Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Altri clienti hanno acquistato anche...



Mamma Melanzana

Passi alla ricerca dell'affetto

Beatrice Riva


(1 recensioni1 recensioni)


Prezzo: € 8,50


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 2 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 2 giorni
  • Guadagna punti +17

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Aggiornamento del 16 Novembre 2016 - Questo testo, che si intitola Mamma Melanzana, elaborato da Beatrice Riva, appare nella categoria Migliorare se stessi, tratta di Auto-aiuto. Realizzato da Psiconline e distribuito in data Luglio 2010 , in questo momento è in "Disponibilità: 2 giorni". Il titolo in questione ha un costo di Euro 8,50.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

"Se anche voi vi siete tante volte chiesti come mai tante relazioni sbagliate, amicizie sbagliate,

come mai tante persone indegne nella vostra vita…

forse avete avuto anche voi una MAMMA MELANZANA!

Saperlo vi aiuterà a difendervi e a frequentare persone non verdure"

Dall'Introduzione...

Questi racconti vogliono essere la “simpatica”, a volte “fantasiosa”, selezione dei passi fatti prima inconsapevolmente, poi faticosamente e volutamente indirizzati alla ricerca del proprio “sé”.

Di come fanciulli in una situazione non scelta, che non ci appartiene, prima la rifiutiamo apertamente, violentemente, urlando, poi improvvisamente si tace, ci si sente inadeguati, responsabili del malessere che si avverte intorno.

Inizia una faticosa quanto inutile e dolorosa ricerca di cambiare la situazione.

Si rinuncia a combattere per ciò in cui si crede, si è “capito” che è sbagliato.

Si cerca la soluzione “giusta” che, già è scritto, porterà solo infelicità perché non ci appartiene.

Tutto per ricevere quell’affetto a cui si avrebbe diritto.

A cui tutti hanno diritto.

Crescendo questi meccanismi diventano automatismi.

A questo punto, potendo scegliere, ci si attenderebbe un cambiamento. Si assiste, invece, al fenomeno contrario.

La persona che ci piace non viene ammessa nelle nostre relazioni. Viene allontanata, spaventa. Non sappiamo quanto male può fare.

Si continua nell’ostinazione a “redimere” quelle persone, le melanzane, che pur manifestando un qualche interesse per noi, già sappiamo che non sono “giuste”.

Il compito è fare in modo che ci apprezzino, che ci amino. Che cambino per noi il loro comportamento dandoci finalmente l’agognato quanto meritato “rapporto umano”.

Raccolto l’atteso fallimento si cerca un’altra melanzana (veramente mi sono sempre chiesta:”non è che sono le melanzane a cercare noi?”).

Questo ad interim fintanto che per qualche ragione non si arriva a farsi delle domande, ci si chiede: “perché???”.

Perché se questo mi piace lo scarto e invece mi ostino con quello che si mi piace ma….quanti ma!!!

Inizia la salita ma già s’intravede la vetta.

Capito che il problema è alla radice, quando non ricordiamo un gesto d’affetto ma solo doveri. Cerchiamo questo affetto ma i continui no fanno male e smettiamo di cercare.

Ci adattiamo a non avere gesti di affetto, a non meritarli ma scatta il continuo sforzo nel diventare meritevoli per persone che non ci apprezzano.

In realtà, spesso, non sono in grado di apprezzare, di manifestare affetto.

Quelle diventano le persone che scegliamo.

Le nostre sfide.

La meta il cui raggiungimento ci farà finalmente felici.

Tutto ciò ci condanna all’infelicità.

In realtà quello che non ci fa star bene non può essere buono per noi.

Se non è buono per noi non lo diventerà con i nostri sforzi.

Cambiare rotta, accettare i gesti d’affetto di chi dimostra di apprezzarci per quello che siamo fa scattare milioni di campanelli d’allarme.

Se fa così male quando ci rifiutano, situazione però familiare, conosciuta, a cui siamo abituati, quanto male farà se invece ci abbandoniamo a chi ci apprezza? Paura.

Fidatevi, in realtà farà male ma non più di quello a cui già siete abituati.

Vi permetterà però di godere della vita e delle relazioni con persone che vogliono proprio voi.

Poi la vita è complicata e ci si può perdere, cambiare idea, patire i cambiamenti d’idea altrui ma intanto si è vissuto.

E’ banale ma continuare a sbattere la testa contro il muro, alla lunga, non paga.

Smettete!

Imparate a riconoscere le melanzane e i loro parassiti e date loro il ruolo che meritano….nell’orto!

Dedicatevi invece a tutte le persone “umane”, che se vi guardate intorno, certamente troverete tra le melanzane.

Tutto questo l’ho scritto per me.

Per afferrare, fermare, chiarire quei flash che tante volte mi sono apparsi senza che riuscissi pienamente a coglierne il senso. Comprenderli in tutto il loro significato.

Andare da lì al passo successivo.

Quando improvvisamente “fu la luce” ho iniziato a scrivere di getto per paura di perdere qualcosa.

Già altre volte mi era parso di capire. Poi invece….il buio.

Non ho voluto perdere la sensazione di guardare il panorama dall’alto.

Poi mi sono detta: “già che la fatica è fatta magari può aiutare qualcun altro ad arrivare prima alla meta”.

Ora vi racconto come è nata “MAMMA MELANZANA”.

 

 

EditorePsiconline
Data pubblicazioneLuglio 2010
FormatoLibro - Pag 110 - 11x16,5
Lo trovi in#Psicologia al femminile #Auto-aiuto

Prodotti correlati



voto medio su 1 recensioni

1
0
0
0
0

Recensione in evidenza


Roberto

Dal libro appare evidente una non...

Dal libro appare evidente una non esaurita ricerca del confine tra il bene e il non bene, ricerca che a tratti appare abbandonata. E' però una questione di fede che, se matura, ha i suoi tempi in ogni persona, ma finchè quella maturazione non avviene sarà sempre dolore. Inoltre il bene e il non bene non vanno ricercati nelle persone come appare nel libro ma nei principi universali dell'Uomo. R.P.

Le 1 recensioni più recenti


icona

Roberto

Dal libro appare evidente una non...

Dal libro appare evidente una non esaurita ricerca del confine tra il bene e il non bene, ricerca che a tratti appare abbandonata. E' però una questione di fede che, se matura, ha i suoi tempi in ogni persona, ma finchè quella maturazione non avviene sarà sempre dolore. Inoltre il bene e il non bene non vanno ricercati nelle persone come appare nel libro ma nei principi universali dell'Uomo. R.P.

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste