800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

La vera stanchezza - Estratto da "Il Nuovo Anno"

di Omraam Mikhael Aivanhov 5 mesi fa


La vera stanchezza - Estratto da "Il Nuovo Anno"

Leggi in anteprima un estratto dal libro di Omraam Mikhael Aivanhov

Vedo che state aspettando che vi dica ancora qualcosa... Non siete stanchi?... È straordinario! Da questa mattina, sono già dieci ore che stiamo insieme. State diventando instancabili...

Al giorno d'oggi si incontrano sempre più persone stanche. Perché? Perché il loro organismo è sovraccarico di impurità che esse hanno accumulato a causa del cibo, delle bevande, dell'aria inquinata, ma anche a causa dei pensieri e dei sentimenti grossolani ai quali si lasciano andare.

Occorre capire bene l'importanza della purezza nei diversi campi. Se l'uomo riesce a introdurre veramente la purezza in tutte le proprie cellule, diventa instancabile, diventa immortale. Sì, a quel punto la morte retrocede: non ha più presa su chi è puro. È così che nel passato certi esseri sono riusciti a vivere per secoli. Direte che non è possibile. Sì, invece: l'organismo umano è preparato per resistere anche migliaia di anni, e se attualmente l'uomo non vive a lungo, è proprio a causa del modo in cui vive.

Certe tradizioni riferiscono che alla nascita di un bambino si riunivano tre divinità che presiedevano ai destini umani: i Greci chiamavano quelle divinità "le Parche"; in altri paesi erano le fate a fissare la durata della vita e ad assegnare al bambino le qualità o i difetti. In realtà non sono né le Parche né le fate, in quanto già da molto tempo il destino di un essere è stato determinato dal bene o dal male che egli ha compiuto nel corso delle sue precedenti incarnazioni.

Direte: «Ma in che modo viene determinato il destino?».

In modo automatico. Sì, ci sono dei distributori automatici. In funzione delle sue vite passate, è necessario che la tale persona nasca in una determinata famiglia, in un determinato paese, in una data epoca, e quindi in corrispondenza esatta con ciò che quella persona dovrà compiere, e automaticamente tutto si mette in moto affinché ciò possa realizzarsi.

Quando andate in un negozio per acquistare della frutta, del formaggio o dello zucchero, è una macchina a calcolare la somma che dovete pagare; oppure introducete alcune monete in un distributore automatico, ed ecco uscire un panino o delle caramelle o dei francobolli... Se gli esseri umani sono abbastanza intelligenti da fabbricare dei distributori automatici, credete che il mondo invisibile non ne sia capace? Lassù tutto viene classificato, catalogato, organizzato, e senza bisogno di arrovellarsi.

Quindi non c'è bisogno di divinità che presiedano al destino degli esseri umani; si trattava solo di un'immagine che gli Iniziati dell'antichità davano agli uomini per mostrare loro che alla nascita tutto era già determinato. Sì, ecco una grande verità: tutto viene stabilito in base alle nostre vite precedenti.

In che modo? Ebbene, nell'uomo si trovano dei registratori che incidono nella loro memoria tutto ciò che egli ha fatto: se ha vissuto bene oppure male, se ha rispettato o ha trasgredito le leggi divine... Sì, sono degli apparecchi a occuparsi di tutto questo, e in seguito, per classificare quell'uomo, gli apparecchi indicano soltanto un nome e, in base a quel nome, subentrano determinati esseri - che non sono né le Parche né le fate, bensì entità superiori - che lo orientano in una direzione oppure in un'altra.

È in voi stessi che la natura ha installato quelle macchine: esse registrano e poi fanno il riassunto traendo conclusioni su ciò che siete. È così che venite classificati, e siete voi stessi a farlo. Nessun altro ha il diritto di classificarvi, altrimenti potrebbero esserci parzialità e ingiustizie. La giustizia assoluta consiste nell'essere giudicati da se stessi, ossia da qualcosa che è dentro di voi, poiché voi siete i soli a conoscere tutto nei dettagli: le vostre finalità, le vostre intenzioni... Nessun altro all'infuori di voi può conoscerle. Quindi, sappiatelo, un giorno sarete voi stessi a giudicarvi; quegli apparecchi sono stati sistemati dentro di voi così bene dal Creatore che non potrete sbagliarvi.

Quando gli astronomi o i matematici devono eseguire dei calcoli estremamente complicati, per i quali occorrerebbero settimane, affidano il compito a una macchina e in pochi secondi quei calcoli vengono eseguiti. Per l'uomo avviene la stessa cosa: tutti i dati del suo "problema" si registrano, e appare un nome che è il riassunto di ciò che egli è, e quel nome determina automaticamente la sua successiva incarnazione.

Ma quando dico "automaticamente", ciò non significa che tutto avvenga inconsciamente, senza intelligenza. Nel mondo invisibile anche le macchine sono coscienti. Sulla terra le macchine non sono coscienti, ma in alto tutto è cosciente perché tutto è vivo.

La natura è piena di apparecchi registratori e trasmettitori: le rocce, le pietre, la sabbia... Sì, se solo sapeste ciò che ogni granello di sabbia racchiude come registrazioni! Ancora non si conosce il mezzo per decifrare tali registrazioni, ma forse un giorno ci si riuscirà: si prenderà una pietra dell'Egitto, dell'India, o anche una pietra di Atlantide, che si sarà andati a cercare nelle profondità del mare, e da quella pietra ci si farà raccontare la storia di tutte le epoche che ha attraversato.

Attualmente, già si parla di poter captare i suoni emessi dal sole e dalle stelle. Tutti i pianeti e tutte le stelle emettono dei suoni; ecco perché gli Iniziati dicevano che nella natura tutto è musica, tutto canta.

Tuttavia sono le pietre a poterci dare il maggior numero di informazioni. Tutto il resto è scomparso: le piante, gli animali, e sono scomparsi anche gli uomini con le loro scoperte; ma le pietre e i metalli sono ancora lì e possono raccontarci la storia del mondo.

Ecco la vera archeologia! Occorre decifrare quei reperti captando le onde che emettono.

Tratto dal libro:

Il Nuovo Anno

Omraam Mikhael Aivanhov

Una serie di insegnamenti del maestro ai suoi allievi che spaziano su tantissimi temi, soprattutto legati agli inizi.

Vai alla scheda

Omraam Mikhaël Aïvanhov il 31 gennaio 1900 a Serbzy, in una famiglia povera di un piccolo villaggio della Macedonia ai piedi della Babouna Planina. Il suo nome originario è Michael Ivanoff. L'ambiente nel quale trascorre la sua infanzia è estremamente difficile in quanto la Macedonia,...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su La vera stanchezza - Estratto da "Il Nuovo Anno"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste