Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Tessuti Naturali per Verstirsi e per Abitare

La salute nella stoffa - Scritto da Simona Oberhammer

Tessuti Naturali per Verstirsi e per Abitare

Tessuti lucidi e opachi, fantasiosamente colorati o in sobrie tinte unite allettano oggi i nostri sguardi e gratificano il nostro innato bisogno di colore.

Non sempre però le scelte estetiche vanno d'accordo con le esigenze della nostra salute.

Ci siamo mai chiesti se la fantasia all'ultima moda, il colore top della stagione, il tessuto di nuova tecnologica invenzione, oltre ad arredare la nostra casa secondo il gusto del momento o ad essere tema dell'abbigliamento proposto dallo stilista preferito, è altrettanto utile alla nostra pelle, al nostro corpo e al microclima interno della nostra abitazione?

Quando acquistiamo un indumento o un tessuto per la casa, la scelta verte infatti sul modello, sul colore e sulla fantasia, ma raramente sulla composizione del tessuto.
Sebbene l'estetica sia importante e sia positivo circondarsi di cose belle e piacevoli, questa non dovrebbe essere l'unica motivazione delle nostre scelte, e i fatti lo dimostrano chiaramente.

Quanti di noi hanno sviluppato un'improvvisa allergia cutanea, un'irritazione della pelle, una patologia reumatica o un problema respiratorio senza apparente motivo? Sicuramente molti.

L'ecologia globale e specialmente l'ecologia dell'habitat sostengono che l'abitazione, e in questo caso i tessuti, possono essere una delle cause.

Vediamone insieme i motivi.

LE FUNZIONI DI UN TESSUTO

Una seconda pelle

Ritornando per un attimo al passato possiamo notare che i tessuti delle case erano unicamente di derivazione naturale. Il lino, il cotone o la canapa derivavano dal mondo vegetale, la lana da quello animale. Il tessuto era lasciato allo stato grezzo e integrale e poteva agire, come vedremo, positivamente sulla salute dell'uomo e garantire la salubrità dell'ambiente domestico.

Oggi il tessuto non può più definirsi soltanto di origine naturale: nell'ultimo secolo l'industria ha presentato infatti nuovi composti creati ex-novo, cioè prodotti artificialmente in laboratorio.

Sono i tessuti definiti sintetici.
Questi tessuti, prodotti chimicamente, derivano da composti organici come il petrolio, il metano o il carbone. Sono tessuti estremamente versatili perché economici, facili da tingere e comodi da pulire: la maglia acrilica, per esempio, non si restringe né si infeltrisce.

Queste nuove fibre, non a torto accolte gioiosamente perché provviste di trattamento antipiega, anti-tarme, antinfeltrimento e via dicendo, presentano però un "rovescio della medaglia". Un tessuto sano infatti deve possedere molte caratteristiche per potersi definire tale: deve essere in pratica come una nostra seconda pelle.

LA SALUTE DELLA PELLE

Rispettare le sue funzioni

La nostra pelle non riveste semplicemente il nostro corpo ma esplica due importantissime funzioni: la nutrizione e l'eliminazione.

La pelle è una struttura assorbente e incamera aria, luce e calore fornendo quindi il nostro corpo di energie. Contemporaneamente, oltre ad alimentare il corpo, garantisce l'eliminazione delle scorie. Insieme agli altri organi emuntori – reni, intestino, fegato e polmoni – ha la funzione di mantenere il corpo libero da tossine.
Ostacolare le funzioni della pelle significa quindi ostacolare le funzioni corporee e la nostra salute.

Se indossiamo un abito acrilico o dormiamo tra lenzuola sintetiche le funzioni corporee non vengono rispettate e il tessuto non può considerarsi una seconda pelle.
Molti tessuti sintetici infatti non permettono alla pelle di "respirare" e creano un effetto di "sigillo" dell'umidità. Non essendo fibre "vive" e permeabili, l'umidità costantemente prodotta dal nostro corpo – anche in fase di rilassamento e non solo quando sudiamo – permane tra la pelle e il tessuto stesso creando l'ambiente adatto per la proliferazione di batteri e microrganismi indesiderati. Ecco quindi la ferita che non riesce mai a rimarginarsi perché l'ambiente umido non lo permette, e la fragilità cutanea che può svilupparsi in tali condizioni.

Anche la patologia reumatica o artritica può essere una diretta conseguenza di tali condizioni: dormire sul guanciale di fibre sintetiche, dopo una sudata notturna dovuta a un cattivo sonno o calore eccessivo, significa svegliarsi al mattino con il collo umido e dolori articolari. Ben diverso è invece l'effetto benefico della lana che lascia traspirare liberamente il corpo e contemporaneamente assorbe l'umidità corporea lasciando la pelle asciutta.

La pelle possiede un meccanismo di termoregolazione: se è caldo i pori si dilatano, se è freddo si restringono per regolare e mantenere costante la temperatura interna del corpo. A differenza dei tessuti naturali, parecchi tessuti artificiali impediscono questa naturale funzione della pelle. Un caldo e leggero piumino, per esempio, può garantirci calore anche nell'inverno più gelido più di quanto possono fare delle imbottiture o delle coperte in tessuto acrilico.

La lana, il lino, il cotone e tutti gli altri tessuti di derivazione naturale si accordano ai nostri ritmi energetici. Quando siamo a contatto con materiali naturali le energie scorrono senza blocchi e tensioni regalandoci sensazioni di benessere e piacere.

Se invece l'ambiente attorno a noi è artificiale possono mettersi in atto dei veri e propri "cortocircuiti energetici". Il crepitio o le scintille prodotte mentre ci sfiliamo un maglione sintetico, specie se la giornata è secca, sono una dimostrazione delle cariche elettrostatiche che si possono accumulare in presenza di tessuti acrilici, suole di gomma o mobili in poliuretano. Se siamo irritabili, tesi e stressati sicuramente tali materiali contribuiscono ad aumentare stati tensionali e nervosi, specie se indossati a diretto contatto del corpo o se presenti nell'"ambiente letto", luogo adibito al riposo e alla ricarica energetica.

CONSIGLI PER I TESSUTI A CONTATTO DEL CORPO

La salute negli abiti

Come regolarsi nell'acquisto di un tessuto? Non è sempre facile, perché il tessuto sintetico spesso ha la meglio sul mercato. Vediamo allora come orientarsi.

  • Scegliere esclusivamente fibre naturali per tutti gli indumenti che vengono a contatto diretto con la pelle, cioè lenzuola, camicie, canottiere e tutta la biancheria intima. Preferiamo i tessuti di colore bianco o almeno chiaro, per essere certi che le fibre non siano state sottoposte a colorazioni. È importante ricordare che più il colore è scuro maggiore è il pericolo di allergie.
  • Per i restanti indumenti, se non riusciamo ad evitare i tessuti sintetici, acquistiamoli solo per l'abbigliamento "esterno", come i giacconi, i cappotti, i maglioni, o quando ci serve un abbigliamento sportivo specifico. Non indossiamo capi tutti sintetici, ma preferiamo un misto di naturale e sintetico.
  • Vi sono persone che non dovrebbero mai indossare tessuti artificiali che bloccano la traspirazione: i neonati, i bambini, gli ammalati e le persone che sudano molto, come quelli che praticano sport o svolgono lavori pesanti.
  • In particolari condizioni climatiche, come il gran caldo, i tessuti naturali sono gli unici da indossare.

COME UTILIZZARE LE PROPRIETÀ DELLE FIBRE NATURALI

Consigli utili

Il cotone: per il caldo e per il freddo

Il cotone è il tessuto della freschezza. Essendo buon conduttore di calore è consigliato nei periodi caldi perché mantiene fresco e ben ventilato il corpo. Se lasciato allo stato grezzo – per esempio la flanella – la folta peluria lo rende utile anche nei periodi freddi. Possiede una buona capacità di assorbimento e un'ottima resistenza. Può essere lavato alle alte temperature e questo lo rende più adatto per la biancheria intima e per gli abiti da lavoro.

La seta: per lo stress

La seta è la fibra "viva" per eccellenza. Morbida e molto piacevole al tatto, è la più indicata per la pelle, perché ne rispetta la fisiologia. Possiede inoltre il pregio di difendere il corpo dalle cariche elettromagnetiche ed elettrostatiche. Per questo motivo è ideale nei momenti di stress, tensione e superlavoro.

Il lino: assorbe e massaggia

Il lino è un tessuto "difficile" perché si sgualcisce facilmente ed è faticoso da stirare. Possiede però una elevata capacità di assorbimento (gli asciugamani e gli strofinacci di lino sono i migliori) e la trama larga e ruvida lo rende una fibra "curativa" per la pelle. Dormire nelle lenzuola di lino a corpo nudo significa massaggiare la pelle e mettere in atto processi di guarigione dei tessuti cutanei. È una fibra antiallergica per eccellenza e, rispetto al cotone, lascia traspirare ancora più liberamente la pelle.

La lana: per i reumatismi

La lana è una fibra pregiata, ed è di grande aiuto all'uomo in qualsiasi condizione climatica. Oltre a possedere capacità di elevato assorbimento, mantiene costante la temperatura corporea. Il tepore dato dalla lana è un "calore attivo", ideale per i bambini e per coloro che soffrono di problemi di circolazione del sangue o di reumatismi.

La canapa: tante proprietà

La canapa è una fibra robustissima, molto usata in passato per tessuti e abbigliamento da lavoro. I primi jeans erano proprio in canapa.
Il filo di questa pianta è ruvido, ma con diversi gradi di lavorazione si trasforma in un filato morbido e super-resistente.

Le maglie e gli abiti di canapa possiedono una particolare caratteristica: mantengono la temperatura corporea di chi li indossa. Per questo tengono fresco d'estate e caldo d'inverno. La fibra cava della canapa è infatti in grado di assorbire l'umidità dal corpo e di tenerlo asciutto, donando un senso di comfort.
Inoltre, un indumento o un tessuto di canapa esposto all'aria per una notte, "si rigenera": gli odori vengono eliminati e la fibra ritrova tono e morbidezza.

CONSIGLI PER I TESSUTI DELLA CASA

La salute dove abitiamo

Nella casa moderna è frequente l'impiego di tessuti sintetici per l'arredamento. Le tende, i tappeti, le stuoie, le imbottiture di cuscini e divani, le tovaglie ed ogni altro tessuto presente sono spesso di derivazione sintetica o artificiale. Tuttavia le influenze che i tessuti hanno sul microclima interno e sull'aria che respiriamo in casa non sono trascurabili. Il tessuto sintetico, generando cariche statiche, attira ioni positivi e, con questi, la polvere e le particelle inquinanti. Inoltre, non possiede le qualità di assorbire e mantenere una certa umidità nell'ambiente e di rigenerare l'aria: il fumo e i suoi componenti tossici permangono a lungo. Le possibilità di rigenerare l'aria sono invece tipiche proprie della materia "viva", come le fibre naturali.

Per questi motivi l'aria di certi ambienti è spesso pesante e genera stanchezza, allergie, asma e infiammazioni alle vie respiratorie; le cariche elettrostatiche inoltre aumentano.

Il consiglio è di scegliere il più possibile tessuti naturali, per creare un microclima salubre.

Se nell'ambiente sono presenti diversi tessuti sintetici è bene aerare più spesso l'ambiente e lavare i tessuti con una frequenza maggiore, con poco detersivo neutro, per eliminare la polvere e le particelle inquinanti che tendono ad aderire in grande quantità. La moquette ad esempio può essere smagnetizzata strofinandola con un panno umido, facendo però attenzione che si asciughi bene per evitare ulteriori proliferazioni di batteri.

VIVERE SANI

Vivere bene

La fisiologia del nostro corpo e i materiali sintetici non vanno quindi d'accordo. La nostra pelle vive meglio fra le cose naturali. Se per ragioni di lavoro o altri motivi non riusciamo ad evitare le materie sintetiche, cerchiamo almeno di indossare abiti naturali quando rientriamo a casa. Questo ci permetterà di scaricare le tensioni accumulate. Così, quando siamo all'aperto, lasciamo che la pelle "respiri" e che vivifichi il nostro corpo.

In caso di malattia o se stiamo seguendo una cura disintossicante dovremmo evitare assolutamente le fibre sintetiche, perché in questi momenti il corpo espelle più tossine.

Una tecnica naturista che permette di scaricare le tensioni accumulate, efficace durante i periodi di nervosismo, è quella di camminare scalzi, meglio sulle superfici naturali. Il piede, che porta descritto per zona riflessa tutto il corpo, stimolato dal movimento su superfici non lisce, crea un massaggio generale e scarica a terra le tensioni elettromagnetiche accumulate nel corpo.

scritto da Simona Oberhammer

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita da Macrolibrarsi con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

 

Macrolibrarsi ti consiglia

 

Simona OberhammerTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Simona Oberhammer

La dr. Simona Oberhammer è naturopata. Ha operato per anni come ricercatrice indipendente ed ha effettuato i suoi studi e le sue ricerche nell'ambito delle discipline olistiche internazionalmente in diversi paesi quali Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Austria. Si è specializzata in nutrizione e bioterapie (U.S.A.). Da questa esperienza è nato il metodo Naturopatia Oberhammer®.


Simona ha seguito anche un percorso nell'ambito del femminile con una Maestra, Mila Raisse, una donna che proveniva da un'antica tradizione di donne. Questo percorso personale, durato tanti anni, l'ha portata a creare la Via Femminile®.

Gli studi e le ricerche internazionali sono stati la base per l'elaborazione e la creazione di nuovi sistemi e metodi terapeutici. Tra i principali: La Via Femminile®, un percorso per le donne
; Naturopatia Oberhammer®, naturalmente sani, Olosophia®, sistema di intervento olistico; Bionutra®, metodo di alimentazione naturale; Disintox®, metodo di disintossicazione; Eucolon®, metodo di purificazione e rigenerazione intestinale; Olofem®, programma donna; Gymintima®, metodo di ginnastica intima; Codice DeU®, metodo sulle differenze tra universo femminile e maschile; Biotipi Olosophici®, metodo sulle tipologie costituzionali.

È autrice di diversi libri sulle tematiche del benessere, della salute, dell'interiorità e sulla donna, alcuni già editi e altri di prossima pubblicazione. Alcuni titoli sono: Femminile Sconosciuto, La forza delle donne, Ginnastica Intima per donne, Codice DeU: Codice Donna e Uomo, Sygil: Il linguaggio segreto delle mani.

I metodi ideati sono stati inseriti dalla dottoressa Simona Oberhammer allʼinterno di una pluralità di forme espressive: grafica, scrittura, musica, video, disegno, oggettistica e simbologia.

La dottoressa Simona Oberhammer diffonde i suoi metodi con eventi quali conferenze, corsi e workshop organizzati dall'Istituto Olosophico, in Italia e all'estero.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Commento di Paola

Sempre tanto utili queste informazioni! Anzi , indispensabili , perche' riguardano la nostra quotidianita'. Giorno dopo giorno, vivere in modo piu' naturale con semplici e salutari accorgimenti, fa davvero la differenza !

Rispondi al commento

Tutti i commenti...
Scrivi un commento!

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI