800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

INSIEME per il Bene Comune

di Sonia Collinelli 4 mesi fa


INSIEME per il Bene Comune

Macrolibrarsi presenta il proprio Bilancio del Bene Comune, un passo concreto verso un nuovo tipo di fare impresa: responsabile, collaborativo, etico, sostenibile ed equo

Tutto è iniziato poco più di un anno fa: un giorno mi sono ritrovata sulla scrivania dell’ufficio un libretto di colore verde acceso dal titolo accattivante, anche per chi, come me, non fa delle letture economiche il proprio passatempo quotidiano. Si trattava de L’economia del Bene Comune, di Christian Felber. Il libro veniva da Francesco Rosso, che insieme alla sorella Wahleeah gestisce Macrolibrarsi e che, vedendo la mia faccia perplessa, annunciò: «Vorrei che lo leggessi perché vorrei iscrivere Macrolibrarsi alla Federazione per l’Economia del Bene Comune».

All’epoca non sapevamo ancora che questa decisione avrebbe portato alla costituzione del primo gruppo della regione Emilia-Romagna per l’Economia del Bene Comune e ai primi tre bilanci in lingua italiana secondo le linee guida più aggiornate della Federazione. Ora però è giusto spiegare meglio di cosa si tratta e perché questo progetto è, per noi di Macrolibrarsi, così importante.

Indice dei contenuti:

Il Bene Comune risuona nel nostro DNA aziendale

L’Economia del Bene Comune è un movimento internazionale nato per promuovere un modello economico nuovo fondato sul raggiungimento del bene comune, promuovendo i valori di fiducia, cooperazione, solidarietà, condivisione e uscendo allo stesso tempo dalla logica del profitto e della concorrenza. L’economia del Bene Comune si propone di restituire all’economia di mercato il suo fine originario: la massimizzazione del Bene Comune.

Del resto, è la nostra stessa Costituzione che all’articolo 43 recita: «L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana» . Il Bilancio del Bene Comune è il principale strumento per valutare l’impatto aziendale sul contesto sociale e ambientale.

A fare da apripista in regione si sono unite a noi altre due aziende romagnole: Remedia Erbe di Sarsina e il Forno Cappelletti e Bongiovanni di Dovadola, con cui ci siamo trovati a stilare il nostro primo Bilancio del Bene Comune. Inutile dire che non si tratta del documento economico a cui tutti siamo abituati, bensì di un’analisi di tutti gli stakeholder dell’azienda (fornitori, proprietari e partner finanziari, collaboratori, clienti e concorrenti, contesto sociale) dal punto di vista di quattro valori fondamentali: dignità umana, solidarietà e giustizia, sostenibilità ecologica, trasparenza e condivisione delle decisioni.

Per esempio, quando si analizza la sostenibilità ecologica dei fornitori si valutano le conseguenze ambientali lungo la filiera, ma quando lo stesso valore è analizzato dal punto di vista dei collaboratori si prendono in considerazione altri aspetti, come l’alimentazione dei dipendenti durante l’orario di lavoro, la loro mobilità, la sensibilizzazione all’ecologia. Per ogni aspetto l’azienda riceve un punteggio, che ovviamente tenderà a premiare tutti i comportamenti più virtuosi dal punto di vista etico ed ecologico.

L’impegno di Macrolibrarsi per il Bene Comune

Il motivo che ha spinto noi di Macrolibrarsi a compilare il bilancio è che ci consideriamo un’azienda etica, attenta al sociale e all’ambiente e crediamo fortemente nella possibilità di sviluppo di una nuova visione dell’economia orientata al bene dell’umanità.

Ci impegniamo costantemente nel mettere al centro delle nostre azioni la persona, il benessere della collettività, il rispetto e la conservazione dell’ambiente naturale, pertanto questo tipo di bilancio ci motiva a evidenziare e valorizzare le innovazioni sociali e di eco-sostenibilità che apportiamo nella nostra organizzazione con l’obiettivo di contribuire sempre più al Bene Comune.

Non è stato un processo semplice. Valutando i parametri del bilancio, per alcuni aspetti ci siamo riconosciuti all’avanguardia come nell’attenzione al welfare aziendale, alla gestione etica dell’azienda, agli investimenti ad alto valore ecologico e a beneficio della comunità locale.

Per altri versi ci siamo ritrovati a riflettere su aspetti che non erano ancora tra le nostre priorità aziendali, come per esempio la mobilità dei collaboratori, ovvero come raggiungono il posto di lavoro e come è possibile ridurre questo impatto ambientale (valore della sostenibilità ecologica applicato ai collaboratori).

Il carpoolig aziendale: un altro passo verso il Bene Comune

Come per la maggior parte delle aziende della zona, la quasi totalità dei collaboratori di Macrolibrarsi raggiunge il posto di lavoro in auto. A seguito di quest’analisi – che ci ha portato alla consapevolezza e al desiderio di innescare un cambiamento verso il Bene Comune – abbiamo deciso di incentivare il carpooling aziendale avvalendoci del servizio di Jojob, messo a punto dalla startup italiana Bringme S.r.l. I dipendenti hanno ora la possibilità di accordarsi fra loro per condividere gli spostamenti casa-lavoro tramite il portale online o l’applicazione per smartphone, a tutto vantaggio dell’ambiente e del portafoglio.

L’applicazione mobile è infatti in grado di misurare i chilometri percorsi in carpooling, calcolando così il risparmio in termini di emissioni di CO2 e di spesa carburante, ma è anche in grado di certificare gli spostamenti a piedi o in bicicletta. Inoltre, è previsto un piano di incentivi trimestrale che va a premiare i tre collaboratori che maggiormente utilizzano il carpooling, grazie a un sistema di classifiche che garantisce un’interazione elevata da parte dei dipendenti in un clima di sana competizione. Ecco un esempio concreto che può far capire al lettore come il Bilancio del Bene Comune – e quindi l’analisi e la misurazione di aspetti che possono sembrare “immateriali” e slegati dal conto economico aziendale – possa portare ad azioni che permetto di risparmiare denaro ai dipendenti ed emissioni inquinanti per l’ambiente. La nostra esperienza con il Bilancio del Bene Comune è stata più che positiva: ci auguriamo che un numero sempre crescente di imprese voglia prendere parte all’Economia del Bene Comune, per promuovere l’aumento della qualità della vita di tutti gli esseri viventi e farsi promotori del vero cambiamento.

Ti consigliamo...



Sonia Collinelli

È nata a Cesena nel 1985 e fa parte del team di Macrolibrarsi dal 2016. Laureata in Lingue Orientali e in Mediazione Linguistica, ha viaggiato per diversi Paesi toccando tutti i continenti e vivendo un anno in Giappone e altrettanto in Australia. Approfondisce temi legati...
Leggi di più...

Vivi Consapevole è una rivista trimestrale illustrata edita da Macrolibrarsi.Da anni il Consapevole porta avanti un progetto culturale importante. Autosufficienza, permacultura, decrescita, cultura della transizione, abitudine alle "buone pratiche", risparmio energetico, riciclaggio dei...
Leggi di più...

Dello stesso editore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su INSIEME per il Bene Comune

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.