Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

La Teoria delle Signature - Parte 5

di Barbara Pozzi 1 anno fa



Le relazioni tra piante, pianeta e corpo umano

Abbiamo detto che c'è una letteratura che deve essere assolutamente salvata dall'oblio, perché ci mantiene in contatto con le teorie delle scuole di fitoterapia più antiche e ancora oggi ci guida e ci insegna ad avere un rapporto rispettoso e corretto con la Natura, inoltre ci aiuta a trarre beneficio da essa.

La stessa cosa si può dire per un altro inestimabile patrimonio a rischio di estinzione.
E' nelle menti, nelle tradizioni, nella storia delle generazioni più anziane.

Le nostre radici

C'è un modo di vivere con la Natura e nella Natura che viene dal passato e che non ci è stato insegnato a parole, è stato semmai trasmesso istintivamente ai più ricettivi fra noi dai nostri padri e dalle nostre madri. Sono le nostre radici, da cui non dobbiamo staccarci e di cui ci dobbiamo pienamente riappropriare.

Sono le stesse radici della scienza alchemica, del legame tra il potere curativo delle piante, i pianeti, lo zodiaco e l'uomo, radici che vengono attribuite alla tradizione dell'antico Egitto e sono passate poi attraverso varie importanti civiltà. Ma sono giunte anche alla tradizione contadina.

Lo stesso Paracelso sostiene che per conoscere non basta lo studio, di tanto in tanto è bene consultare anche le vecchie donne esperte, i viaggiatori e i contadini di ogni specie. E imparare da loro.

La cultura contadina

Mi è capitato recentemente di raccontare a mio padre quello che avevo scoperto negli anni della mia formazione come aromaterapeuta, di parlargli del rapporto tra l'uomo, il cosmo e la natura, delle proprietà medicinali delle piante. E ho scoperto che non gli stavo dicendo nulla di nuovo.

Per lui si trattava di cose ovvie, già assimilate da tempo. Nozioni che trovava interessanti, anzi appassionanti, ma per molti aspetti scontate. Fin da ragazzini, lui e la sua generazione avevano vissuto in quel modo.

Non avevano letto Paracelso, non avevano avuto l'opportunità di farsi una cultura scientifica.

Molti di loro, da giovani, non avevano le possibilità economiche per acquistare i medicinali ed era logico, normale ricorrere alla pianta più indicata per curare un determinato malanno. Non sapevano la specifica scientifica, non conoscevano il chemiotipo degli oli essenziali, le molecole per loro erano qualcosa di ignoto. Ma non avevano bisogno di questi particolari per fare le scelte giuste.

Si erano sempre curati con la medicina tradizionale popolare che derivava dalla loro esperienza contadina.

Un patrimonio da salvare

Ai nostri genitori bastava sapere, per fare un esempio, che quel muschio specifico e di quel particolare colore faceva molto bene per le piccole ferite. E andavano a prenderlo dove sapevano che l'avrebbero trovato, riconoscendolo senza indugio fra tutti gli altri.

Per fare un altro esempio, non sarebbero mai morti di fame, come capiterebbe probabilmente a noi se rimanessimo senza energia elettrica. Mia madre, come altre donne e uomini della sua generazione, conosce tutte le piante alimentari spontanee esistenti in natura.

Non sono informazioni lette sui libri, sono state trasmesse di generazione in generazione.

Quello dei nostri genitori era davvero un modo di vivere appieno la Natura, con cui mantenevano un contatto che si può definire sciamanico.

Ora molte cose sono cambiate, viviamo diversamente, ma il patrimonio di conoscenze che i nostri padri e le nostre madri hanno ereditato dalle generazioni precedenti è un passaggio importante, che a molti di noi manca.

Ed è qualcosa che deve essere assolutamente portato sulla carta, affinché non scompaia con loro e per sempre.

Caratteristiche energetiche delle piante

Ecco alcune caratteristiche energetiche planetarie legate alle piante e dunque agli oli essenziali da esse derivati.

  • Qualità Venusiane: femminilità, rilassatezza, accoglienza, sensualità, grazia, fertilità.
  • Oli essenziali governati da Venere: lenitivi, diuretici, depurativi, calmanti, antiinfiammatori. Agiranno sulla sfera psico-emotiva andando a supportare il fascino, l’empatia, il calore e la tenerezza, le abilità creative.
  • Esempi: in generale i fiori, Rosa, Geranio, Neroli, Lavanda, Melissa, Vaniglia, Verbena.

Da "Il serto di Iside" Quaderni di Erboristeria Alchemica di Angelo Angelini.

Ti consigliamo...


Barbara Pozzi è il naso di Olfattiva. Seleziona materie prime da tutto il mondo, esprimendo il potenziale delle piante attraverso la profumeria botanica e le sinergie per l’aromaterapia. Quello che le sta più a cuore è il benessere delle persone e dell’ambiente in cui vivono.
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su La Teoria delle Signature - Parte 5

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste