Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Anteprima Che Salute di Ferro! LIBRO di...

Un testo che ti svela gli segreti degli minerali colloidali e gli oligoelementi, Che Salute di Ferro! scritto da Marie-France Muller.

Anteprima Che Salute di Ferro! LIBRO di Marie-France Muller

«Nel prossimo futuro, non saremo più in grado di garantire che un regime vario ed equilibrato sarà sufficiente a fornire il fabbisogno giornaliero di oligoelementi essenziali   poiché, per milioni di persone, risulterà molto difficile procurarsi questo genere di alimenti».

Dichiarazione del dott. WALTER MERTZ, Dipartimento di agricoltura americano, in occasione del Congresso del 1977

Minerali Indispensabili

Dove possiamo trovare i minerali e i nutrienti necessari alla nostra salute e alla nostra longevità? Nell’alimentazione, in generale, composta essenzialmente di vegetali e animali che se ne nutrono. Infatti le piante possono e dovrebbero fornirci in gran parte ciò di cui abbiamo bisogno poiché sono in grado di assimilare il carbonio dall’aria e di trasformarlo in combinazioni a partire dalle quali saranno sintetizzate le vitamine, gli aminoacidi e gli acidi grassi essenziali.

Ma, per soddisfare il nostro fabbisogno, occorre non solo consumare quotidianamente una ventina di verdure diverse nelle proporzioni consigliate, ma anche che queste provengano da un suolo sufficientemente ricco di nutrienti diversi e non avvelenato dai prodotti chimici usati abitualmente oggi. Come vedremo, risulta alquanto difficile esaudire tutte queste richieste… Tuttavia:

Non possiamo vivere senza minerali e viviamo male se ci mancano.

Calcio, ma non un calcio qualsiasi

Basta accendere la televisione mentre va in onda la pubblicità per sentirsi ripetere all’infinito che i bambini hanno bisogno di calcio, e d’altronde anche gli adulti, inclusi gli anziani, e soprattutto le donne in menopausa che altrimenti corrono il rischio di osteoporosi.

Il che rappresenta la gioia dei fabbricanti di derivati del latte, i principali responsabili di questo tipo di programmi d’“informazione” dalle conclusioni discutibili… e del resto messe in discussione. Tutti sanno che il corpo umano ha bisogno di calcio per costruire uno scheletro resistente, soprattutto durante la fase di crescita e quando comincia a invecchiare, ma ci si dimentica di avvertire quale è davvero benefico per la salute (infatti ne esistono almeno sei categorie differenti).

Altre pubblicità, finanziate stavolta dalle società farmaceutiche, elogeranno i vantaggi del magnesio, ma non sempre sotto la forma migliore, né la più efficace. Di tanto in tanto, prendiamo un po’ di tutto, per “fortificarci”, e poi ce ne dimentichiamo, data la scarsa importanza dei risultati ottenuti.

Latte, latticini e calcio

Anche se ci consigliano di bere latte e ci spingono a un consumo eccessivo di latticini – come yogurt, formaggi freschi o stagionati, senza dimenticare le creme, i flan, i dolci di semola o di riso, i gelati e così via – non è tuttavia così evidente che facciano bene alla nostra salute. Siamo ben lontani! È ovvio che un neonato ha bisogno di latte, ma di quello materno, non del latte di mucca lavorato in modo da ottenere un “latte maternizzato”, il quale non avrà mai le virtù del latte della madre succhiato dal seno senza intermediari né manipolazione! Il latte di mucca è fatto per il vitello, così come quello di tutti gli altri mammiferi è stato programmato dalla natura per soddisfare gli specifici bisogni nutritivi di ciascuna specie. Ci voleva l’uomo per farsi venire in mente l’idea assurda che tutto il latte è uguale! Non lo è affatto.

Allo stesso modo, in natura, non vedrete mai degli esemplari adulti bere latte dalle loro femmine! È forse un infantilismo latente delle nostre società che ci spinge a quest’uso deviato? Senza dimenticare che il latte prelevato da una madre che allatta ne priva automaticamente il suo cucciolo, il quale allora (colmo dell’ironia!) deve essere nutrito… con il biberon, con latte di mucca sterilizzato, irradiato e così via! E poi ci stupiamo del penoso stato di salute degli animali di allevamento ai nostri giorni e se sono soggetti a ogni specie di malattia, dovute certamente alla scarsa immunità acquisita (non dimentichiamo che il latte della madre, succhiato direttamente dal seno – senza perdita di vitamine, enzimi vari ed energia vitale – contiene infatti gli anticorpi destinati a preservare la salute del neonato e a permettere al suo sistema immunitario di svilupparsi normalmente!).

Questo latte, se assunto al di fuori di questo contesto, in condizioni non naturali e inoltre proveniente da animali “forzati” a produrne sempre di più, non è un alimento ideale, al contrario. Thierry Souccar, d’altronde, ci informa nel suo libro1 che il latte e i suoi derivati che consumiamo provengono nella maggior parte da una super razza bovina chiamata Holschtein, classificabile come OGM (poiché geneticamente modificata per produrre più latte di quanto sia possibile in natura).

Le ricerche hanno dimostrato che il suo latte contiene in alte percentuali la proteina IGF-1, il “braccio armato dell’ormone della crescita”, una sostanza che stimola la proliferazione di tutte le cellule, sia quelle buone che quelle meno buone! Il livello molto elevato di IGF-1 potrebbe spiegare la frequenza dei cancri ormone- dipendenti (soprattutto alla prostata e alle ovaie) nei bevitori di latte e consumatori di latticini. Come il latte materno, il latte di mucca contiene calcio, ma nelle dosi necessarie al fabbisogno del vitello e non dell’essere umano. Come spiega Anne Laroche-Walter nel suo eccezionale libro2, nonostante la sua ricchezza di calcio, il latte favorisce in realtà

nell’uomo il processo di demineralizzazione, cioè una carenza di osseina che provoca la cattiva assimilazione dei minerali! Tutto il contrario di quello che ci si aspetta! Inoltre, la proporzione fosforo- calcio non è indicata e l’eccesso di fosforo rischia di provocare una calcificazione insufficiente. E ancora: l’acido lattico del latte e dei latticini preparati industrialmente è levogiro, quindi contribuisce all’espulsione del calcio presente nel nostro organismo (solo un acido lattico destrogiro – come ad esempio quello presente nel latticello fabbricato tradizionalmente senza aggiunta di caglio – favorisce invece l’assorbimento del calcio).

Inoltre, tutto il calcio del latte di mucca che non viene assimilato va ad accumularsi in alcuni tessuti e organi del corpo, provocando cisti, calcoli vari, artrosi e calcificazioni secondarie… Ormai è noto da tempo: non si riesce a guarire né la decalcificazione né l’artrosi se una persona beve il latte!

Lait, mensonges et propagande – citato da Michel Dogna nel n. 50 (aprile 2007) del suo giornale. 2 Laroche-Walter Anne, Il latte: un alimento da evitare, L’Età dell’Acquario, Torino 2007.

Allora, vi chiederete, a che cosa ci servono i minerali? Non smettono di ripeterci che l’alimentazione basta a soddisfare le nostre esigenze nutritive e mantenerci in perfetta salute. Ah, sì? Come si spiega allora l’evidente degenerazione che si riscontra nei paesi cosiddetti “sviluppati” e l’aumento delle grandi malattie degenerative come il cancro, le malattie cardiovascolari e altre ancora? Senza contare il costante abbassamento delle difese immunitarie, che non soltanto genera nuove patologie ma provoca anche il ritorno di quelle da tempo ritenute sconfitte.

E poi, direte voi, assumiamo i minerali sotto molte forme diverse, anche bevendo le acque mineralizzate ricche di calcio… A questo proposito, è da notare un fatto strano che probabilmente non vi è sfuggito: mentre per anni hanno demonizzato le acque calcaree, accusate (peraltro giustamente) di provocare ogni sorta di male tra cui i calcoli renali in primis (ricordate gli addolcitori d’acqua come i filtri e gli altri sistemi in grado di rendere potabile l’acqua del rubinetto?), ecco che da poco siamo letteralmente “bombardati” di pubblicità che ci spingono al contrario a consumare interi stock di acqua calcarea, a cui viene affibbiata all’occorrenza la qualifica “ricca di calcio”.

Come cambiano gli interessi a volte… Non è di questo tipo di acqua che tratteremo in questo libro e rimango dell’idea che il calcio di un’acqua calcarea non sia più assimilabile dal nostro organismo di quello assorbito mangiando un pezzo di gesso! E, anche se l’alto tenore di calcio si presenta sotto forma di ioni di calcio, affinché possano essere utilizzabili efficacemente dal nostro corpo servirebbe un cocktail di altri ioni metallici: i famosi oligoelementi! Inoltre, come avrete già capito, non abbiamo bisogno soltanto di calcio o di magnesio, anche se si tratta di minerali fondamentali, la cui carenza basta a creare numerosi disturbi (e comunque occorre sapere quale prendere): per funzionare in modo ottimale, il corpo umano, così come qualsiasi altro organismo vivente (vegetali e animali), ha bisogno dell’insieme dei sali minerali di tutto il pianeta, equilibrati nella giusta percentuale e assunti in quantità sufficiente e in una forma assimilabile.

 

Marie-France MullerTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Marie-France Muller

E' psicologa e naturopata di fama internazionale, è autrice, fra l'altro, di molti volumi sulla salute  «L'argilla facile. Una millenaria terapia naturale» e «Un rimedio miracoloso. Il cloruro di magnesio».

 

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Che Salute di Ferro con i minerali colloidali e gli oligoelementi

Scopri come superare affaticamento, mancanza di vitalità, debolezza del sistema immunitario, l'invecchiamento precoce e molto altro

Marie-France Muller

(7)
Nuova ristampa
€ 4,45 € 8,90 (-50%) Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - BIS Edizioni - Ottobre 2009 - Integratori alimentari

In commercio ci sono moltissimi integratori che promettono di migliorare la nostra salute. Che cosa scegliere? Tra i prodotti più efficaci per la prevenzione dell’invecchiamento e per il mantenimento del nostro benessere... scheda dettagliata

eBook - Che Salute di Ferro! - Epub

Con i minerali colloidali e gli oligoelementi

Marie-France Muller

€ 6,90
Disponibilità: Immediata

Download - Bis eBook - Agosto 2011 - eBook - Salute

In Che Salute di Ferro! vengono analizzati 55 elementi e i loro effetti benefici, spiegando le combinazioni ideali di integratori colloidali da usare a seconda dei nostri problemi di salute. Che cosa sono i minerali... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI