800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Il bosco che ci cura e ci rende persone migliori

di Michele Giovagnoli 3 mesi fa


Il bosco che ci cura e ci rende persone migliori

Il contatto con la ricca natura di un bosco ci permette di ritrovare noi stessi

È sempre lì che ti aspetta. Anche ora che sei avvolto da mura o dalle ore organizzate della giornata, lui è lì. Come una istantanea sospesa e pronta ad animarsi non appena raggiunta dall’attenzione di qualcuno. Il Bosco è lì che ti aspetta… perché sa di avere tanto per te.

Quante chiome nude o tempestate di gemme sono pronte a riempirti di stupore? Quanti suoni perfetti sono prossimi a farsi assorbire dal tuo udito? Quanta bellezza? Tornare al bosco: tornare al vero sé Ogni volta che torno al Bosco è per me un tornare a casa. Già dal viaggio che si consuma piano piano e mi porta dentro a quel versante della montagna, o nel giardino verde di un torrente.

Già il viaggio è nutrimento, è sapore. Come in un gioco di forze magnetiche, sento di essere attratto e sento di attrarre. E appena giunto mi posiziono, quasi a riempire un vuoto che, colmandolo, mi rende pieno. Mi piace osservare, investigare lentamente come fossi giunto sul luogo dei miracoli.

Cerco la novità, il particolare. So che in mia assenza hanno fatto qualcosa di straordinario e lo voglio trovare. Osservo i diversi piani della Natura selvatica. Parto dalla forma intera, per giungere al dettaglio, dalla immensa posa dell’albero secolare, per giungere alla microscopica crepatura della sua corteccia. Ogni centimetro del mio strisciare porta negli occhi forme e colori nuovi.

Infiniti colori nuovi che attivano sinapsi tra i miei neuroni e mi rivitalizzano. Mi nutrono. Sono colori nuovi e infiniti, ma se posso cogliergli significa che risiedevano già in me e la mia vista diventa la connessione di due parti speculari che si ritrovano. Nei luoghi della civiltà i colori e le forme sono scelti, quasi imposti. Vestiamo le scelte di manager e gestori dell’umore della gente.

Quest’anno va il viola, l’anno prossimo il rosa. Quest’anno saremo strategicamente condizionati da quella vibrazione cromatica e l’anno seguente da quella più performante. E ad ogni scelta imposta ne segue una apparente.

Ci illudiamo di scegliere cosa vedere: ma vediamo ciò che hanno scelto di farci vedere. Nel Bosco no! Lì incontri sempre il vestito autentico della Vita. Non c’è forma di un ramo che non sia spontanea e sincera. Il Bosco non ti chiede mai niente e ti offre tutto di sé. Possiamo fidarci e lasciarci riempire. Anche un odore troppo forte ci induce ad un miglioramento del nostro stato di salute. Anche se inconsueto e “scomodo”, scende e muove dinamiche inconsce utili a far reagire l’animale che è in noi. Per strade e dentro le stanze tendiamo all’automatismo, reagiamo sempre meno e la riflessione è rara.

La vita ordinaria ha inaridito la nostra facoltà di osservarci e metterci in discussione. È tutto preconfezionato, ed è buono ciò che è buono in maniera condivisa. Nel Bosco no! Lì incontri l’eterna occasione di entrare in crisi e costruirti un equilibrio nuovo.

Il Bosco ti obbliga a evolvere, a raffinarti, a trovare le forze più violente e decise che albergano in te, nei luoghi più nascosti del tuo animo.

Attiva anche la parte più minima, perché sa dove trovarla. Il Bosco può farlo, perché il tuo corpo gli appartiene. Cibo, acqua, ossigeno, suoni, forme e colori hanno forgiato la nostra macchina biologica per millenni. Veniamo da lì e un po’ dal cielo. Come un genitore che si prende cura del proprio figlio, al pari il Bosco si prende cura di tutti noi. Questo tempo è arido di esempi di coerenza e fedeltà. A un mondo artefatto e gestito in nome del dominio, il Bosco contrappone la sua opera gloriosa e impeccabile, volta esclusivamente alla celebrazione della Vita.

Gli alberi, che ne costituiscono il telaio vegetale, sono l’immagine fissa della fedeltà a se stessi. Osservateli una volta che hanno subìto le potature. Rinunciano forse ad avere un ramo lì dove gli è stato tolto? Assolutamente no. Il ramo è stato tagliato e loro lo ricreano ancora. Lì! Anzi ne ricreano più di uno. E nel caso venissero potati nuovamente, l’albero cosa fa? Ci rinuncia a essere lì con un suo ramo? Assolutamente no: li ricrea di nuovo. E di nuovo… fino a quando avrà forza di essere Albero. Fedeltà a se stesso e coerenza. Trasparenza e aperta dichiarazione delle proprie volontà naturali. Sono sufficienti rapide osservazioni del mondo selvatico per avere il ricordo di quei tasselli che forgiano la nostra salute in tutte le sue accezioni, e per guidarci in una esistenza più piena e ricca di bellezza. Tornate nel Bosco. Tornate là!

Ti consigliamo...


Impara a Parlare con gli Alberi - Libro

€ 11,82 € 13,90 (15%)

La Messa è Finita - Libro

(11)

€ 10,97 € 12,90 (15%)

Alchimia Selvatica - Libro

(2)

€ 10,20 € 12,00 (15%)


Non ci sono ancora commenti su Il bosco che ci cura e ci rende persone migliori

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. — Nimaia e Tecnichemiste