800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Libri misteriosi - Estratto da "La Storia si Sbaglia"

di Erich von Däniken 3 mesi fa


Libri misteriosi - Estratto da "La Storia si Sbaglia"

Leggi in anteprima le prime pagine del libro di Erich von Däniken e scopri perché quello che oggi sappiamo sulla storia del mondo in realtà non è la verità

Fu un sondaggio veloce, il mio: solo un paio di giorni di lavoro. Iniziai con mia moglie, la luce dei miei occhi, per continuare poi in ufficio. Facevo a tutti la stessa domanda. Telefonai a qualche parente, e con un po' di coraggio parlai anche con completi estranei, al ristorante.

«Mi scusi. Potrei farle una domanda?», chiedevo educatamente; nonostante le mie buone maniere molte delle persone a cui mi rivolgevo aggrottavano le sopracciglia, perplesse, con un'espressione che sembrava voler dire: Ma cosa cavolo vuole questo tizio? Riuscii comunque a ottenere cento risposte. Un numero sufficiente.

«Ha mai sentito parlare del manoscritto Voynich?».

«Il... cosa?».

Indice dei contenuti:

Una domanda insolita

Su cento persone, soltanto una aveva sentito parlare del manoscritto Voynich, e comunque non sapeva nulla di rilevante in proposito. Il manoscritto Voynich? Non c'era un articolo sulla rivista tedesca P.M.V Voynich? Una specie di codice segreto della Seconda guerra mondiale?

Eppure esistono moltissime pagine Internet che parlano di questo manoscritto. Sono stati scritti centinaia di trattati, sia da scienziati sia da non-tecnici, a proposito del Voynich. Tra i libri uno dei migliori è The Voynich Manuscript, degli autori britannici Kennedy e Churchill, testo che presenta l'intera storia di questo documento enigmatico e assurdo, nonché buona parte delle speculazioni che lo riguardano e dei tentativi di decifrarlo.

A dire la verità, tutto ciò che si poteva scrivere su questo tema è già stato scritto, quindi non ha senso che io lo ripeta qui. La mappa mondiale degli studi sul manoscritto Voynich, però, presenta ancora delle aree da esplorare, collegamenti che non ho mai incontrato in nessuno dei lavori dedicati a questo argomento. Il nostro modo di pensare è caratterizzato — o per lo meno così pensiamo - dalla logica e da solide basi informative, ma in realtà noi siamo solo delle righe di un libro enorme; un libro le cui prime 4000 pagine ci sono ignote.

Ora viviamo su una singola pagina, ma della totalità della composizione non conosciamo né il vocabolario né l'alfabeto. La ragione di oggi non accetta la ragione del passato; e con questo mi rivolgo alle persone che hanno conservato la loro intelligenza anche dopo essere entrate a far parte del mondo accademico. I miei lettori non devono fare la fine delle cento persone che ho intervistato. E per questo motivo che voglio parlarvi dell'incredibile manoscritto Voynich.

L'uomo dietro il manoscritto

Il 31 ottobre 1865, nella città di Telsiai, in Lituania, la famiglia Wojnics festeggiava la nascita di un figlio. Dai registri risulta che i genitori lo battezzarono «Michal», ma in seguito quest'ultimo decise di cambiare il proprio nome in «Wilfryd».

Suo padre, che lavorava in un ufficio governativo, lo mandò a scuola e poi all'università di Mosca, dove studiò chimica e diventò farmacista. Cominciò a interessarsi di politica ed entrò nel movimento nazionalista polacco, che allora combatteva per liberare la Polonia dalla Russia. Si unì a un gruppo di giovani attivisti che stavano tentando di salvare due dei loro compagni da una condanna a morte; venne quindi arrestato nel 1885 e rinchiuso in cella di isolamento nella prigione di Varsavia.

Nell'estate del 1887 Wilfryd doveva essere trasportato in un campo di prigionia in Siberia, ma in qualche modo riuscì a fuggire. Arrivò - nessuno sa come - a Londra, dove riemerse tre anni dopo.

Nel periodo in cui risiedeva nel quartiere londinese di Chiswick, fece la conoscenza di un gruppo di inglesi fanatici e russi in esilio, decisi a porre termine al regno dello zar. Pubblicavano una rivista rivoluzionaria chiamata Russia libera, che Wilfrid Voynich (nel frattempo aveva anglicizzato il suo nome) vendeva per strada.

Con l'aiuto della fidanzata, Ethel Boole, si fece strada fino ad arrivare al ruolo di responsabile di una piccola libreria. Nel settembre del 1902 i due si sposarono, per amore ma anche per convenienza: Wilfrid voleva diventare cittadino del Regno Unito, e l'unico modo era quello di sposare una cittadina britannica.

Wilfrid Voynich condusse una vita emozionante, con molti alti e bassi; era costantemente a corto di denaro. I coniugi Voynich incominciarono a contrabbandare libri proibiti, che introducevano in Russia. Wilfrid viveva nel costante timore di essere vittima di un attacco politico, quindi viaggiava in incognito, utilizzando nomi diversi a seconda del Paese in cui si trovava e delle persone a cui si accompagnava.

Tornato a Londra aprì una libreria antiquaria, e iniziò ad acquistare vecchi libri e manoscritti. Il negozio diventò presto un caotico tesoro di esotiche pergamene e testi a stampa risalenti ai più svariati periodi. Voynich sosteneva di avere trovato il «libro più misterioso del mondo» in un antico castello dell'Europa meridionale.

Quel manoscritto colorato era rimasto nascosto in una vecchia cassa, e nessuno sapeva della sua esistenza. L'intera opera era scritta su pergamena e illustrata con innumerevoli disegni a colori. Voynich immaginò subito che potesse risalire alla seconda metà del XIII secolo.

Da quel momento, quell'opera illeggibile prese il nome di «manoscritto Voynich».

Cosa accadde in seguito

Dopo la morte di Voynich (19 marzo 1931) si venne a sapere che la storia secondo la quale il manoscritto era stato trovato in un «antico castello» era in realtà inventata. Wilfrid specificò, nel suo testamento, la volontà di lasciare il manoscritto alla moglie Ethel e alla sua segretaria, Anne Nili; dopo la morte di Ethel, Anne Nili ne diventò l'unica proprietaria.

La donna scrisse, in una lettera resa pubblica solo dopo la sua morte, che Wilfrid aveva trovato il manoscritto nel 1912 in un ex collegio gesuita, a Villa Mondragone. La villa era stata in passato un centro per la formazione dei gesuiti e aveva ospitato un'imponente collezione di vecchi manoscritti provenienti dalla biblioteca del Collegio Romano.

Nel 1870 i gesuiti, temendo che i soldati di Vittorio Emanuele potessero saccheggiare la biblioteca e venderne le opere, trasferirono la collezione a Villa Mondragone, nella città di Frascati, a nord di Roma. Fu lì che Voynich scoprì il manoscritto, frugando in un vecchio baule. I gesuiti avevano bisogno di denaro per ristrutturare il loro edificio diroccato, così avevano prontamente offerto all'astuto libraio londinese casse piene di manoscritti ingialliti. Voynich acquistò 30 vecchi volumi e i gesuiti, che pensavano di essere stati furbi, non capirono mai quale tesoro avevano messo nelle mani di quell'uomo zelante.

A un antiquario come Voynich, che aveva regolarmente a che fare con pile e pile di testi antichi, quella curiosa pergamena multicolore custodita nel baule marrone probabilmente gli fece schizzare gli occhi fuori dalle orbite. Ciò che lo sorprese maggiormente, però, fu una lettera che trovò pressata tra la copertina e la prima pagina; era in latino, ed era stata scritta a Praga da un certo «Johannes Marcus Marci de Cronland», il 19 agosto 1666. Era indirizzata al suo amico Athanasius Kircher e spiegava come gli stesse inviando un testo che nessuno era in grado di leggere. Se c'era qualcuno in grado di decifrarlo, quel qualcuno era proprio Athanasius.

A proposito dell'origine del manoscritto, Marci scriveva:

Il dottor Raphael, tutore di lingua boema di Ferdinando III, allora re di Boemia, mi riferì che il suddetto libro era appartenuto all'imperatore Rodolfo, e mi disse di avere offerto 600 ducati alla persona che gliel'aveva portato. Egli pensava che l'autore dell'opera fosse Ruggero Bacone, l'inglese.

A questo punto la storia comincia a farsi complicata.

L'imperatore Rodolfo II, incoronato nel 1576, era un uomo malinconico tormentato da dubbi e fissazioni, che aveva molta fiducia negli astrologi e nei maghi, tanto da gratificarli con premi in denaro. A quell'epoca Praga, capitale del regno e residenza di Rodolfo, accoglieva società segrete, alchimisti e occultisti.

Praga era la città del golem, l'immaginario automa d'argilla della tradizione ebraica, una metropoli dove l'Apocalisse (la «rivelazione segreta» che segue i quattro vangeli del Nuovo Testamento) era argomento quotidiano di conversazione. Il manoscritto Voynich si sarebbe ben adattato a quel periodo, che precedeva di poco lo scoppio della Guerra dei trent'anni, e sarebbe stato di sicuro interesse per la corte di Rodolfo II. Purtroppo, Marci scrisse, nella sua lettera per Athanasius, che anche l'imperatore Rodolfo pensava che il manoscritto fosse opera di Ruggero Bacone.

Il collegamento Bacone

Quell'ipotesi doveva avere emozionato parecchio Wilfred Voynich, perché Ruggero Bacone (circa 1214-1294) era considerato da molti un genio universale. Bacone aveva studiato a Oxford e aveva insegnato filosofia a Parigi.

Era l'autore di numerosi lavori, come Y Opus maius, Y Opus minus, Y Opus tertium, e di un'eccezionale enciclopedia. Bacone era molto avanti rispetto al suo tempo: scrisse di navi del futuro che non avrebbero più avuto bisogno del timone e che sarebbero state condotte da un uomo solo, e di veicoli da combattimento che si sarebbero mossi con una potenza incredibile.

Nel 1256 espresse anche le sue idee riguardo al volo: «Si costruiranno macchine volanti (instrumenta volandi)... furono già fabbricate un tempo, ed è sicuro che l'uomo disporrà di un apparecchio per volare».

Bacone, che criticò l'autorità morale della Chiesa, visse in tempi pericolosi. Dopo la pubblicazione del suo ultimo lavoro, Compendium studii Theologiae, fu soprannominato doctor mirabilis per i risultati ottenuti in ambito linguistico e scientifico. Forse per cercare di adattarsi alla sua epoca, si unì all'ordine francescano, ma entrò molto presto in conflitto con i suoi superiori e venne persino messo in stato di arresto monastico.

Fu questo Ruggero Bacone a scrivere il manoscritto Voynich? Non ci sono prove, però non possiamo escludere completamente questa possibilità. Un'opera come il manoscritto Voynich, tuttavia, avrebbe rappresentato una sfida troppo grande anche per una persona di talento come Ruggero Bacone; dopotutto contiene un alfabeto completamente nuovo, che sfida completamente la logica, e illustrazioni a colori di piante e utensili che non esistevano in alcun luogo della Terra. D'altra parte Bacone deve aver avuto sicuramente accesso a certi testi antichi, altrimenti non avrebbe potuto parlare di antiche macchine volanti nel suo trattatello sulle «arti segrete». Questi veicoli volanti sono menzionati spesso nei documenti storici.

Gli annali raccontano la storia del re cinese Cheng Tang, che possedeva «carri volanti» non prodotti nelle sue officine, ma provenienti da un popolo denominato Chi Kung. Questa razza viveva a 40.000 li «oltre il cancello di giada».8 Dovunque si trovasse, doveva essere dall'altra parte del mondo, perché un «li» corrispondeva a 644,40 metri (40.000 li erano quindi più di 25.000 chilometri!). Ecco come era descritto, letteralmente, il popolo Chi Kung:

Potevano persino fabbricare carri volanti che, con vento propizio, riuscivano a coprire grandi distanze. Nell'epoca di Tang (intorno al 1760 a.C.) il vento dell'ovest portò uno di quei carri a Yu-Chou (Henan), ma Tang lo distrusse perché non voleva che il suo popolo lo vedesse.

Il cronista cinese Kuo P'o (270-324 d.C.) continuò dove i suoi antenati si erano interrotti, scrivendo: «Le abili opere del popolo Chi Kung sono davvero ammirevoli. Insieme al vento, esercitarono il loro cervello e inventarono un carro volante che, scavalcando monti e immergendosi nei mari, a seconda del percorso scelto, trasportava ospiti fino a Tang».

Di macchine volanti come queste, che oggi possono sembrarci piuttosto bizzarre, esistono disegni e pitture murarie. Il re Cheng Tang nascose quelle antiche macchine volanti alla vista dei suoi sudditi. Il suo «capo ingegnere» Ki Kung Shi riuscì a riprodurre uno dei carri celesti, ma la mostruosità volante venne distrutta per proteggere per sempre quel segreto.

Disarmo nell'antica Cina! Nella sua opera Sbang hai ti-shing, il cronista Kuo P'o racconta vari episodi accaduti in quell'epoca." I suoi scritti non solo raccontano di carri volanti, ma descrivono anche ruote volanti.

La mia breve digressione sull'aviazione antica non è priva di scopo. Ruggero Bacone conosceva testi come questi? I lettori dei miei libri sanno che i carri volanti appaiono in numerosissime tradizioni storiche; il fatto è che nessuno le nota. Il re indiano Rumanvat, che regnò molte migliaia di anni fa, aveva perfino un'imponente nave celeste, capace di trasportare in una sola volta molti gruppi di persone. Nei poemi epici Ramayana e Mahabarata ci sono più di 50 passaggi che descrivono chiaramente delle macchine volanti, e nel Kebra Negast etiopico, il «Libro della gloria dei re», la descrizione del carro volante di re Salomone comprende perfino dati sull'alta velocità che quel velivolo poteva raggiungere!

E non finisce qui! Chi non conosce questi antichi testi sull'aviazione dovrebbe rimanere in silenzio. Io ho l'impressione che Ruggero Bacone conoscesse almeno una di queste vecchie fonti; per questo non rimase in silenzio.

C'è un grande problema (uno dei tanti!) che riguarda tutte queste tradizioni antiche: solo poche persone ne conoscono i testi. Oltretutto, migliaia e migliaia di libri antichi non esistono più. La grande biblioteca di Alessandria andò in fiamme nel 47 e nel 391 d.C. Lo stesso accadde a quella di Gerusalemme, Pergamo, e di molte altre città devastate dalle guerre.

E quando l'America centrale fu conquistata dai soldati della croce, i monaci - nel loro sacro fervore - bruciarono migliaia di manoscritti maya e aztechi. Tutte quelle antiche conoscenze andarono semplicemente in fumo! Dove sono gli originali di testi come quelli di Enoch, Salomone, Manetone? Dove sono i testi originali che parlano di Atlantide? Il mio piccolo viaggio nell'abisso del tempo rivela una società insulsa e ignorante che giudica senza capire.

La Storia si Sbaglia

Dal manoscritto Voynich al libro di Enoch, le prove che il mondo non è quello che crediamo

Erich von Däniken

Erich von Däniken dimostra ancora una volta che ciò che siamo abituati a credere, non è la realtà! Dopo aver analizzato centinaia di testi antichi, apparentemente non collegati, è pronto ad annunciare che la storia si...

€ 16,00 € 13,60 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Erich von Däniken (Zofingen, 14 aprile 1935) è un saggista svizzero. È noto per i suoi libri di archeologia misteriosa. È uno dei principali sostenitori della cosiddetta teoria degli antichi astronauti. Fu educato presso il College St-Michel di Friburgo in Svizzera dove sviluppò un certo...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Libri misteriosi - Estratto da "La Storia si Sbaglia"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste