in cui la Terra si fermò; le piramidi e i cerchi megalitici presenti in diversi paesi rivelano una sorta di "parentela". Tutto prende senso dal momento in cui la mia teoria riesce a spiegare ciò che altrimenti è inspiegabile: sono convinto, infatti, che nel nostro Sistema Solare esista un pianeta in più che si avvicina periodicamente a noi, i cui astro­nauti erano discesi sulla Terra, avevano creato l'umanità, ne erano diventati le divinità e poi ripartirono, promettendo che, un giorno, avrebbero fatto ritorno.

Risultato di decenni di ricerche, di studi e di scritti è talmente vasto da rappresentare una vera e propria sfida. I sette libri delle Cronache Terrestri sono composti da oltre 2.300 pagine; spesso i miei lettori mi hanno chiesto: «Come facciamo a orientarci tra tutte queste informazioni?». Ebbene, questo libro è la risposta: ho elencato in ordine alfabetico centinaia di voci relative ai dati più importanti che riguardano dèi e semidei, re e regni, patriarchi e sacerdoti, siti archeologici e luoghi mitici. Le voci rimandano ad altre voci e - laddove è necessario - aggiungono il "parere", particolare o innovativo, di "ZS" sull'argomento. Applicando una risposta uniforme alle diverse civiltà e periodi, questa guida è il primo tentativo di organizzare a livello globale la conoscenza dei tempi antichi.

Questa risposta uniforme ha resistito alla prova del tempo: negli ultimi decenni ogni scoperta, ogni progresso tecnologico hanno invariabilmente corroborato, senza errore, ciò che altri scelgono di ignorare o di liquidare come mito, e che io considero, invece, verità.

I sette volumi delle Cronache Terrestri sono i depositari della conoscenza globale dell'antichità, quel prezioso tesoro che la Bibbia chiama sapienza.

Sono, in un certo senso, le sette colonne dell'antica sapienza.

Zecharia Sitchin


Zecharia Sitchin (1922-2010) è nato a Bacu in Azerbaijan ed ha vissuto in Palestina, dove ha studiato la Bibbia ebraica scritta in ebraico antico. Ha inoltre studiato l'archeologia del Medio Oriente, prima di trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti. Ha dedicato tutta la sua vita...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Zecharia Sitchin - Introduzione - Le Cronache Terrestri Rivelate

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste