800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Estratto dal libro "L'alimentazione sana per bambini e ragazzi"

di Patrick Holford 1 anno fa


Estratto dal libro "L'alimentazione sana per bambini e ragazzi"

Leggi un'anteprima del libro "L'alimentazione sana per bambini e ragazzi"

Indice dei contenuti:

Grassi: il buono, il brutto e il cattivo

È un peccato che i grassi abbiano una reputazione così cattiva da essere diventati quasi una parolaccia. Al contrario, essi sono una parte importante della dieta del vostro bambino (al­meno i grassi giusti). Per semplificare, vi sono tre tipi di grassi: quelli buoni (oli polinsaturi da semi oleosi e pesci azzurri, anche noti come acidi grassi omega-3 e omega-6), quelli cattivi (i grassi saturi ricavati da carne, uova e latticini, anche se sono cattivi solo quando il bambino ne consuma in quantità eccessiva) e quelli brutti (i grassi trans che si trovano negli alimenti trattati e in quelli fritti). Ci sarebbe anche l’olio di oliva, ma esso, tecnica­mente parlando, è una categoria a sé, in quanto è un grasso buo­no che non rientra né tra i grassi omega-3 né tra quelli omega-6.

I grassi buoni

Gli acidi grassi essenziali – gli omega-3 e gli omega-6 – aiu­tano i bambini a restare fisicamente sani riducendo il rischio di allergie, asma, eczema e infezioni, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie e immunostimolanti. Ogni cellula del corpo umano è tenuta insieme da una sottile membrana composta da grassi, soprattutto acidi grassi essenziali. La composizione dei grassi in questa membrana è determinata da quella dei grassi consumati da vostro figlio. Tramite la loro forma fisica, i grassi essenziali contribuiscono a migliorare la qualità della membrana cellulare, la quale permette a nutrienti e ossigeno di entrare più facilmente nella cellula, e all’anidride carbonica e agli altri prodotti di scarto di uscire. Soprattutto, però, essi promuovono la salute mentale. La loro carenza può provocare affaticamento; problemi di memo­ria, comportamento e sviluppo; depressione; dislessia; sindro­me da deficit di attenzione e autismo.

Il potere delle proteine

Le proteine forniscono al vostro bambino gli amminoacidi, che sono i mattoni fondamentali della vita. La stessa pa­rola “proteina” viene da protos, un termine greco che significa “primo”, dal momento che la proteina è la materia fondamen­tale di tutte le cellule viventi. Il corpo umano, ad esempio, è composto per il 25 per cento circa di proteine.

Così come una frase è fatta di parole e una parola di lettere, una proteina è fatta di peptidi, che a loro volta sono composti di amminoacidi. Quando il bambino mangia cibi ricchi di pro­teine come carne, uova, pesce, latticini, lenticchie, banane o quinoa (un cereale delle Ande), il suo sistema digerente scinde le proteine prima in peptidi, poi in amminoacidi. Riconnet­tendo successivamente gli amminoacidi in sequenze diverse, il corpo costruisce muscoli, tessuti, enzimi o neurotrasmettitori (i messaggeri chimici del cervello). Un buon apporto di pro­teine, e dunque di amminoacidi, terrà il bambino ben rifornito dei mattoni fondamentali che rendo

Ti consigliamo...


Patrick Holford

Patrick Holford è l’autore più letto in Gran Bretagna sui temi della nutrizione, campo in cui è considerato un’autorità mondiale. Nel 1984 ha fondato The Institute for Optimum Nutrition (Istituto per la Nutrizione Ottimale), organizzazione indipendente che,...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Estratto dal libro "L'alimentazione sana per bambini e ragazzi"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste