800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Una storia che comincia 2000 anni fa

di Gian Marco Bragadin 3 anni fa


Una storia che comincia 2000 anni fa

Gian Marco Bragadin ci introduce a una storia di 2000 anni fa, una storia che riguarda anche te, e che porterà a una tua trasformazione interiore

Voglio raccontarvi una storia avvincente, che parla di amori e di morte, di ricerche e di antichi manoscritti, tra Cipro, Venezia, New York, Parigi, l'Egitto e tanti altri luoghi.

Una storia che parla di Gesù e di Maddalena, di Templari e di Esseni, di incontri straordinari, con entità di Luce ed Arcangeli, di visioni di persone scomparse, e soprattutto parla di Melchisedek, il "Sempre-Veniente" ed del suo Ordine antico, di cui forse anche tu fai parte, e ancora non lo sai.

Questo video che è tratto dal mio libro "L'eredità dell'Ordine di Melchisedek", ha due scopi principali. Scoprire se anche tu hai fatto parte dell'Antico Patto che lega gli uomini a Dio, e farti conoscere il Testamento di Gesù, dettato a Maddalena, custodito dai Cavalieri Templari, e riscoperto in questi tempi a Venezia, che rivela le chiavi per aprire le 12 porte del Risveglio e della Trasformazione Spirituale.

Il racconto inizia a Famagosta, una cittadella fortificata dell'isola di Cipro,porto utilizzato dai crociati e dai Templari.

Nel 1500, Cipro divenne veneziana e l'Impero Ottomano, che voleva espandersi in Europa, inviò una flotta e 250.000 soldati per conquistarla.
In breve tempo l'isola cadde nelle mani dei turchi, meno Famagosta, governata da Marc'Antonio Bragadin, che resistette oltre un anno con coraggio ed abnegazione, infliggendo al nemico gravissime perdite.

Questa è storia, come storia purtroppo è l'accordo di resa della città, tradito dai turchi, che massacrarono e resero schiavi i superstiti, e riservarono al Bragadin un supplizio terribile per settimane, fino a che lo scorticarono vivo il 17 agosto del 1571. Pochi mesi dopo la Lega Cristiana vendicherà Famagosta infliggendo ai turchi una gravissima sconfitta a Lepanto. Il sacrificio dei veneziani non era stato vano. L'Europa cristiana era salva.

Nel 1966, l'erede del Governatore, con il figlio Filippo Bragadin, giovane ricercatore all'Università Ca' Foscari di Venezia, insieme ad una sensitiva, sono a Famagosta, per ritrovare all'interno delle enormi mura della città, un presunto tesoro, nascosto dai veneziani prima della resa.

Tra rebus, ricerche, scavi, pericoli ed incontri di tipo sovrannaturale di Filippo, l'avventura finirà senza successo. Ed il giovane tornerà ai suoi studi ed ai suoi tanti incontri femminili.

Fino a che incontrerà Chiara, una bellissima studentessa, che lo coinvolgerà con gli insegnamenti che le venivano dati in canalizzazione da un Maestro che le parlava del tempo degli Esseni, e che le diceva che lei e Filippo erano stati sposati duemila anni prima.

Inoltre Chiara racconterà al giovane professore che insieme avevano fatto parte del gruppo dei 22 che avevano seguito Maddalena in Gallia, portando la parola di Gesù alle popolazioni dei Celti.

Filippo faceva molta fatica a "credere" ciò che Chiara gli diceva, ma nello stesso tempo cominciava a rendersi conto di avere un compito che non era solo quello che stava svolgendo, e cioè di insegnare alla università, ma che avrebbe dovuto ricercare antiche Verità, nascoste in documenti occultati o scomparsi.

Nacque un grandissimo amore tra Filippo e Chiara, ma dopo poco lei, nel tentativo di salvare una bimba caduta in Canal Grande, morirà e lascerà il giovane professore nella disperazione. Anche Filippo in breve scoprirà di avere poteri paranormali. In particolare "vedrà" le persone scomparse, e comincerà anche se di nascosto, ad aiutare la Polizia a ritrovarle. E troverà un nuovo contatto con la sua amata. Purtroppo le sue sofferenze continueranno. Non avrà la nomina a ricercatore, e ciò lo convincerà a lasciare Venezia e l'Italia, per rifarsi una nuova vita a New York, dove abitava sua madre.

Anche in America aiutò le Autorità di alcuni Stati a ritrovare le persone scomparse. Si dedicò allo studio delle antiche religioni ed ebbe un incarico alla prestigiosa Columbia University. E continuò ad incontrare sul mare o sul laghetto del Central Park, una figura misteriosa, che lo spingeva sempre a ricercare antichi documenti e gli parlava di un Ordine misterioso che Filippo credeva fosse quello dei Templari. Come altre volte era già accaduto a Venezia, in laguna.

Chiara intanto lo "guidava" dall'altra dimensione ed ebbe modo di parlagli nuovamente, insieme a Maria Maddalena, attraverso una sensitiva, nella Chiesa di S. Sebastiano, durante una breve visita a Venezia.

Il professor Filippo Bragadin ne approfittò per fare altre ricerche dei documenti lasciati dal suo avo, anche all'Archivio di Stato della Serenissima. Si trattava di antiche pergamene che il governatore di Famagosta aveva trovato in una Cappella Templare, durante l'assedio, e che aveva inviato al Senato della Repubblica. Erano scritte in aramaico, ma accompagnate da sigilli Templari, e da una dichiarazione dell'ultimo Gran Maestro, Jacques de Molay.

Purtroppo tutto era scomparso e Filippo incaricò Laura, una delle archiviste, di continuare le ricerche, mentre lui tornava a New York. Un amico ebreo intanto gli parlò di Melchisedek, l'antico Re-Sacerdote della Bibbia, venerato dagli Esseni, e Filippo si rese conto che l'Essere di Luce che gli parlava ogni tanto, doveva proprio essere Melchisedek, quello che Chiara chiamava il "Maestro di Giustizia".

Si trattava, come Filippo scoprì anche nei libri di Mario Pincherle, del "Sempre Veniente", il figlio di Dio che si incarnava sulla Terra ogni volta che ce ne fosse stato bisogno, e che come Gesù, era nato da una donna per partenogenesi, cioè per intervento Divino. Così come Krishna, ed altri.

La madre di Filippo, che spingeva perché egli sposasse Jane, una bella regista americana, gli fece conoscere Dante, un antiquario siciliano un po' gangster, che aveva fatto fortuna e che chiedeva a Filippo di aiutarlo a ritrovare un quadro di Picasso sparito.

Ma gli interessi di Filippo ormai erano tutti rivolti a studiare le origini del cristianesimo.
Scrisse un libro in proposito, sposò Jane ed ebbe una figlia Giada, o Jade in inglese.

Scoprì il suo "amore" per la figura di Maddalena, e si recò a Parigi per un convegno. Là sulla Senna, dove era andato a rendere omaggio al luogo del rogo di Jacques de Molay, comprese che avrebbe dovuto combattere per far conoscere la verità sulla compagna di Gesù, il primo degli Apostoli, falsamente ed ingiustamente indicata dalla Chiesa come "prostituta", per maschilismo e ragioni di potere.

Trascorsero oltre 15 anni. Filippo era conosciuto ormai come studioso eretico, anche per aver scritto un altro libro dal titolo "Leggende e verità nascoste su Gesù".

Inoltre non perdeva occasione per far conoscere Melchisedek ed il suo misterioso Ordine, di cui aveva imparato i precetti, e di cui una sensitiva gli dava messaggi ed insegnamenti. Fino a che Filippo grazie all'aiuto dell'archivista Laura, ritrovò le antiche pergamene che erano state custodite a Cipro dai Templari.

Si trattava de "Il Testamento Segreto di Gesù" dettato a Maddalena prima della morte, e rivolto agli uomini del nostro tempo.

E cosa accadde poi?
Naturalmente, come in ogni thriller che si rispetti, non si può raccontare tutta la storia.
Qui siamo solo a metà.

Ma se leggete "L'Eredità dell'Ordine di Melchisedek" vi potrete gustare il resto del libro.

Ti consigliamo...


Gian Marco Bragadin, ricercatore e divulgatore spirituale, scrittore ed editore di Melchisedek Edizioni. Ha pubblicato molti libri, fra cui la Trilogia dei segni del destino, Viaggio nei mondi invisibili. Ed ora, con questo ultimo libro, L’Eredità dell’Ordine di Melchisedek, e con conferenze...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Una storia che comincia 2000 anni fa

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste