Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Discriminazione Spirituale Femminile

Scritto da Simona Oberhammer

Discriminazione Spirituale Femminile

Noi donne – giustamente – ci impegniamo per la parità. E in diversi campi abbiamo ottenuto dei risultati.
C'è però un campo in cui i risultati sono nulli. La spiritualità.  Forse potresti pensare che non è rilevante.

Ma non è così. Perché la dimensione spirituale definisce i valori più profondi e importanti della vita. Spesso sono proprio questi valori a determinare le nostre scelte, il nostro modo di essere, i nostri innamoramenti, l'educazione che diamo ai figli, lo scopo della nostra esistenza, i sogni a cui vogliamo dare forma.
Con spiritualità non mi riferisco alla religione, ma alla concezione del divino che fa parte di ciascuno di noi, credenti e non credenti.

C'è una spiritualità maschile e una femminile

Per darti un'idea ti chiedo di immedesimarti in una situazione che a noi tutti può capitare: un momento molto difficile.
Ci sono delle volte in cui ogni cosa sembra andare a rotoli, la situazione si fa drammatica, il dolore trafigge come una lama: un abbandono in amore, un licenziamento improvviso, un figlio che prende una brutta strada, un progetto importante che fallisce, una malattia, un incidente, un lutto.

È proprio in questi momenti che l'essere umano – più di altre volte – alza gli occhi al cielo e mormora: «Dio aiutami».
E ora un'altra scena. Il problema che ti tormentava si è risolto, oppure ti accade all'improvviso una cosa bellissima. Con molta probabilità, nel colmo della gioia, hai esclamato: «Grazie a Dio!» e forse ancora una volta hai guardato su in alto.

In tutti e due i casi c'è stata la ricerca di un contatto con il divino, con un'entità più grande, con la tua dimensione spirituale. C'è un particolare, però. Questo tipo di contatto è spiritualità con modalità maschili. Non femminili. Ciò non significa che sia sbagliata. Anzi. Però c'è anche un'altra modalità: al femminile. Vediamo la differenza.

La via del cielo e la via della terra

Si dice "Padre Cielo" (o Padre Celeste) e "Madre Terra". Adesso ti chiedo: come ti sembrerebbe il contrario? Cioè "Padre Terra" e "Madre Cielo". Strano vero?

C'è un motivo ben preciso. Perché la spiritualità maschile è la via del cielo. La spiritualità femminile è invece la via della terra. Andiamo a scoprirle. Partiamo prima da quella a cui siamo tutti abituati, la spiritualità maschile, per poi comprendere quella femminile.

Lassù in cielo

«Dio è lassù, nell'alto dei cieli»

«Quando muori l'anima va in cielo»

«Volesse il cielo che... ».

La spiritualità al maschile – Dio – è al di sopra della realtà, in una dimensione elevata. Il principio divino è in alto. L'essere supremo è distante, in cielo. Fa parte di una dimensione superiore, inconoscibile e irraggiungibile. Una perfezione a cui l'uomo aspira.

Adesso potresti pensare: «Certo, è ovvio: questo è ciò che significa divino». Ma la realtà è che questa concezione è ovvia secondo una visione spirituale maschile. Ma ce n'è anche un'altra: una visione spirituale al femminile.

Giù nella terra

Se la spiritualità maschile guarda in alto, in cielo, verso un essere supremo, la spiritualità femminile guarda verso la terra, verso il centro, verso un divino fatto di sacralità nel quotidiano.

La spiritualità maschile è trascendente e ascetica, quella femminile è immanente e concreta. Nella spiritualità femminile il divino è in ogni cosa: nei fiori che crescono sul davanzale, nella brezza leggera che ti accarezza il volto, nella fiamma della candela che illumina il buio, nel cibo che hai preparato, nel tuo corpo che ti accompagna nella vita. Se la spiritualità maschile è la via del cielo e si riconosce in Dio, la spiritualità femminile è la via della terra e si riconosce nella Dea.

Siamo orfani spirituali

Ma perché nella nostra cultura vicino a Dio non c'è anche la Dea? Quando nominiamo la divinità diciamo "Dio", "Padreterno", "Signore", "Lui", "Egli". Non diciamo "Dea", "Madreterna", "Signora", "Lei", "Ella". Sostantivi e pronomi al maschile non sono una discriminazione grammaticale. Sarebbe irrilevante. Il problema risiede nel fatto che dietro a questa linguistica – o raffigurazione – c'è tutto un sistema di valori: maschili e non femminili.

Il divino, nella nostra società, si esprime al maschile. C'è un Dio. Ma non c'è una Dea. Vicino a una divinità maschile manca quasi completamente una divinità femminile.

La nostra è una società orfana spiritualmente. È come se nelle nostre famiglie ci fosse solo il padre e non la madre. È come se l'essere umano fosse rappresentato solo dall'uomo e non dalla donna. È come se la nostra essenza si manifestasse solo al maschile e non al femminile. Non c'è equilibrio, non c'è complementarità.

L'essenza del maschile da sola non è completa. Così come non lo sarebbe quella del femminile. Sono necessarie entrambe.

Ma la Dea chi è?

È necessario dare alcune definizioni, perché il concetto spesso non è affatto chiaro. Per comprendere bene cos'è la Dea è utile prima definire cosa non è. La Dea non è le dee, cioè le divinità femminili presenti nella mitologia o nelle tradizioni religiose di tanti popoli. Con Dea non si intende la dea dell'amore, della maternità, della poesia, della guerra, della magia e moltissime altre. Così come gli dei, le dee rappresentano l'essere umano divinizzato nei suoi vari aspetti.

Non sono però il principio divino, nella sua essenza. Non rappresentano la Dea nemmeno le immagini femminili dell'iconografia religiosa. Sono donne santificate. Non sono la Dea. La Dea non è la "Madre" o meglio non è solo quella.  La "Dea Madre" è un modo in cui viene rappresentato il divino femminile. La Dea è però un principio spirituale completo. Molto più vasto di quello della maternità o della fertilità.

Non si può parlare quindi solo di Dea Madre. Così come Dio non è solo Dio Padre. Quello della madre è l'aspetto del femminile più fortemente enfatizzato dalla nostra cultura. Non è però l'unico.

La Dea non è un archetipo, anche se spesso viene definita in questo modo. Non è cioè un modello primario, un simbolo di riconoscimento valido universalmente.

La psicologia parla spesso di questi "modelli". Ma se la Dea – come il Dio – è certamente un archetipo non è però solo questo, come invece spesso riportano fonti storiche, letterarie, filosofiche e psicanalitiche. L'archetipo assomma in sé molti significati simbolici.

Ma non è il divino. Considerare la Dea un archetipo – anziché un'essenza spirituale – sminuisce il femminile perché Dio, l'essere supremo, la divinità è e resta maschile.  La Dea non è il Dio al femminile. L'uomo vive e sente la presenza divina in un modo molto diverso dalla donna. Concepire la Dea come la versione femminile di Dio non è quindi corretto.

Cos'è allora la Dea? La Dea è l'espressione del principio femminile nella sua essenza. È la manifestazione dell'energia femminile primigenia: intensa, viva e pulsante in ogni donna.

Donne lontane dalla propria fonte

Senza la presenza della Dea le donne sono cresciute orfane: hanno perso una fondamentale risorsa che le aiuta a riconoscere la propria essenza. Sono lontane dalla propria fonte interiore. 
Incontrare la Dea per le donne ha quindi un valore molto importante. Significa sviluppare una conoscenza concreta e profonda di se stesse. Per giungere ad una percezione dell'essenza del proprio essere femminile.

Per il mondo femminile questo è un processo importantissimo. Spesso la donna ha un approccio parziale con la propria femminilità. Non si sente donna. Vive un senso di disorientamento interiore. Incontrare la Dea è un aiuto, un orientamento per ritrovare un'autenticità di espressione di sé. I principi che si manifestano attraverso la Dea servono a portare più facilmente in contatto con l'essenza del femminile.

Verso l'integrazione spirituale

Spiritualità maschile e spiritualità femminile: due modi diversi di esprimersi, di percepire il divino.
La spiritualità maschile si manifesta negli spazi aerei del cielo, senza forma e senza confini. È astratta, al di là della realtà fisica, lontana, perfetta, irraggiungibile. Ci aiuta ad andare oltre il reale, alza le nostre prospettive, dilata gli orizzonti.


La spiritualità femminile invece è la realtà stessa, fa parte della sostanza, della terra. È concreta, vicina, nella materia, raggiungibile. Ci aiuta a connetterci con l'esperienza della vita reale, a trasferire il sacro nel quotidiano. Queste due vie spirituali non sono una migliore o peggiore dell'altra. Sono semplicemente differenti. E vanno integrate. Ma nella maggior parte dei casi non succede.

Un cielo perfetto, una terra rinnegata

Diciamo "è celeste" di qualcosa che è solenne, sublime, soprannaturale, divino. Diciamo "è terra-terra" di qualcosa che è rozzo, banale, materiale, grossolano. Ciò che è in cielo, su, in alto anche nelle forme linguistiche che utilizziamo quotidianamente ha più valore rispetto a ciò che è in terra, giù, in basso. Con "superiore" sottintendiamo il positivo, con "inferiore" il negativo.

I beni celesti sono i beni spirituali. I beni terreni sono i beni materiali. Il paradiso è in alto, in cielo. L'inferno è in basso, nella profondità della terra. La nostra cultura concepisce come spirituale soprattutto ciò che è in alto, lontano dalla realtà. Ma quando il divino è concepito solo in una visione trascendente, manca l'equilibrio. Occorre anche una visione spirituale al femminile, che concepisce il sacro nella terra, nel corpo e nelle azioni del quotidiano.

Una spiritualità immanente, al femminile, rende sacra la materia. La Dea è attorno a noi ed è noi. Questo diverso approccio determina una grande differenza. La natura, la fisicità e tutte le sue espressioni – anche la sessualità – acquisiscono un valore completamente diverso. Sono sacre. Sono manifestazioni del divino. È allora che molte cose cambiano.

Il mio corpo è sacro

La spiritualità femminile ci fa percepire il nostro corpo come sacro. Ed è allora che la relazione con la nostra fisicità si modifica completamente.

Percepire in profondità il corpo come espressione divina ci pone in una relazione positiva e d'amore con noi stesse. Anche la relazione con la nostra estetica ne trae beneficio: se infatti ci dedichiamo al nostro aspetto solo con le cure esteriori possiamo sentirci più belle o più sensuali per un po', ma torna sempre a mancare qualcosa, siamo insoddisfatte per un motivo o per un altro.

Se prima non percepiamo noi stesse come una manifestazione speciale, come lo spazio sacro in cui si mostra la Dea, i nostri sforzi non porteranno a risultati apprezzabili. Anche la sessualità migliora attraverso una visione spirituale al femminile. Spesso l'abbinamento sessualità e spiritualità sembra quasi improponibile: secondo la concezione maschile il divino è lontano dal corpo. Ma secondo la visione femminile è nel corpo: la sessualità è perciò una sacra espressione.

Una terra sacra

Come è sacro il corpo, così è sacra la terra. La terra è il corpo della Dea. Nella visione spirituale femminile la Dea non solo si esprime nella natura. È la natura. Le montagne sono la sua colonna vertebrale. Le pietre le sue ossa. Le acque i fluidi del suo corpo e il suo sangue. La luna il suo volto. Gli esseri viventi il frutto del suo grembo.

Nella spiritualità femminile c'è un'intensa fusione e compartecipazione con gli elementi naturali: con la terra, il sole, la luna, le stelle, gli animali, le piante e ogni espressione di vita, nelle sue molteplici trasformazioni.

Discriminazione spirituale

Se della Dea tutti ne abbiamo sentito parlare, la nostra società tende tuttavia ad escludere il principio spirituale al femminile. Le donne hanno combattuto tanto per la parità dei diritti, per ottenere un'identità di uguale valore a quella maschile, ma è stato tralasciato questo aspetto fondamentale.

L'aspetto spirituale. La raffigurazione più elevata – quella divina – è solo maschile. E la spiritualità segue principalmente modalità maschili. La maggior parte delle donne si rivolge a Dio. Non alla Dea. Si riconosce in una spiritualità di tipo maschile, non femminile.

Ma se l'essere supremo lo identifichiamo solo al maschile, il femminile non viene altrettanto riconosciuto. Finché la società non riconoscerà una Dea di uguale valore a Dio, le donne saranno discriminate spiritualmente. Una cultura che non riconosce il valore della Dea è discriminante per il femminile. Così com'è discriminante che nelle scuole – alle bambine e ai bambini di domani – non venga insegnato che c'è anche una Dea oltre a un Dio.

La nostra società spesso sembra allontanarsi dalla dimensione spirituale. Ma la causa potrebbe risiedere non solo nello scarso desiderio di spiritualità ma anche nella mancanza di una dimensione spirituale integrata. Maschile e femminile insieme. La metà del genere umano – le donne – si trova infatti priva di una fonte spirituale in sintonia con il suo essere.

Negando la Dea si nega il principio femminile, perché è la rappresentazione della sua essenza. In questa negazione la donna viene privata di autonomia interiore: non può infatti usufruire di un percorso spirituale più vicino alla sua anima. Le donne hanno agito molto per i pari diritti e dignità a livello fisico e psichico. Adesso è necessario – anzi indispensabile – che gli stessi diritti – e la stessa dignità – vengano riconosciuti a livello spirituale.

Verso l'anima femminile

Cosa succede alle donne, quando scoprono la Dea? Si mettono in viaggio verso la propria anima. E tutto diventa più facile. È come riconnettersi con l'origine, con una voce antica, con un messaggio che proviene dal profondo di se stesse: ci si riconosce.

Il contatto con l'anima secondo una modalità femminile connette le donne con la loro più profonda natura integrale: si risveglia allora una presenza calda e viva che nutre giorno per giorno. La Dea può aiutare tanto le donne perché le riporta velocemente al loro nucleo femminile dove possono attingere più facilmente alla forza e al potere che c'è dentro di loro. Sarà allora che – quando lo spirito femminile integrerà quello maschile – ci sarà equilibrio.

Questo testo è stato ispirato dal sito di Simona Oberhammer, naturopata e ideatrice della Via Femminile. Se vuoi saperne di più visita il sito http://www.simonaoberhammer.com/..

 

 

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Commento di Paola

Il bisogno di spiritualita' e' forte dentro di noi, ma spesso c'e' molta confusione sul significato di questo termine. E non abbiamo molta chiarezza nemmeno verso "chi" o "cosa" orientare questa nostra esigenza. Questo articolo illumina una strada piuttosto buia e dissestata, permettondoci di precedere con piu' sicurezza in una direzione che sentiamo piu' in linea al nostro "sentire" e piu' vicina al nostro cuore di donne. Un faro che illumina la notte della nostra anima in tempesta.

Rispondi al commento

Commento di Sara

Un bellissimo lavoro, semplice ma che fa capire l'importanza della spiritualità nella nostra vita. Credo che la semplicità oggi sia un grande strumento di comunicazione. E' la prima volta che sento parlare di discriminazione spirituale femminile, non si poteva scegliere termine più adatto, veramente rivoluzionario e decisivo. Possono partire così. finalmente, tante azioni in favore della donna, anche a livello giuridico, secondo me. Complimenti! Se posso essere anch'io d'aiuto in questo senso, potete visitare il mio blog dedicato al matriarcato, per conoscere le origini e le motivazioni di questa discriminazione: http://antropoloseduantropologia.blogspot.com/

Rispondi al commento

Commento di Simona

Grazie per il tuo commento. Io credo molto nella possibilità di vivere una spiritualità anche al femminile. Ho visitato il tuo blog. E' interessante. Mi piacerebbe entrare in contatto con te ma sul tuo blog non ho trovato la sezione contatti. Se ti fa piacere puoi contattarmi tu dal mio sito www.olofem.com. Un saluto. Simona

Rispondi al commento

Commento di caterina

che bell'articolo!!! grazie Simona. rispecchia pienamente come sai il mio pensiero e il mio lavoro. è importante per noi donne ricordare chi siamo,cosa possiamo,cosa veramente vogliamo,cosa ci rende felici. il non riconoscere la propria essenza divina femminile ci allontana dal divino e dal nostro corpo e ci ritroviamo con una sottile e continua sofferenza che poi traspare nel modo di parlare ,di muovertsi ,nella vita. leggere e soprattutto credere di valere fa brillare gli occhi di noi donne riconnettendoci alla essenza spirituale. grazie ancora

Rispondi al commento

Commento di francescsa

ecco, come dire un concetto che deve entrarmi a poco a poco, rivoluziona il mio pensare anche medico...ma è come se un improvviso lampo di genio mi avesse illuminato: ecco perchè da sempre sta benedetta umanità non è in equilibrio!!! la chiarezza che bisogna incominciare a lavorare su questo. Articolo fondamentale! Francesca G.

Rispondi al commento

Commento di Patrizia

È un argomento nuovo. Molto interessante. Spero pubblicherete altri articoli su questa tematica. Un punto di vista che fa riflettere. Consiglio di leggerlo.

Rispondi al commento

Commento di Patrizia

È un punto di vista nuovo .. Che condivido. Spero ne vengano pubblicati altri su questo argomento. Consiglio di leggerlo. È molto interessante.

Rispondi al commento

Commento di Patrizia

Articolo rivelatore e molto innovativo! Ora mi è molto più chiaro il motivo di un Femminile non ancora completo. C'era ancora un punto interrogativo, che era non chiaro. Con questo articolo sono riuscita ad avere questa chiarezza che mi mancava. Anche se capisco che è modo nuovo di cui le donne devono iniziare per prime a crederci. Spero che vengano trattati altri articoli su questa nuova tematica. In un periodo storico come questo è fondamentale che le donne trovino una loro identità spirituale, in cui identificarsi.

Rispondi al commento

Commento di angela

"Nella spiritualità femminile il divino è in ogni cosa", cito questo passo dell'articolo, che mi sembra fondamentale, perchè implica, tra l'altro,il rispetto per questo divino in cui siamo immersi e di cui facciamo parte. Ma che fatica scoprirlo e ricordarlo! La spiritualità sembra così lontana dagli affanni concreti del quotidiano, mentre invece dà loro senso e dignità. Grazie per questo articolo,importante e profondo e anche rivoluzionario, perchè davvero la spiritualità femminile, come l'arte, è sempre stata considerata qualcosa "di serie B" ( per usare una frase maschile) dalle stesse donne; inoltre, trovare parole al femminile per definirla è un momento cardine in questo percorso di riscoperta.

Rispondi al commento

Tutti i commenti...
Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

La Dea

Creazione, fertilità e abbondanza la sovranità.La sovranità della donna.Miti e archetipi

Shahrukh Husain

(1)
€ 15,00
Disponibilità: 5 giorni

Libro - E.D.T. - Gennaio 1999 - Dea

La donna vista come Dea Creatrice e quindi come fonte di fertilità per la terra e per l'umanità. Una rivalutazione della donna nella società contemporanea e i racconti che descrivono come gli uomini, invidiosi del potere... scheda dettagliata

Il Risveglio della Dea

Il potere sciamanico delle donne. La via femminile alla guarigione

Vicki Noble

(14)
€ 11,00
Disponibilità: Immediata

Libro - Tea libri - Luglio 1998 - Dea

In un mondo in cui le leve decisive del potere sono in mano agli uomini, in cui la ricerca scientifica, il diritto e la religione parlano ancora prevalentemente un linguaggio maschile, in cui si parla sempre di ministri,... scheda dettagliata

Il Linguaggio della Dea

Marija Gimbutas

(7)
€ 36,00 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Venexia Edizioni - Settembre 2008 - Dea

Il Linguaggio della Dea (1989), pietra miliare dell’archeomitologia, ha rivoluzionato le prospettive sulle origini della nostra cultura. L’autrice è riuscita a ricostruire la civiltà arcaica dell’Europa Antica e a... scheda dettagliata

Olofem - Femminile Sconosciuto

Simona Oberhammer

(15)
€ 18,00
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 407 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - Edizioni Olosophiche - Novembre 2011 - Spiritualità al Femminile

Un viaggio misterioso lungo la via femminile. Antico e moderno. Per sprigionare la donna che è in te. Per chi vuole riscoprirsi viva, autentica, passionale, morbida ma forte, creativa e capace di farsi sentire e valere.... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI