Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Perché consumare germogli?

di Simona Vignali, Serena Babbo 9 mesi fa



Leggi un estratto dal libro "Germogli" di Simona Vignali e Serena Babbo

Forse vi sarà capitato di assaggiare almeno una volta nella vita i germogli - magari quelli di soia o di alfa-alfa, i più diffusi - e di apprezzarne il sapore fresco e aromatico.

Oltre a questi due tipi di germogli ormai comuni, molti altri sono oggi reperibili nei negozi di alimentazione naturale, nella maggior parte dei supermercati e online, in siti specializzati; ma potete anche coltivarli facilmente in casa (e più avanti vi spiegheremo come).

Indice dei contenuti:

Più nutrienti della pianta adulta

I germogli derivano dai semi di ortaggi, cereali e legumi.

Sono alimenti vivi, la parte da cui ha inizio la crescita della pianta, e quindi la più ricca di energia vitale. Per questo possiedono proprietà nutrizionali molto maggiori rispetto alla pianta adulta e percentuali molto più concentrate di vitamine, enzimi, sali minerali e aminoacidi essenziali.

Inoltre i carboidrati contenuti nei germogli sono trasformati nel nostro organismo in zuccheri semplici, quindi risultano facilmente assimilabili; lo stesso vale per le proteine e i grassi, che si trovano scissi nei loro componenti base.

Una scorta di enzimi

Una delle più interessanti caratteristiche nutrizionali dei germogli è l’elevato contenuto di enzimi, sostanze che dovrebbero abbondare nella nostra dieta. Purtroppo, al giorno d’oggi, gli enzimi scarseggiano nella frutta e nella verdura fresche a causa dei trattamenti e dei lunghi tempi di conservazione a cui tali prodotti sono sottoposti.

La carenza di enzimi vitali nell’alimentazione è una delle cause principali di stanchezza, difficoltà digestive, problemi intestinali, colorito spento e mancanza di concentrazione. Infatti, se non li introduciamo con la dieta, gli enzimi vengono sintetizzati dal nostro organismo, con un gran consumo di energia.

Ricchi di clorofilla e vitamine

Tutti i tipi di germogli contengono anche elevati quantitativi di clorofilla, nota per avere una composizione chimica simile a quella dell’emoglobina del sangue, per le sue proprietà antianemiche, antiossidanti, energizzanti e per favorire la circolazione e la depurazione del corpo.

I germogli sono poi una fonte preziosa di vitamine:

  • la vitamina A, contenuta in molti germogli, oltre ad avere proprietà antiossidanti, aiuta l’apparato digerente, il sistema riproduttivo e la salute degli occhi;
  • le vitamine del gruppo B sono indispensabili per la digestione e il sistema nervoso;
  • la vitamina C è benefica per la salute della pelle, dei denti e delle gengive;
  • la vitamina E è antiossidante e necessaria al sistema immunitario;
  • la vitamina K, che aiuta la coagulazione del sangue, è efficace nelle emorragie;
  • la vitamina U, presente in molti germogli, è benefica in caso di ulcere.

Minerali preziosi

Un’altra caratteristica che rende i germogli interessanti dal punto di vista nutrizionale è la ricchezza di sali minerali, in particolare:

  • il calcio, utile per l’apparato scheletrico e per i denti e per fissare la vitamina D;
  • il potassio, che mantiene il giusto livello alcalino nel sangue;
  • il magnesio, utile per salvaguardare il sistema nervoso e l’apparato muscolare;
  • lo zinco, legato alla sintesi delle vitamine, utile per il corretto funzionamento del fegato e per la coagulazione del sangue;
  • il ferro, che favorisce la formazione di globuli rossi ed è indispensabile in caso di anemia;
  • il fosforo, utile per la formazione del tessuto osseo e sanguigno;
  • lo zolfo, con proprietà antitumorali;
  • il selenio, antiossidante e chemio-protettore
Germogli

Germogli

Derivati dai semi di ortaggi, cereali e legumi, i germogli sono alimenti vivi: si tratta della parte da cui ha inizio la crescita della pianta, e quindi la più ricca di energia vitale. Per questo possiedono proprietà nutrizionali molto maggiori rispetto alla pianta adulta e percentuali molto più concentrate di vitamine, enzimi, sali minerali e aminoacidi essenziali. I carboidrati e le proteine che forniscono, inoltre, sono facilmente assimilabili dall'organismo.

Questo libro illustra tutto ciò che c'è da sapere sull'argomento:

  • quali sono le virtù nutrizionali di ciascun germoglio;
  • come scegliere e coltivare in casa i germogli, con e senza il germogliatore;
  • 50 ricette sane e sfiziose per esaltare il sapore dei germogli e beneficiare delle loro straordinarie proprietà.
Acquista ora

Simona Vignali è laureata in Lingue Orientali, naturopata, massofisio-terapista, insegnante di discipline naturali, Ayurveda e massaggio ayurvedico. Ha studiato in India, Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti. Ha pubblicato numerosi articoli sulla salute e il benessere, tiene conferenze e corsi...
Leggi di più...

Serena Babbo è una rinomata vegan-chef che tiene corsi di cucina vegetariana, vegana, gluten free e crudista. Collabora con Simona Vignali da oltre 15 anni e insieme dirigono la Scuola di Cucina Naturale presso lo Spazio SoloSalute di Milano.
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Perché consumare germogli?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste