Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

I semi di papavero: proprietà e benefici

Scopri i loro effetti sull'organismo e le ricette in cui utilizzarli

I semi di papavero: proprietà e benefici

- Un alimento apprezzato da sempre
- Un unico fiore, tante varietà
- Semi di papavero: proprietà e benefici
- Controindicazioni: è vero che i semi di papavero fanno ingrassare e sono tossici?
- I semi di papavero in cucina: ricette e consigli di utilizzo


 

Un alimento apprezzato da sempre

I semi di papavero stanno prendendo piede nella cucina italiana solo negli ultimi anni, mentre nei paesi del Nord-Europa e nelle regioni più settentrionali del nostro paese, come il Trentino-Alto Adige, sono conosciuti e apprezzati da tantissimo tempo.

Sono molto aromatici e profumati, perché contengono tantissimi oli essenziali, e vengono utilizzati soprattutto per condire e dare un particolare sapore ai piatti.

Anche nell'antichità erano molto noti. I Romani in particolare li usavano per dare sapore a moltissimi piatti e li consideravano anche dei potenti afrodisiaci, mentre i Galli li spremevano per realizzare l'olio.

Solitamente i semi di papavero sono neri o bianchi, ma, a differenza di altri semi, il colore non ne cambia in alcun modo le proprietà. Inoltre non danno particolari problemi di allergia.

Ciò che però li rende davvero importanti è il fatto che contengono una vera e propria miniera di elementi nutritivi benefici per la salute e il benessere dell'organismo.

Scopriamo insieme quali.


 

Un unico fiore, tante varietà

È bene innanzitutto fare una precisazione su cosa si intente con il termine “papavero”. Sotto questa parola infatti sono raggruppate tantissime varietà di questa pianta, molto diverse per colori e per proprietà.

Quello che più siamo abituati a vedere nei nostri campi (soprattutto quelli di grano) e nei parchi è il Papaver rhoeas, di colore rosso acceso, che cresce spontaneamente e dal quale di solito non si ricava nulla, in quanto non ha particolari proprietà.

Esiste poi il Papaver somniferum, quello più noto per via dell'uso che se n'è fatto per secoli e che se ne continua a fare: l'estrazione dell'oppio. Il somniferum ha i petali bianchi a volte con leggeri riflessi rosati e dalla capsula non ancora matura che contiene i semi si ricava il lattice che verrà usato per l'oppio. E' molto usato anche in medicina.

Per quanto riguarda l'uso alimentare, si utilizzano invece il Papaver nigrum e il Papaver setigerum (o papavero da seta). Una volta che il fiore è secco, dal suo baccello si ricavano i semi.


 

Semi di papavero: proprietà e benefici

Come già accennato, questi semi sono davvero ricchi di sostanze benefiche che aiutano il nostro organismo a rimanere perfettamente funzionante: acidi grassi omega 6, acido oleico, fibre, calcio, fosforo, potassio, manganese, vitamine e molti altri.

Ecco alcuni dei principali effetti salutari dei semi di papavero:

  • Controllo del colesterolo e del sistema cardiocircolatorio: gli acidi grassi omega 6, l'acido oleico e il potassio aiutano a mantenere bassi i livelli di colesterolo cattivo LDL nel sangue, a favore di quello buono. Questo effetto porta benefici anche al cuore e al sistema circolatorio.
  • Salute delle ossa: i semi di papavero contengono altissimi livelli di calcio (più di 1400 mg su 100 g di prodotto), cosa che li rende un valido alleato per mantenere in salute i denti e le ossa, in particolare nei periodi in cui questo elemento diminuisce, come durante la menopausa.
  • Favoriscono il metabolismo: la presenza abbondante di vitamine del gruppo B aiuta la digestione e la corretta assimilazione dei grassi e delle proteine. Le fibre vegetali invece contribuiscono a regolarizzare l'attività intestinale.
  • Proprietà antiossidanti: l'enorme quantità di manganese e la presenza delle vitamine C ed E aiutano a rallentare l'invecchiamento cellulare e la comparsa dei radicali liberi.
  • Combattono ansia e stress: contengono sostanze alcaloidi, che hanno un leggero effetto distensivo sul sistema nervoso e favoriscono il rilassamento e il sonno.


 

Controindicazioni: è vero che i semi di papavero fanno ingrassare e sono tossici?

Alcuni esperti hanno messo in guardia sulle sostanze alcaloidi contenute nei semi di papavero, del tutto simili a quelle dell'oppio. La quantità di queste sostanze è però molto bassa, decisamente minore rispetto a quella dell'oppio, e inoltre viene ridotta fino al 90% dai processi di lavorazione.

In ogni caso questi semi non sono consigliati a bambini, persone con problemi respiratori e donne in gravidanza.

Come tutti i semi oleosi, anche i semi di papavero contengono molte calorie. Per questo motivo si consiglia di non esagerare nelle quantità, soprattutto se si deve seguire una dieta con poche calorie.


 

I semi di papavero in cucina: ricette e consigli di utilizzo

I semi di papavero sono utilizzati soprattutto nei prodotti da forno come pane, spianate, grissini, e alcuni prodotti tipici tradizionali, come i bretzel.

Si possono poi usare anche come condimento per insalate, zuppe oppure possono essere mangiati nello yogurt o nel latte a colazione.

I semi di papavero bianchi sono anche utilizzati nelle miscele di spezie per la preparazione del curry.

Un piatto tipico della tradizione tedesca, austriaca e alto-atesina è lo strudel ai semi di papavero. Di questa famosa e gustosa ricetta vi proponiamo una variante molto particolare.

Strudel ai semi di papavero vegano

Ingredienti

Per la pasta:

Per il ripieno:

Preparazione

  1. Versa la farina in una ciotola capiente e aggiungi il burro a fiocchetti un po' alla volta, amalgamandolo bene con la farina con l'aiuto del dorso di un cucchiaio.
  2. Sciogli il lievito in due cucchiai di latte di riso tiepido e aggiungilo poco alla volta alla farina. Aggiungi poi la polpa di mela, lo zucchero di canna e il latte di riso.
  3. Amalgama bene finché l'impasto non si staccherà bene dal bordo della ciotola e inizierà a formare bolle d'aria. Copri con uno strofinaccio e lascia lievitare in un luogo caldo.
  4. Prepara la farcitura: amalgama tutti gli ingredienti tranne il miele e porta a ebollizione. Togli il tegame dal fuoco, aggiungi il miele e lascia raffreddare.
  5. Stendi la pasta lievitata sul una spianatoia fino a uno spessore di circa 1 cm, spalma il ripieno e arrotolala. Premi bene i bordi esterni per evitare che il ripieno esca.
  6. Metti su una teglia con carta da forno, spennella con dell'olio e cuoci in forno a 180° C per 50 minuti circa, finché non sarà ben dorato.

 

Semi di Papavero Sonnentor Semi di Papavero - Herboris Orientis Semi di Papavero - Cibo Crudo

Semi di Papavero

Sonnentor

Semi di Papavero

Herboris Orientis

Semi di Papavero

Cibo Crudo

Disclaimer

Le informazioni fornite su Macrolibrarsi.it sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato (cioè un laureato in medicina abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via).
Le nozioni e le eventuali informazioni su procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci o prodotti d'uso presenti nei testi proposti e negli articoli pubblicati hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono di acquisire la manualità e l'esperienza indispensabili per il loro uso o pratica.

 

Lo Staff di Macrolibrarsi.itTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Commento di Vanessa

Ottime le informazioni e pure invitante la ricetta, io adoro mangiarli sparpagliati su una semplice pasta in bianco con aglio olio e peperoncino e magari con l'aggiunta di lievito alimentare in scaglie .

Rispondi al commento

Tutti i commenti...
Scrivi un commento!