800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Ascoltare se stessi - Estratto da "Il Potere Curativo della Musica"

di Capitanata 2 anni fa


Ascoltare se stessi - Estratto da "Il Potere Curativo della Musica"

Leggi un brano estratto dal libro "Il potere curativo della musica", scritto a quattro mani da Sergio d'Alesio e Capitanata

Oggi è lecito affermare che “chiunque ascolti la musica sulla propria pelle” ascolta anche se stesso?

La maggior parte delle persone crede di accogliere la musica soltanto attraverso i canali uditivi.

Spesso però non soltanto non l’accoglie, ma la subisce.

La musica è prima di tutto un evento corporeo.

È il senso del tatto a essere totalmente coinvolto dal suono, attraverso quel potente e raffinatissimo organo che è la pelle. L’involucro che ci protegge e che ci mette in comunicazione con il mondo.

La pelle conserva le memorie implicite dei nostri primi 45 mesi di vita: 9 nel ventre materno e 36 dopo la nascita. L’intensità degli stimoli musicali nella vita prenatale e postnatale comporta una migliore possibilità di sviluppare in età adulta la capacità di vivere in profondità il piacere della musica.

Sotto l’effetto del suono, chi ascolta si trasforma in un diapason vivente e senza accorgersene attiva sulla pelle dei ricettori che trasformano la vibrazione in piacere.
La vibrazione della pelle coinvolge tutte le cellule e fa dilagare il suono dappertutto.

Il corpo coinvolto dall’onda musicale subisce, da un lato, una trasformazione fisicochimica e dall’altro lato, assapora l’indicibile sensazione di un flusso di carezze amorose.

Questo processo stimola non solo alcune aree del cervello atte a produrre sostanze legate ai circuiti cerebrali degli oppiacei, ma anche il ventre, non a caso definito il nostro secondo cervello.

Ai miei concerti prima di iniziare conduco una breve guida all’ascolto.

In realtà, l’ascolto musicale in profondità significa sapere che devo ascoltare il corpo e non la musica, che devo prendere coscienza del mio respiro anche come manifestazione fisiologica del “soffio vitale”.

L’ascolto in profondità è il trasformare un ascolto musicale in ascolto di sé. Ormai molto diffusa nel mondo occidentale, questa applicazione vanta antiche origini asiatiche cristallizzate nel “naishi”: l’antica scienza cinese che regola l’arte di guardare dentro il corpo.

Per il tipo di impatto profondo che ha sul nostro sistema emozionale, la musica può essere utilizzata con buoni risultati in ambito terapeutico.

Rappresenta certamente un efficace complemento ai trattamenti di rilassamento corporeo e mentale, nei disturbi di apprendimento, in alcune forme di patologie psichiche e di disturbi del comportamento sociale.

Ti consigliamo...


Rino Capitanata, da anni, approfondisce la musica come veicolo per la guarigione producendo cd e tenendo seminari con illustri personaggi del mondo della spiritualità. Ha composto musica per: Brian Weiss, Doreen Virtue, John Gray, Master Choa Kok Sui, Louise Hay, Deepak Chopra, Dr. Wayne W....
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Ultimo commento su Ascoltare se stessi - Estratto da "Il Potere Curativo della Musica"

icona

antonio

Molto interessante !

Molto interessante !

(0 )

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste