800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

eBook - Il Meccanismo delle Emozioni

Mario Camis


Articolo Digitale


Prezzo: € 2,98
Articolo non soggetto a sconti per volontà del produttore
Tutti i prezzi includono IVA

Opzioni:



Aggiungi ai preferiti

Aggiungi ai preferiti

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Descrizione


Le considerazioni esposte nelle presenti pagine sono nate sotto una tenda; che fungeva da posto di medicazione ed era in pari tempo un ottimo osservatorio per la psicologia del soldato, e sono maturate in un laboratorio psicofisiologico militare, dove il campo d'osservazione era assai più limitato in estensione, ma si prestava ad uno sfruttamento più razionale e più sistematico.

Dottrine psicologiche ed esperienze di laboratorio mi attraversavano talvolta la memoria mentre osservavo, con quell’amore che nessun argomento di studio potrà ispirarmi mai, il contegno dei soldati nei diversi momenti della loro bella e travagliatissima esistenza, così ricca di commozioni, così abbondante di colorito sentimentale. Non ho bisogno di dire che, accanto alla verità, dottrine ed esperimenti mi sembravano anguste ed unilaterali: ma devo dire in che modo da quel senso di sconforto, che spesso ci prende quando confrontiamo il piccolo sforzo analitico della scienza con la poderosa complessità della vita, mi sia venuto il desiderio di scrivere queste pagine.

La breve conca montana che stava sotto ai miei occhi, formicolava un giorno di soldati, ammassati colà in attesa di un'azione imminente, mentre l’aria era ininterrottamente lacerata da proiettili d'ogni calibro che nostre batterie piazzate dietro di noi a varia distanza ed a varia direzione, facevano passare sopra il nostro capo per preparare le posizioni nemiche. Osservando gli uomini, che attendevano sotto quella volta mobile di acciaio, mi sono convinto che nessuno di loro provava la più piccola emozione per le detonazioni e gli scoppi che si succedevano senza posa.

La loro calma indisturbata mi fece pensare alle parole di un autore, riguardato generalmente come il padre delle moderne dottrine sull’emozione, con le quali quella calma mi sembrava in contrasto.

“Nessuno - dice il Lange, che posso ora citare testualmente - ha mai pensato di separare l'emozione prodotta da un rumore straordinariamente forte, dalle vere affezioni interne. Nessuno esita a chiamarla una specie di paura, ed essa presenta i caratteri ordinari data paura. Eppure essa non è affatto associata all'idea di pericolo, od in qualsiasi modo occasionata da associazioni, ricordi od altri processi mentali. I fenomeni della paura seguono immediatamente il rumore, senza traccia di paura “spirituale”. Molti poi non possono mai abituarsi a stare accanto ad un cannone quando spara, per quanto essi sappiano perfettamente  che non v'è alcun pericolo nè per loro nè per altri: il semplice rumore è insopportabile per loro”.

Ebbene devo dire che nessuno fra quel migliaio di uomini che io andavo osservando, e nessuno degli altri numerosissimi sui quali in varie circostanze ho rivolto la mia attenzione, mostrò mai nessun segno di paura od emozione per nessuna delle fragorose detonazioni, ingigantite spesso e moltiplicate fantasticamente dagli echi alpini: purchè sapesse che quelli scoppi non significavano pericolo. Tale imperturbata calma appariva anche più, evidente ed indubbia a chi potesse confrontarla con gli effetti psichici, che analoghi o meno violenti rumori producono sugli spiriti più saldi, quando, provenendo da proiettili in arrivo, sono associati all’idea del pericolo.

A questa riflessione molte altre si andarono via via associando nell'osservazione  di innumerevoli uomini esposti a frequenti stimoli emotivi di ogni specie, e la mia fiducia nelle teorie, dette fisiologiche, delle emozioni ne rimase notevolmente scossa nello stesso tempo che si andava risvegliando il mio interessamento per quest'ordine di problemi.

Più tardi, essendo stato chiamato a far parte di questo ufficio, ebbi occasione di studiare da un altro punto di vista il diverso modo di reagire dei singoli individui verso stimoli emozionali e fui indotto a riflessioni, che esorbitavano spesso dallo stretto campo della mia ricerca.

Uno dei primi frutti di queste riflessioni fu il dover riconoscere che manca, soprattutto in Italia, una esposizione sintetica delle nostre conoscenze sopra la fisiopsicologia delle emozioni, e che la ricerca dei lavori originali in proposito riesce anche più difficile del solito allo studioso per la loro dispersione in giornali e riviste di indole svariatissima.

Se anche col presente scritto non riuscirò a fare un passo innanzi verso la soluzione del problema, spero dunque di portare con esso un certo giovamento a chi voglia farsi un'idea complessiva delle varie tendenze scientifiche intorno ad un elemento cosa importante della vita umana.

EditoreDe Angelis David
Data pubblicazioneNovembre 2017
FormatoDownload
FileMOBI (2000 kb), EPUB (7038 kb)
ProtezioneWatermark (+ informazioni)
ISBN8892690206
EAN9788892690202
Lo trovi in#eBook - Migliorare se stessi
MCR-NR 147688

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste