800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Non Arrendersi al Diabete - Libro

Come comportarsi a tavola per prevenire e curare

Giuliana Lomazzi, Florio Cocchi



(1 recensioni1 recensioni)


Prezzo di listino: € 14,00
Prezzo: € 11,90
Risparmi: € 2,10 (15 %)


Aggiungi ai preferiti

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Terra Nuova in promozione

Sconto 15% su tutto il catalogo fino al 31 agosto.

Vedi altri

Descrizione


100 ricette vegetariane anti-diabete per portare in tavola gusto e salute

Chi l’ha detto che il diabete è inesorabilmente scritto nel DNA? Come altre malattie non trasmissibili, tipiche del nostro tempo, si manifesta soprattutto a causa di squilibri nello stile di vita.

Qual è allora il modo migliore per prevenirlo e curarlo? L’autore propone una serie di pratiche e accorgimenti che, oltre a combattere il diabete, aiutano a riportare il cibo alla sua autentica dimensione, quella del nutrimento.

La prima parte di questo libro spiega con esaustività e chiarezza che cos'è il diabete, analizza le sue origini e propone semplici strategie per affrontarlo in modo attivo, con utili consigli su come gestire le varie categorie di alimenti.

La seconda parte contiene oltre 90 ricette ricche e variegate, che rielaborano piatti tradizionali come la pizza di scarola o le zuppe di legumi oppure propongono elaborazioni più insolite: Tzaziki di zucchine, Cavolfiore alla crema di mandorle, Gnocchi di ceci al pesto di rucola e molte altre idee. Non mancano gustosi e sani dessert, solitamente proibiti: Ciambella lievitata alla frutta, Crostata di susine, Semifreddo alle fragole e anche una buona Mousse al cioccolato (senza esagerare!).  

Spiegare il Diabete

Alle origini della patologia

Cosa fare?

Le ricette

  • Insalate, antipasti e torte salate
  • Primi piatti
  • Secondi piatti
  • Dolci
EditoreTerra Nuova Edizioni
Data pubblicazioneSettembre 2016
FormatoLibro - Pag 115 - 19 x 19 cm
Lo trovi in#Diabete

Prefazione

Quando comincio a parlare di iperglicemia o addirittura di diabete, il paziente seduto davanti a me assume un'espressione come per dirmi: "Lo sapevo". È come se gli venisse data la notizia che la punizione "divina" è arrivata, in una sorta di rito pagano; se l'aspettava, cosi è stato per sua madre, ed è lo stesso per lui. È già rassegnato.

Gli occhi esprimono che sta cercando di fare un passo indietro nella memoria, che è sempre a brevissimo termine: si sofferma sulla brioche mattutina, sembra buona anche quella dell'autogrill; nomina il vino con espressione sconcertata, sa di sbagliarsi - "cosa c'entra con lo zucchero?". E poi, una bottiglia, quanto gli dura! Il rito con gli amici, la festa...

Alla fine, sicuro, afferma: "Non possono essere i dolci, ne mangio talmente pochi...".

Sì, questo paziente sa che ci portiamo dietro, anzi dentro, nel nostro DNA i geni della predisposizione al diabete, ma forse non sa che se il suo comportamento alimentare fosse corretto, il diabete non gli verrebbe MAI.

Con questo presupposto parlare di una simile patologia potrebbe diventare noioso e punitivo. Eppure, sono convinto che si possa riuscire a difendersi anche da ciò che sta scritto nel nostro DNA.

Cambiare per curarsi, per vivere meglio. Cambiare per non subire l'invalidità di una malattia che "ci aspettavamo", e modificare l'approccio alla vita per tenerla sotto controllo.

Sento dire ai pazienti: "Se esagero a tavola mi faccio qualche altra unità di insulina", mentre raramente sento: "Mi impegno un po' di più con la corsa o la cyclette o porto il cane a fare un giro più lungo per ridurre l'insulina".

Di sicuro occorre responsabilizzarsi.

Una persona che seguo mi ha addirittura rimproverato perché, secondo lui, devo essere io a ricordargli gli accertamenti da eseguire, quelli periodici; e ha aggiunto che il controllo dei valori ematici necessari per una valutazione diabetologica è un problema che non gli compete.

Perché è più semplice ingurgitare pillole che ascoltarsi? Sono anche tante, queste pillole, visto che tenere sotto controllo la glicemia richiede somministrazioni ripetute; per non parlare dell'insulina, che equivale a entrare in un girone dei dannati costretti alla misurazione e alla programmazione.

Allora perché non provare l'approccio che vi proponiamo in questo libro?

Giuliana Lomazzi

Giuliana Lomazzi è giornalista pubblicista, autrice e traduttrice letteraria. Si occupa di terapie, benessere e alimentazione naturale, senza trascurare l'aspetto ludico (gastronomia e viaggi). Cura articoli di alimentazione e salute per il mensile Aam Terra Nuova e collabora con varie altre... Leggi di più...

Florio Cocchi

Florio Cocchi esercita come medico di base a Genova. Si occupa da anni dei disturbi causati da un’alimentazione scorretta ed eccessiva. Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni

Prodotti correlati



voto medio su 1 recensioni

1
0
0
0
0

Recensione in evidenza


Stefano

bello

Ho visto questo libro da Natura Sì, come tutti i libri di questa collana è fatto davvero bene ed è ricco di foto bellissime

Le 1 recensioni più recenti


icona

Stefano

bello

Ho visto questo libro da Natura Sì, come tutti i libri di questa collana è fatto davvero bene ed è ricco di foto bellissime

(0 )


Articoli più venduti


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste