+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-19, Sab 08-12

La Grande Epidemia — Libro

Potere e corpi sociali di fronte all'emergenza nella Napoli spagnola

Idamaria Fusco




Prezzo di listino: € 25,00
Prezzo: € 23,75
Risparmi: € 1,25 (5%)
Prezzo: € 23,75
Risparmi: € 1,25 (5%)

  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Venerdì 23 Aprile
  • Guadagna punti +24

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più
  • Quantità disponibile

    Solo 1 disponibile: affrettati!
  • Disponibilità: Immediata

    Venerdì 23 Aprile
  • Guadagna punti +24

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Acquistati insieme


Descrizione

Un saggio storico che ci riporta ai giorni nostri...

Eventi straordinari, quali un’epidemia di peste, potevano ripetersi con una certa frequenza in una società di antico regime.

Essi mettevano a dura prova le autorità di governo, costringendole ad assumere provvedimenti drastici ma, nella maggior parte dei casi, scarsamente risolutivi.

Per combattere la peste bisognava infatti prevenirla, bloccarla alle porte di un centro, impedire che essa dilagasse.

Era soprattutto la prevenzione alla base della lotta impari contro la malattia.

Una prevenzione che le autorità erano tenute ad adottare in maniera rigorosa, senza eccezioni di sorta; tuttavia, nella realtà altre erano le logiche che spesso prevalevano. Con conseguenze disastrose per intere popolazioni.

Alla luce di tali osservazioni, il ruolo delle istituzioni, le scelte e le “politiche” da esse adottate, a livello centrale e locale, emergono quali fattori chiave per leggere la storia delle epidemie di età moderna e, non ultima, della terribile pandemia scoppiata nel 1656 nel regno di Napoli.

Fattori in grado di chiarirci successi e insuccessi, diffusione e controllo.

In una società caratterizzata da dinamiche tutte proprie, basate su privilegi e diritti consuetudinari, la peste rompe gli equilibri preesistenti e l’ordine costituito, rimette in discussione le forze tradizionali e fa sorgere forze nuove.

E, mentre le istituzioni centrali cercheranno, spesso invano, di proporre soluzioni atte a governare un regno in preda all’epidemia, saranno i “poteri” locali a emergere con rinnovato vigore, a trovare nuovi spazi di azione nel tentativo di controllare il territorio da essi amministrato.

Spazi che toccherà alle istituzioni della capitale ricollocare, a epidemia terminata, in ambiti tutti nuovi.

In tal senso, la peste del 1656 rappresenta un importante punto fermo per la storia delle epidemie che scoppieranno nel Mezzogiorno negli anni successivi, un’importante lezione per i governanti che verranno, i quali faranno ricorso a “politiche” ben diverse da quelle adottate nel 1656.

Editore Guida Editori
Data pubblicazione Aprile 2020
Formato Libro - Pag 432 - 15x21 cm
ISBN 8868662744
EAN 9788868662745
Lo trovi in Libri: #Saggistica e storia
MCR-NR 183446

Idamaria Fusco, laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e dottore di ricerca in Storia economica, è ricercatore dell’Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo (Napoli) del Consiglio Nazionale delle... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni

Spesso acquistati insieme



nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Articoli più venduti


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI NSIIURR
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.