800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Come utilizzare Poiesis

di Erica Francesca Poli 12 mesi fa


Come utilizzare Poiesis

Leggi l'introduzione del libro "Poiesis: Psicoterapia in poesia"

Come avrete già intuito leggendo la prefazione, la saggezza insita nell'etimologia di poíesis suggerisce un rapporto che potremmo definire quasi spontaneo, molto naturale, fra l'uomo e la poesia.

La poesia è dunque vista non solo o non tanto come espressione trasognata o romantica, ma come una via innata di rapporto con il mondo e con il Sé.

Per citare il testo di una famosa canzone di Cocciante, interpretata poi anche da Patty Pravo:

Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ritorni per caso
a quand’eri bambina
e tu
tu correvi cantando
sorridevi per niente
e potevi volare
e tutto questo era
poesia.

Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ti prende la mano
e ti porta lontano
con lui
e non sei più bambina
non sorridi per niente
scopri di essere donna
e tutto questo è
poesia.

Poesia poesia
sembra che non ci sia
poi ti svegli una notte
e vorresti parlare
con lui.
Ti dovresti spiegare
e non sai cosa dire
che è finito l’amore
ma in fondo anche questo
è poesia.

La poesia può essere in tutto, nella felicità come nel dolore.

Se la poesia iniziasse a essere vista come un modus vivendi, come un accadere delle cose stesse, come una vibrazione che abita la vita, forse ci aggireremmo per questo mondo con occhi diversi e cuore potente. La poesia per lungo tempo, tuttavia, è stata estromessa dalla nostra vita, dal genere di comunicazione a cui la società è abituata e di certo non siamo più avvezzi a intenderla come forma di conoscenza del reale, nella sua valenza di portatrice di verità, come quel noùs poietikòs aristotelico che può essere una via di rappresentazione del mondo.

Eppure parliamo di “poesia” di fronte a un Renoir, ascoltando il Flauto Magico di Mozart, guardando un film di Fellini o una scultura del Canova, diciamo che c'è poesia in un tramonto, nello sguardo di chi amiamo... questo è il genere di poesia di cui è intriso il libro e questo è ciò che il libro si propone di evocare in voi.

Poíesis vuole evocare la poesia dell'essere, del suo accadere e manifestarsi in forme innumerevoli, al di là del giudizio di ciò che è giusto o sbagliato, di ciò che è bene o male, perché c'è poesia anche nell'eruzione di un vulcano, nella tempesta, nei ghiacci nordici; c'è poesia anche in un carcere, come ho imparato partecipando più di una volta al Laboratorio di Scrittura e Poesia Creativa del Carcere di Opera, diretto da Silvana Cerruti, con Alberto Figliolia e Margherita Lazzati...; c'è poesia anche nella morte, persino nella malattia.

E là dove nella malattia arriva la poesia, là è assai più facile che giunga la guarigione.

Perché la poesia ha a che fare con il generare, e la generazione presuppone due entità in comunicazione che danno origine a una terza; è riferita al creare, ossia fare in modo che qualcosa che non c'è venga all'esistenza, venga all'Essere dal nulla. Al contempo è poíesis dell'artigiano, ossia opera delle mani (in senso reale e figurato), com-posta, summa di elementi differenti che trovano una unità nuova: ciò che viene alla manifestazione, con la poesia, è dunque un significato nuovo e questo è quello che accade anche nella psicoterapia, che, quando è tale, ha le peculiarità di ciò che è magico e poetico.

Quella che il libro vi aiuterà a raggiungere, è dunque un'essenza, visto che uomo e poesia provengono dalla stessa natura dell'essere.

Ogni componimento del libro è nato proprio dalle parole e dalle intuizioni che provenivano dal Sé delle persone che stavano compiendo con me il proprio viaggio di trasformazione nelle sessioni di psicoterapia. Attimi di poesia nella seduta che ho raccolto e lasciato che il mio Sé elaborasse oltre i significati personali di ogni singola storia che ho ascoltato e di ogni singolo cambiamento che ho aiutato a cocreare.

Mi sono accorta così che ne scaturivano spontaneamente componimenti che potevano parlare a ciascuno di noi. Leggendoli, semplicemente, potrete risuonare con essi, forse trovare il componimento maggiormente risonante per quel momento della vostra vita o per lo stato d'animo in cui siete, o ancora per l'irrisolto con cui vi state confrontando.

Ho anche accompagnato ogni componimento con uno scritto in prosa che ne descrive l'origine: un piccolo racconto che narra, sempre nel rispetto della privacy delle persone che si sono rivolte a me, come è nato e da dove viene. La prosa vi conduce poi a una riflessione su uno dei tanti, forse infiniti, significati che è contenuto nei versi e può essere la fonte di vostre riflessioni, lo spunto per un viaggio attraverso i vostri significati, e ciò che dentro di voi è stato toccato e fatto risuonare, come anche uno spunto per la condivisione con qualcun altro con cui potreste avere il desiderio di leggere il libro.

Potete scegliere di leggere il libro tutto di fila, oppure con un vostro personale itinerario in base a ciò che il titolo delle poesie vi evoca. Mi auguro anche che il libro possa esservi compagno di viaggio, come un piccolo vademecum di intimità con voi stessi, che lo possiate tenere e riaprire di quando in quando scegliendo di soffermarvi sulla poesia che in quel momento sentite adatta per voi o affidandovi persino alla saggezza del libro e giocando, come spesso io amo fare, a una sorta di I Ching, aprendo dunque il libro a caso e accogliendo il componimento che vi propone.

Mi piacerebbe anche che ci fosse qualche poesia che non vi piace e qualche riflessione che vi irrita: quando il tempo sufficiente sarà trascorso, ne riconoscerete il massimo potere rivelatore di ciò che ancora abita la vostra Ombra e la grande fonte di aiuto che ne deriverà.

Per chi lo desidera, per chi ama “trafficare” con le proprie credenze, per chi conosce i bilanciamenti della tecnica Psych-k, per chi ama i mantra, per chi utilizza affermazioni sulle quali soffermarsi durante la meditazione, il viaggio di ogni componimento si conclude sulla carta con quella che ho chiamato “la promessa”: brevi affermazioni che potranno essere ripetute dentro di voi, o anche recitate o utilizzate per meditare. Si tratta di uno spunto, sebbene costruito ad hoc per l'inconscio, ma mi piacerebbe molto sapere che è stato trasformato nel tempo per ciascuno di voi, magari contornato da altre frasi scritte a penna con le vostre promesse.

Poíesis è un libro vivo, che vive con voi, perché la poesia è la vita stessa.

Quando la Poesia nasce e prende corpo viene concepita dall'essere senza preavviso, è un sentire, una verità non cercata, piuttosto un evento im-mediato, un'intuizione accolta dalla totalità dell'essere pensante.

In questo senso la poesia è uno dei pilastri dell'anima, la poesia è ontologica e dice la verità, senza la pretesa di spiegare nulla, ma soltanto di venire all'essere, senza altro obiettivo, semplicemente perché nell'essere stanno, come ci insegna la filosofia antica, la bellezza e il bene, che sono in ultima analisi coincidenti.

E questo è in ogni tempo e fuori dal tempo, per l'oscuro autore dei dipinti preistorici delle caverne di Lascaux, come per l'aedo, summa di tutti i cantori dei poemi omerici, fino all'ultima poesia che nasce scarabocchiata su un kleenex, magari imbevuto di qualche lacrima, chissà dove nel mondo.

La poesia in questo senso è libera, autonoma dal mondo e Poíesis è un percorso meditativopoetico che ciascuno può compiere con se stesso in totale libertà, nell'intimità e nella dolcezza, leggendo e “praticando” la poesia dell'anima come terapia interiore che recupera il senso più antico e universale della poesia stessa.

La poesia può affacciarsi in ogni piccolo respiro che accade al mondo, Poíesis è un viaggio verso la poesia inattesa di ognuno di noi.

Tratto dal libro:

Poiesis

Psicoterapia in poesia

Erica Francesca Poli

Poíesis è una piccola raccolta di componimenti poetici fatti di parole affiorate alla coscienza nei percorsi di psicoterapia che l’autrice conduce.  Parole evocative e intuizioni figlie dell’inconscio, emergono nelle sedute come messaggi dall'Anima.

Un libro di psicoterapia in poesia che, dall'esperienza di cura delle persone lungo il viaggio delle sedute, parlerà al sé poetico di ognuno, ispirando nel lettore un processo di trasformazione interiore. Ogni componimento è accompagnato da uno scritto in prosa che ne descrive l’origine, conduce poi ad una riflessione sul significato e infine propone una “promessa” con se stessi al fine di interiorizzare i versi in modo trasformativo per il sé.

Vai alla scheda

Erica Francesca Poli

Erica Francesca Poli è Medico, Psichiatra e Psicoterapeuta. Oggi le scienze di frontiera, le neuroscienze e la fisica quantistica, ci conducono a riaffermare il principio antico per il quale noi siamo un campo energetico emotivo, che si manifesta per mezzo di un corpo. Quando siamo allineati con...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Come utilizzare Poiesis

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste