800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Conoscenza e Morte Secondo la Dottrina Indù - Libro

Katha Upanishad

Shri Shankaracharya




Prezzo di listino: € 22,00
Prezzo: € 18,70
Risparmi: € 3,30 (15 %)


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 11 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 11 giorni
  • Guadagna punti +38

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Descrizione


Il Veda (dalla radice vici, «vedere» o «sapere») è la dottrina unica indù, ossia la Scienza sacra e tradizionale per eccellenza; il Vèdànta (ovvero «fine del Veda», nel duplice senso di «conclusione» e di «scopo») ne è il darshana, o aspetto, più puramente metafisico.

Esso si basa essenzialmente sugli scritti che ricevono il nome di Upanishad, i quali costituiscono l'ultima parte dei testi vedici, e la lo ro stessa denominazione (come si vedrà dal «Commento») indica che essi sono destinati a distruggere l'ignoranza, radice dell'illusione che imprigiona gli esseri individuali entro i vincoli dell'esistenza condizionata, fornendo i mezzi per accostarsi alla conoscenza di Brahma, il Principio Supremo.

Sennonché occorre distinguere qui tra due tipi di conoscenza, quella solo razionale, inferiore - l'unica che concepiscano attualmente gli Occidentali, il modo propriamente umano dell'intelligenza, e quella superiore, o «intuizione intellettuale, la quale può esser detta sovrumana, giacché è una partecipazione diretta all'intelligenza universale, che, risiedendo nel cuore, ossia nel centro stesso dell'essere, dov'è il suo punto di contatto con il Divino , penetra quest'essere dall'interno e lo illumina con il suo irraggiamento»

(da R. Guénon: Simboli della Scienza sacra, cap. 1. XX, «Cuore e cervello»).

È di questa conoscenza superiore che si parla in tutte le Upanishad, e quindi anche nella Kalba, e del modo di accedervi, modo che solo la Morte, in un suo senso superiore, p u ò «insegnare », trattandosi - per l'appunto - di una conoscenza «non-umana» .

Tutta la Katha Upanishad è concepita in effetti come un dialogo tra Yama, o la Morte, e Naehikètas, o «colui che non ha ancora la conoscenza»;

Naehikètas ottiene tre doni dalla Morte, ma solo l'ultimo , la conoscenza del «Sé», che fa tutt'uno con Brahma, lo interessa veramente

(Canto I , Stanze 20-22)

EditoreLuni Editrice - Matteo Luteriani
Data pubblicazioneDicembre 1998
FormatoLibro - Pag 183 - 15x23
Lo trovi in#Tradizioni indiane #Vita e morte

Articoli più venduti


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste