800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Perché non riesce a stare fermo? - Estratto da "Giocate all'Aria Aperta!"

di Angela J. Hanscom 4 mesi fa


Perché non riesce a stare fermo? - Estratto da "Giocate all'Aria Aperta!"

Leggi in anteprima un estratto dal libro di Angela J. Hanscom e scopri quali sono i benefici che il gioco nella natura può dare al tuo bambino

Una perfetta sconosciuta mi apre il suo cuore per telefono. Si lamenta che il figlio di sei anni non riesca a stare seduto fermo in classe. La scuola vuole che lo faccia valutare per disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Indice dei contenuti:

Una tendenza in crescita

La mamma prosegue e mi spiega come il bimbo torni da scuola ogni giorno con un adesivo giallo a forma di faccina, il che vuol dire che si è comportato male. Il resto della classe torna a casa con una faccina adesiva verde, che significa "Mi sono comportato bene". Ogni giorno viene ricordato a suo figlio che ha un comportamento inaccettabile solo perché non riesce a stare fermo seduto a lungo.

La madre piange: "Inizia a dire cose come 'Mi odio!' e 'Non so fare niente!'".

Mentre la ascolto raccontare la variante di una storia a me fin troppo nota, non posso fare a meno di pensare che l'autostima di questo bambino sta precipitando, e tutto perché avrebbe bisogno di muoversi più spesso.

Forse questa storia vi ricorda qualcosa, forse avete anche voi un figlio che si agita di continuo o disturba in classe? Magari gli insegnanti insistono perché facciate dei test per valutare eventuali ritardi o disturbi evolutivi? Sono situazioni estremamente diffìcili per i genitori, destano preoccupazioni se non addirittura profondi timori o ansie per ciò che sta accadendo ai propri figli. Ma non siete soli.

Appena trenta anni fa, le diagnosi di disabilità o problemi neurologici in età evolutiva erano molto rari. Oggi è invece una tendenza in crescita, tale da dover suscitare un allarme rosso. Sempre più bambini hanno difficoltà a mantenere viva l'attenzione, a controllare le emozioni e gestire l'aggressività, a stare in equilibrio, ad avere forza e resistenza fisica e un sistema immunitario robusto. Parallelo all'incremento dei così detti "ritardi evolutivi", vi è un cospicuo aumento nel numero di bambini che hanno bisogno di terapia occupazionale per affrontare questi disagi (Harris n. d.).

È una situazione degna di riflessione e della quale sono stata testimone, negli ultimi dieci anni, in veste di madre e professionista. Molti amici di mia figlia maggiore si sono sottoposti per diverso tempo a terapia occupazionale quando erano piccoli e anche la mia figlia minore ha avuto bisogno di un leggero trattamento per problemi sensoriali. Al lavoro, l'ambulatorio di ergoterapia ha avuto liste d'attesa di almeno un anno.

In questo lasso di tempo, una maestra di quinta elementare nella scuola di mia figlia mi ha raccontato che i suoi studenti facevano fatica a concentrarsi e si agitavano tutto il tempo. Su sua richiesta, ho osservato la classe mentre lei leggeva ai bambini una storia presa da un libro illustrato e io sedevo tranquilla guardandomi intorno.

Eravamo a fine giornata e tutti i bambini tranne uno si agitavano. Alcuni si davano forti schiaffetti sui polsi, uno si dondolava di continuo sulla sedia e un altro masticava l'orlo di una bottiglia di plastica. Una bambina si abbracciava e dondolava e altri sollevavano le sedie in bilico sulle gambe posteriori. Mai prima d'allora avevo visto tanto movimento eccessivo in una quinta classe. Sembravano i movimenti tipici di una scuola materna, non di una quinta elementare.

Perché questi bambini fanno tanta fatica? Pensai fra me e me; e non solo loro, ma la gran parte dei bambini di oggi?

Forse oggigiorno siamo solo più sensibili ai bisogni dei bambini? O c'è davvero un aumento dei problemi sensoriali? E qual è la causa? Avevo più domande che risposte.

Se avete scelto questo libro, scommetterei che anche voi avete più domande che risposte. E avete trovato il posto giusto. Qui culminano più di dicci anni di osservazione personale sui bambini, di studi condotti da me e di analisi attenta della letteratura scientifica.

La buona notizia è che molti dei problemi che osserviamo sono risolvibili, e in alcuni casi possono essere prevenuti. Al termine della lettura, avrete acquisito le strategie necessarie ad assicurarvi che vostro figlio sia esposto agli ambienti ideali nei quali praticare quel tipo di attività ludica all'aperto capace di aiutare a compensare i problemi dello sviluppo.

Ma prima, diamo un'occhiata più da vicino ai principali problemi evolutivi che i bambini di oggi si trovano ad affrontare. Risponderò ad alcune delle domande più comuni che mi vengono poste da genitori e insegnanti.

Mio figlio ha bisogno di terapie?

Se state leggendo questo libro è molto probabile che vostro figlio o un bambino che conoscete sia stato indirizzato verso la terapia occupazionale, la logopedia o qualche terapia fisica. In effetti, secondo uno studio (Szabo, 2011), questo è vero per un genitore su sei! È un fenomeno in crescita e mi sono ripromessa di arrivarne alla radice. I dati del Dipartimento dell'Istruzione statunitense mostrano che, fra il 1991 e il 2001, il numero dei bambini di cinque anni che ricevono la cosiddetta "assistenza specifica", secondo quanto previsto dal Programma per la Consapevolezza e l'Integrazione delle Disabilità in ambito Educativo, è aumentato del 31% (l'assistenza specifica include terapia occupazionale, terapie fisiche e logopedia). Il numero dei bambini di quattro anni che la ricevono è aumentato del 76%; il numero di quelli di tre anni del 94% (Szabo, 2011).

Secondo uno studio pubblicato su "Journal of Pediatrics" nel 2011, un bambino su sei ha una disabilità evolutiva. Fra il 1997 e il 2008 c'è stato un incremento del 17% nel numero delle diagnosi (Szabo, 2011). Persino a livello di scuola materna c'è stata una brusca e costante impennata nel numero di bambini che hanno bisogno di interventi precoci - qualcosa di inaudito negli anni passati.

In particolare, per la terapia occupazionale o ergoterapia, la richiesta è in continuo aumento. Il medico indirizza i bambini verso questo tipo di terapia se ci sono problemi di attenzione, di equilibrio, di forza, di coordinazione o di elaborazione sensoriale.

L'elaborazione sensoriale comprende tutto ciò che ha a che fare con i sensi. Problemi sensoriali comuni nei bambini spaziano dalla mancanza di consapevolezza spaziale al non ascoltare, al non tollerare di camminare a piedi nudi. Gli ergoterapisti aiutano i bambini a tollerare una varietà di esperienze sensoriali e a massimizzare la propria indipendenza funzionale. Negli ultimi quattro anni, le scuole pubbliche della città di New York hanno visto un aumento del 30% del numero dei bambini indirizzati verso la terapia occupazionale.

Le scuole pubbliche di Chicago hanno visto un aumento del 20% in soli tre anni. A Los Angeles, il numero dei bambini in terapia è balzato al 30% in cinque anni (Harris 2015). Allarmata dai dati di questa ricerca, ho deciso di portare avanti un mio studio personale.

Ho intervistato, in diversi stati del New England, dicci maestri esperti di scuola elementare. Poiché ognuno di loro aveva insegnato per almeno trent'anni, sapevo di poter contare su una buona prospettiva del cambiamento a cui i bambini sono stati soggetti negli ultimi decenni. I maestri hanno tutti indistintamente lamentato le stesse trasformazioni fisiche nei loro alunni.

Nel corso degli anni, hanno notato un lento declino nelle abilità grosso-motorie e della motricità fine, nella percezione spaziale, nell'autocontrollo, nell'attenzione e nella coordinazione. Le loro osservazioni illuminanti sono distribuite per tutto il capitolo e danno corpo ai dati appena citati, oltre a offrire una dimensione nuova ai problemi sensoriali e motori che potreste aver notato nei vostri figli o in altri bambini.

Le loro osservazioni hanno alimentato ulteriori domande: perché così tanti bambini, anche molto piccoli, hanno bisogno di ricorrere all'ergoterapia? Quali sono i ritardi e le disabilità evolutive in aumento? Perché sono sempre di più i bambini con problemi di equilibrio, di movimento, di attenzione e di controllo delle emozioni? Cosa avviene nel loro corpo? Nel resto del libro ci soffermeremo in dettaglio sulle risposte a queste e ad altre domande (che verranno poste sempre in questo capitolo), confortandovi con prospettive ottimiste che vi tranquillizzeranno.

Perché mio figlio non riesce a stare attento?

Negli ultimi dieci anni c'è stato anche un aumento nel numero di bambini in cui sono stati individuati problemi attentivi e un possibile disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Forse vostro figlio o qualcuno nella sua classe è uno di loro. Secondo uno studio pubblicato sul "Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry" (Visser et al., 2013), negli Stati Uniti è stato diagnosticato l'ADHD a due milioni di bambini - un numero impressionante! - negli otto anni dal 2003 al 2011.

Una maestra di scuola elementare mi racconta che, se va bene, almeno otto dei suoi ventidue alunni fanno fatica a stare attenti. "I bambini sono cambiati da quando ho iniziato a insegnare", afferma Fran Farmer, maestra di terza elementare molto stimata, una degli insegnanti che ho intervistato. Le ho chiesto se le sembrava che i bambini di oggi avessero più difficoltà a concentrarsi e stare attenti in classe rispetto al passato.

"Il numero di bambini con bisogni speciali e che necessitano di un'assistenza specifica è aumentato. Direi che sei su ventidue dei miei alunni fanno una grande fatica a stare attenti. Ho dovuto cambiare i miei metodi di insegnamento per adeguarmi a questa nuova generazione di bambini. Ero abituata a poter insegnare all'intera classe nel suo insieme, come un grande gruppo. Ora devo lavorare a piccoli gruppi e a tu per tu perché l'apprendimento abbia successo."

Non solo i bambini fanno più fatica a stare attenti, ma esprimono la loro mancanza di concentrazione in modo fisico, sotto forma di agitazione continua. Un'altra insegnante si lamenta: "Oggi i bambini non riescono a stare fermi; è come se stare a sentire non gli importasse affatto. Si agitano tutto il tempo e si alzano di continuo per andare in bagno".

Un insegnante di scuola media sostiene che "Non smettono di muoversi e alzarsi dai banchi. Ogni due minuti trovano una scusa per alzarsi dalla sedia, vuoi per andare in bagno, vuoi per temperare la matita. Non ricordo che questo succedesse quando io andavo a scuola!".

In altre parole, i bambini fanno di tutto tranne che stare seduti e attenti. Perché non ci riescono? Perché tutto questo muoversi? Non hanno tempo a sufficienza per muoversi durante la ricreazione? Tutta questa agitazione non ha un impatto negativo sulle capacità di apprendimento del bambino e sull'abilità didattica dell'insegnante? Cosa c'è al cuore di tanta agitazione?

Perché mio figlio non è fisicamente al passo con la sua età?

Avete per caso notato che al parco vostro figlio non riesce ad aggrapparsi alla scala orizzontale e a percorrerla come facevate voi alla sua età? Il suo appiglio dura un secondo o due e poi perde la presa e cade giù, piagnucola per la frustrazione, lascia perdere e sceglie di cimentarsi in qualcos'altro? O magari vi siete accorti che fatica a fare qualche rampa di scale o a salire su una collinetta senza lamentarsi.

Tutto questo sta diventando la norma. Studi e test standardizzati iniziano a dimostrare che la forza dei bambini nel complesso sta diminuendo. Uno studio pubblicato sulla rivista di salute infantile "Acta Paediatrica" ha misurato nel 2008 la forza di 315 bambini di 10 anni nella regione dell'Essex, comparandola a quella di 309 bambini che avevano la stessa età nel 1998.

I ricercatori hanno scoperto che il numero di addominali che i bambini erano in grado di fare era diminuito del 27,1%; la forza del braccio si era ridotta del 26% e quella della presa per aggrapparsi del 7%. Se nel 1998 un bambino su venti non riusciva a sostenere il proprio peso quando era appeso alla spalliera svedese, nel 2008 i bambini a non riuscirci erano uno su dieci (Campbell, 2011).

Di recente, mi è capitato di osservare questo calo della forza in modo molto concreto. Il bosco di TimberNook risuonava di giochi e risate, una vera magia; alcuni bambini collaboravano in un angolo con la loro neonominata "leader", che si distingueva per una speciale maschera ricoperta di piume e un mantello con lo strascico; altri formavano un gruppetto intento a fabbricarsi un negozio con tronchi, mattoni e corda; un falò era acceso e qualche bambino arrostiva biscotti.

Tutto procedeva al meglio nel mondo di TimberNook, finché...

Un bambino di otto anni ha lasciato andare a mezz'aria la liana di corda ed è caduto a terra, restando senza respiro. Agendo in fretta, pur mantenendo la calma, sono corsa da lui e mi sono inginocchiata al suo fianco; aveva le labbra quasi blu ed era in preda al panico; restare senza fiato doveva essere stata una sensazione nuova e spaventosa.

"Respira" gli ho sussurrato con dolcezza, "Andrà tutto bene, hai solo perso il respiro per qualche secondo."

Ha iniziato a piangere.

"Stai piangendo, è un buon segno, vuol dire che respiri!"

Quando ha iniziato a piangere più forte, ho immaginato i peggiori scenari, visto che terapeuti, genitori e bambini stavano tutti osservando con crescente preoccupazione. Sono trascorsi alcuni interminabili minuti e poi, tutto d'un tratto, si è alzato con relativa facilità, si è asciugato le lacrime e pulito i pantaloni sporchi di terra; era di nuovo in piedi e io ho tirato un sospiro di sollievo.

Aveva appena imparato, seppure nella maniera più dura, quello che ogni bambino deve imparare: a valutare la propria forza e le proprie capacità. Fa semplicemente parte dell'infanzia. Tuttavia, l'incidente mi ha colta di sorpresa, un bambino della sua età e corporatura non avrebbe dovuto incontrare difficoltà a restare appeso alla corda.

Avevo appena avuto il tempo di riflettere sulla cosa che altri tre bambini erano caduti dalla liana di corda in quella settimana! Prima di allora simili cadute erano state molto rare.

La corda è sicura, robusta, e arriva fino a terra, così che a tutte le età la si può afferrare facilmente. Per riuscire a restare aggrappati, i bambini devono però avere una solida presa e una muscolatura forte del tronco e della metà superiore del corpo. Il problema non è la corda, ma è che alcuni bambini non hanno abbastanza forza.

La riduzione della forza nei muscoli del tronco dovrebbe destare particolare preoccupazione. Nel 2012 ho condotto un test in una scuola elementare per valutare la capacità degli studenti di mantenere la posizione da Superman (stesi a pancia in giù con braccia e gambe sollevate), fare la flessione supina (stesi sulla schiena in una particolare posizione raccolta) e la flessione classica faccia a terra.

La gran parte dei bambini non era in grado di eguagliare gli standard dei loro coetanei dei primi anni '80. Le tre classi sottoposte al test hanno dimostrato un'insufficiente forza muscolare del tronco, se paragonata a quella dei bambini di trent'anni fa.

Nel corso di una conferenza per ergoterapisti in Ohio, dopo aver parlato di TimberNook sono stata avvicinata da una collega; mi ha spiegato che alcuni dei realizzatori dei test standardizzati per la misurazione della forza stanno pensando di rinormalizzare il test per via del fatto che i bambini non rispettano più gli standard di un tempo.

Ha proseguito dicendo che la cosa stava provocando una notevole agitazione e forti controversie nel mondo della terapia occupazionale. Da un lato, gli ergoterapisti vorrebbero comparare i bambini di oggi con parametri medi della forza che siano aggiornati, ma d'altro canto, poiché i bambini sono sempre più deboli, la mia collega si chiedeva se non faremmo meglio a far restare i bambini negli standard dei primi anni '80.

Non era la prima volta che mi capitava di sentire una cosa del genere. Durante un corso di formazione continua per professionisti della salute, un'altra ergoterapista si lamentava dello stesso problema. Aveva osservato che i bambini stavano diventando molto più deboli. Le misure dei pantaloni cambiano e si adattano a una società più obesa, temeva che avremmo fatto la stessa cosa con i test standardizzati - modificare la "norma" per adeguarla alla nuova debolezza dei bambini odierni.

Le prove relative alla forza hanno raggiunto ormai i livelli più bassi di sempre. Per rispondere a questa allarmante scoperta potrebbe essere più semplice accettare una nuova norma anziché lavorare attivamente verso una soluzione. Ciò nondimeno, quando ci aspettiamo meno dai nostri figli, anziché aiutarli a tenersi su standard più elevati, il rischio è di spianare loro la strada verso il fallimento.

Perché i nostri bambini si stanno indebolendo? Cosa significa per la crescita e lo sviluppo a lungo termine? Cosa c'è alla radice del problema?

Giocate all'Aria Aperta!

Perchè il gioco libero nella natura rende i bambini intelligenti, forti e sicuri

Angela J. Hanscom

La natura avvolge l'uomo e gli insegna ad essere felice...quindi genitori lasciate che i bambini tornino alla natura! Oggi è raro vedere bambini che si rotolano giù dai pendii erbosi o si arrampicano sugli alberi per...

€ 18,00 € 15,30 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Angela J. Hanscom, terapista occupazionale pediatrica e fondatrice di TimberNook, un programma per l’età evolutiva fondato sul contatto con la natura, che ha ottenuto premi e riconoscimenti ed è divenuto famoso a livello internazionale.
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Perché non riesce a stare fermo? - Estratto da "Giocate all'Aria Aperta!"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste