Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Prostata - Guarire la Proposta in 90 Giorni

di Marco Rho 2 anni fa


Prostata - Guarire la Proposta in 90 Giorni

La prostata è statisticamente probabile che pri­ma o poi possa creare dei problemi. La prostata è una ghiandola a for­ma di castagna localizzata al di sopra del diaframma urogenitale. Anteriormente ad essa si trova lo spazio retropubico. Qui la vena dorsale del pene si ramifica in un plesso venoso.

Lateralmente, la prostata è circondata dal plesso venoso periprostatico. Posterior­mente, due strati di peritoneo parietale che si fondono a formare la fascia di Denonvil­le. Inferiormente, l’apice si poggia sui mu­scoli elevatori (pieno pelvico). Una spessa capsula fibrosa circonda la ghiandola.

Il legamento pubo-prostatico ancora la ghiandola all’osso pubico. L’apporto ema­tico arterioso proviene dalle arterie vesci­cali inferiori.

 

Tradizionalmente, la prostata è divisa in quattro lobi: due laterali, uno mediano e uno anteriore. Attualmente si preferisce la divisione in zone proposta da McNeal.

La più voluminosa è la cosiddetta zona periferica, che contiene il 70% del tessuto ghiandolare, seguita dalla zona centrale con il 25% e della zona di transizione con il 5%. La capsula prostatica è più debo­le in corrispondenza del punto in cui la vescichetta seminale e il dotto deferente entrano nella ghiandola. I dotti eiaculato­ri convergono attraverso la zona centrale verso il collicolo seminale.

La maggior parte dei carcinomi insorgo­no nella zona periferica. L’ipertrofia be­nigna ha origine nelle ghiandole periure­trali e nella zona di transizione. Le zone periferiche e centrali sono separate dalla zona di transizione dalla capsula chirur­gica. L’uretra prostatica è divisa in una parte prossimale ed in una parte distale in corrispondenza del collicolo semina­le. La funzione principale della prostata è l’accumulo e la secrezione di sperma. Questa funzione è notevolmente alterata nell’ipertrofia benigna e nel carcinoma prostatico.

 

Prostatite e incontinenza

È lo spauracchio dei maschietti. Tutti quanti, nessuno escluso, quando iniziano ad avvicinarsi ai famigerati 45-50 anni, si ricordano di quella fastidiosa visita dall’urologo o dall’andrologo. La prostata può di­ventare la sede di malattie infiammatorie - le cosiddette prostatiti - spesso benigne, come l’ipertrofia prostatica benigna, ma qualche volta di veri tu­mori maligni, come l’adenocarcinoma prostatico.

Proprio per il fatto di trovarsi sotto la vescica e intorno all’uretra, la prostata influisce sul modo di urinare. E’ importante occuparsi della propria prostata prima che inizi a causare disturbi: si scopriranno eventuali tumori maligni in fase ancora guaribile, perché il cancro della prostata colpisce circa il 10% degli uomini.

Cause ed effetti
Le infiammazioni della prostata possono essere di diverso tipo ed origine: da quelle acute - con febbre elevata, dolore perineale, orinazioni frequenti, dolorose e difficili - a quelle croniche, con sintomi che possono essere scarsi o poco significativi, ma con disturbi che possono essere persistenti o ricorrenti: doloretti diffusi all’uretra, difficoltà urinarie, senso di peso perineale, fastidi ai testicoli. Le cause sono molteplici e difficili da identificare. Inoltre, poiché questi gruppi di ghiandole sono inglobati in un tessuto muscolare e fibroso duro, in caso di infiammazione, essi tendono a strozzarsi e alterarsi a causa del gonfiore associato alle infiammazioni. Se le secrezioni e i batteri ristagnano non trovando modo per uscire, la prostatite da acuta tende a durare nel tempo diventando cronica.

Ti consigliamo...


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste