800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Ribelli al Futuro

I luddisti e la loro guerra alla rivoluzione industriale

Kirkpatrick Sale


Remainder


Prezzo di listino: € 12,95
Prezzo: € 3,24
Risparmi: € 9,71 (75 %)


Aggiungi ai preferiti
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Ordina entro 22 ore 36 minuti.
    Consegna stimata: Martedì 22 Agosto
  • Guadagna punti +7

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Descrizione


Il bosco di Sherwood in Gran Bretagna è conosciuto per la leggenda di Robin Hood. In queste terre è accaduto anche altro, ovvero è stato il luogo della rivolta dei luddisti. Il luddismo è il movimento dei tessitori inglesi dei primi dell’Ottocento, che si opposero alle nuove macchine tessili della rivoluzione industriale.

I luddisti tentarono una lotta contro una certa tecnologia e un certo tipo di progresso che stavano distruggendo le loro tradizioni, vale a dire saperi, forme di solidarietà, pratiche di vita, arte e comunità.
Si rivoltarono non solo contro lo sviluppo tecnologico, ma anche contro la logica del profitto che arricchisce poche persone a scapito di tutte le altre.

I luddisti tentarono in questo modo di farsi giustizia da soli, in mancanza di un governo che salvaguardasse la loro autosufficienza economica, che comprendeva la vera civiltà fatta dalle comunità di vicinato, la casa, i campi, il mercato in piazza, le abilità del lavoro manuale. L’autore di questo libro vuole liberare i luddisti dalla storiografia ufficiale che li descrive come ottusi demolitori di macchine e raccontarli invece come l’unico movimento popolare che riuscì a capire cosa l’industrialismo avrebbe significato per l’umanità e la natura. Bisogna chiarire che i luddisti si opponevano ai “macchinari nocivi alla comunità” perché il problema non consiste nell’usufruire o nell’astenersi dalla tecnologia, ma nel chiedersi se la tecnica si riveli benigna o maligna per chi vi ricorre, per la comunità circostante, per la cultura, per l’ambiente, per il futuro.

Questo libro, scritto in forma narrativa e con la sistematicità di un saggio storico e sociologico, è più che mai attuale in epoca di rivoluzione informatica e ci può fornire anche un po’ di saggezza luddista per sopravvivere come specie consapevole.

EditoreArianna Editrice
Data pubblicazioneNovembre 2005
FormatoLibro - Pag 272 - 15x21
Lo trovi in#Critica sociale #Economia e Finanza etica

Kirkpatrick Sale è uno dei più noti tra i pensatori ecologisti americani. Editorialista di The Nation, collabora con il New York Times. Tra i suoi libri ricordiamo The Conquest of the Paradise, Human Scale e Dwellers in the Land. Quest’ultimo tradotto in italiano in Le regioni della natura... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Articoli più venduti


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste