Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Una Malattia Culturale

Aspetti psicosociali e psicopatologici del tarantismo

Biagina Carignani



Prezzo: € 15,00


Modificato il 15 Novembre 2016 - Questo prodotto ha come titolo Una Malattia Culturale, redatto da Biagina Carignani, è stato inserito nella categoria Psicologia e fa parte della sottocategoria Manuali di psicologia. Editato dalla casa editrice Giordano Editore e venduto dal Dicembre 2004 , è attualmente in "Fuori Catalogo". Il valore del libro è pari a € 15,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

L’ipotesi di lavoro consiste in una interpretazione, in chiave etnopsichiatrica, del tarantismo pugliese, ed in una sua assegnazione a pieno titolo tra le forme di possessione rituale.

L'interesse per l’argomento trattato nasce dal coinvolgimento dell’autrice in vicende che hanno profondamente segnato la storia e la cultura della sua terra d’origine, e dalla curiosità scientifica di approfondire un fenomeno che per anni è stato oggetto di vivaci controversie di natura antropologica, medica ed, in particolare, psichiatrica.

Si è scelto l’approccio etnopsichiatrico per la sua capacità di cogliere le differenze culturali che rientrano nel determinismo di condizioni che non possono essere definite patologiche a priori, e che richiedono una attenta valutazione del quadro in cui si inscrivono.

Analìzzare il fenomeno da una prospettiva meramente psichiatrica, ignorando il contesto socioculturale, rischierebbe una interpretazione riduttiva, mentre la consapevolezza dell’autonomia e della dignità di bagagli culturali differenti implica una rivalutazione delle modalità terapeutiche adottate da tali culture.

Nell’esperienza esistenziale del tarantismo, il rituale dì possessione offriva l’opportunità di esternare conflitti emozionali profondamente radicati e di reintegrarli, in una nuova forma, nella propria personalità; in tal modo le spinte istintive, che non potevano trovare giustificazione nell’angustia del contesto culturale salentino della prima metà del ‘900, venivano proiettate all’esterno in una forma drammatica che attraverso la teatralizzazione e la funzione gruppoterapeufica, assumeva la valenza di esperienza catartica.

La mia generazione è stata solo sfiorata dal fenomeno del tarantismo, che da alcuni anni a questa parte è tornato in auge per motivazioni relative a due diverse tipologie di interessi: da una parte la ricerca interdisciplinare condotta da vari studiosi, quali antropologi, sociologi, etnopsichiatri, allo scopo di addentrarsi e comprendere appieno il fenomeno; dall’altra la rivalutazione degli aspetti ludici e folkloristici finalizzati anche all’incremento del turismo.

Una rivalutazione del tarantismo trova, quindi, una giustificazione in due ordini dì motivi: da un lato il contributo che esso può dare alla comprensione della psicoterapia contemporanea, dall’altro la sua attualità.

EditoreGiordano Editore
Data pubblicazioneDicembre 2004
FormatoLibro - Pag 150 - 15x21
Lo trovi in#Manuali di psicologia

nasce a Galatina, provincia di Lecce, nel gìugno del 1976; sì laurea in Medicina e Chirurgia, presso l’Ateneo pavese, nell’ottobre del 2000 e si specializza in Psichiatria nell’ottobre... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste