800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Il percorso iniziatico dei Tarocchi - Estratto da "Tarocchi e Magia"

di Gareth Knight 4 mesi fa


Il percorso iniziatico dei Tarocchi - Estratto da "Tarocchi e Magia"

Leggi in anteprima un estratto dal libro di Gareth Knight e scopri il mondo dei tarocchi e i significati simbolici delle loro immagini

Il lavoro pratico con gli archetipi dei Tarocchi è essenzialmente una questione di utilizzo dell’immaginazione.

I primi sforzi potrebbero anche rivelarsi vani o soggettivi, almeno in apparenza.

Ma perseverando nell’uso dell’immaginazione, prima o poi si svilupperà un nuovo senso della percezione che si apre su uno o più mondi oggettivi diversi da quello fisico.

Ci sono vari mezzi per allenarsi a utilizzare l’immaginazione in questo modo, ma tutti essenzialmente incarnano lo stesso procedimento. Il simbolismo ancillare e l’ordine strutturale delle immagini sono di gran lunga meno importanti di quanto molti studiosi pensino.

Per questo ha poco senso arrovellarsi per capire se le attribuzioni di Eliphas Lévi siano superiori o inferiori a quelle dell’Alba Dorata o viceversa. È meglio scegliere un particolare sistema che si ha già a disposizione e che risulta congeniale a chi lo usa. I risultati pratici che si raccoglieranno mettendolo in pratica forniranno la base dell’esperienza personale sulla quale costruire le proprie mappe dei mondi interiori.

L’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata aveva una tecnica chiamata Cristalloscopia nella Visione dello Spirito. I dettagli si possono trovare in The Golden Dawn di Israel Regardie, ma a nostro avviso le istruzioni e il metodo sono estremamente scomodi, poiché comportano l’utilizzo frequente di sigilli planetari codificati come mezzo per controllare la memoria, i vagabondaggi della mente, le interferenze psichiche e altri possibili vicoli ciechi o false piste. Potrebbe essere affascinante per certi temperamenti, ma è un po’ come guidare un’auto d’epoca invece che una moderna.

Per esperienza personale posso dire che presto si sviluppa un istinto che fa capire quando si sta andando fuori strada e, anche se occasionalmente si percorre un vicolo cieco, di solito si tratta di un’esperienza istruttiva, che comunque offre spesso la possibilità di ritentare. Le probabilità di incontrare serie difficoltà sono piuttosto remote, a patto di non essere sotto l’effetto di droghe o sull’orlo della nevrosi. È la volontà spirituale e l’intenzione, più che le formule prese da un libro, a governare efficacemente i piani interiori.

Storicamente, da questa tecnica dell’Alba Dorata, nella Tradizione Occidentale si è sviluppato il cosiddetto pathworking o “percorso iniziatico”, che nella sua forma originaria di solito consisteva nell’immaginare di percorrere uno dei Sentieri dell’Albero della Vita.

Questo in effetti rimane un eccellente metodo formale di allenamento. In generale, ci si costruisce un punto di partenza, una “composizione del luogo” in una Sefirah, di solito sotto forma di un qualche tipo di tempio, poi si procede e si immagina di incontrare un Onore dei Tarocchi adeguato per quel percorso. A metà del Sentiero, ci si aspetta di incontrare una corrispondente lettera ebraica e qualunque altro simbolismo o realizzazione personale associati a essa. Alla fine del Sentiero, giunti al cancello che conduce alla Sefirah successiva, si troverà un appropriato segno astrologico.

Di fatto, se queste pietre miliari del simbolismo non appaiono naturalmente una dopo l’altra nel percorso, le si visualizza intenzionalmente. L’utilizzo magico dell’immaginazione consiste nel mettere abilmente insieme la visualizzazione deliberata di una struttura formale simbolica e la capacità di consentire alle immagini di emergere spontaneamente.

Quali simboli siano appropriati per un certo Sentiero è una questione di riferimento a varie tavole di corrispondenze. Il mio A Practical Guide to Qabalistic Symbolism fornisce molte informazioni dettagliate a riguardo. Con notevole sgomento lo studioso più eclettico scoprirà grandi differenze tra le varie fonti esoteriche riguardo a quali siano le migliori attribuzioni.

Questa apparente confusione non dà all’occultismo una buona reputazione agli occhi dell’estraneo dalla mente logicamente orientata, o a quelli del principiante avvezzo alle strutture più o meno stabili del piano fisico. Tuttavia, quello che all’uomo saggio di questo mondo potrebbe sembrare un’insopportabile cortina di fumo intellettuale, è un oceano di delizie che fluttua libero per coloro che hanno sviluppato la capacità di nuotarci dentro. E i piani interiori, come il mare, hanno le loro leggi, tanto inesorabili quanto quelle del mondo fisico, ma diverse da esse. Non ultimo, hanno una sconcertante fluidità.

Tutto questo viene dimostrato nel glifo del Caduceo di Mercurio in cui i serpenti intrecciati, che a tratti si uniscono e si separano, mostrano l’alternarsi di rigidità e fluidità nella cognizione e nell’esistenza a livello fisico, astrale, mentale intuitivo e spirituale. I livelli fisico e mentale sono relativamente rigidi, quelli astrale e intuitivo sono fluidi (si tratta del vecchio principio alchemico duale di solve et coagula); a livello spirituale, invece, si spiegano le ali, oltre le quali si trovano le teste dei Serpenti della Saggezza, dove la verità si può esprimere nella coscienza quotidiana soltanto in forma profetica o altamente poetica.

Questo esempio dovrebbe ribadire la futilità di un eccessivo intellettualismo riguardo alle immagini e alle attribuzioni.

La Stanza del Tesoro delle Immagini deriva la sua ricchezza simbolica dal livello astrale, fluido o immaginativo, compreso meglio dall’intuizione – che si muove liberamente – che non dall’intelletto categorizzante.

Tratto dal libro:

Tarocchi e Magia

Il tesoro nascosto nelle immagini

Gareth Knight

uesto trattato magico-filosofico ci accompagna alla scoperta dell’affascinante storia dei tarocchi, dai loro inizi nel xv secolo fino all’esplosione della loro popolarità come arte divinatoria, e al loro utilizzo per un’autentica e personale conoscenza di se stessi.

Vai alla scheda

Gareth Knight è annoverato fra i più profondi conoscitori della tradizione esoterica occidentale e della Kabbalah. Si è formato nell’organizzazione esoterica fondata da Dion Fortune, la Society of the Inner Light, e ha trascorso tutta la vita riscoprendo e insegnando i...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Il percorso iniziatico dei Tarocchi - Estratto da "Tarocchi e Magia"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste