Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Caroline Myss - Guarisci l'Impossibile - Anteprima

Caroline Myss - Guarisci l'Impossibile - Anteprima

Intelligenza, passione, arguzia, una chiarezza forense e una compassione realistica e mai riluttante sono tutte qualità che siamo abituati ad aspettarci dal lavoro straordinario di Caroli­ne Myss, e che sono messe abbondantemente in mostra in modo vivace e stimolante nel suo ultimo libro, Guarisci l'impossibile. Ciò che è davvero notevole e che ci ispira in lei come scrittrice, inse­gnante e persona, è che Caroline è capace di reinventarsi continua­mente, spingendosi in avanti verso una integrazione sempre più completa di mente, cuore, corpo e anima. Per lei, questa ricerca del campo di forza unificato della verità non è mai soltanto indivi­duale, ma avviene nel contesto di un confronto urgente e radicale con la crisi mondiale che minaccia ora la sopravvivenza della razza umana e di gran parte della natura, e nasce dal desiderio appassio­nato di una guarigione planetaria oltre che personale.
Questa crisi minacciosa è il cuore segreto di Guarisci l'impossi­bile. Caroline Myss sa esattamente a che punto siamo nell'enorme disastro da noi stessi creato, una catastrofe crescente generata dalla nostra dipendenza dalla ragione e dall'adorazione di quest'ultima e dei poteri di controllo che essa ci mette a disposizione, e inol­tre dall'abbandono del Sacro e delle rigorose e impegnative leggi mistiche che governano la sua applicazione alla vita. La nostra so­pravvivenza è minacciata da ogni lato: dai demoni scatenati dalla passione per il dominio sugli altri uomini e sulla natura, dalla com­prensione difettosa e tribale della religione che alimenta i conflit­ti invece di risolverli, e dal rifiuto costante di affrontare le ombre personali e collettive di avidità, paura, crudeltà e dalla nostra tacita disperazione di fronte alla natura umana irriformabile.
In Guarisci l'impossibile Caroline Myss ci offre una strada per uscire dall'incubo, una via di uscita che ha evidentemente for­giato nel profondo di se stessa, grazie al confronto durato una vita intera con i problemi e le possibilità della guarigione. Que­sta strada ci chiede di considerare due elementi: il primo, che l'età dell'Illuminismo – l'era del primato della ragione e delle spiegazioni puramente materialistiche e scientifiche della realtà – ha mostrato il proprio fallimento e non è in grado di offrir­ci alcuna efficace linea di condotta, e il secondo, che la nostra risorsa maggiore non si trova nella magia tecnologica o nelle "soluzioni" politiche razionali, ma piuttosto nella verità della nostra natura divina interiore e nella sua straordinaria ricetti­vità al potere divino e rinnovatore della grazia. È questo potere che Caroline ha sperimentato al centro della propria vita, ed è a questo supremo potere universale e divino che ci riconduce tante volte in modi diversi e progressivamente sempre più si­gnificativi in questo nuovo libro, incoraggiandoci ad apprende­re le difficili lezioni di umiltà, resa e perdono senza condizioni, e a comprendere la necessità di essere messi alla prova e la legge mistica che assicura l'operato più efficace in questo travaglio.
La mia profonda amicizia con Caroline è una delle gioie più sa­cre della mia vita. Ciò che la caratterizza come amica, e adesso come amica sacra di tutti voi nelle pagine di Guarisci l'impossibile, è il mo­do straordinario in cui mette a nudo la sua anima, la sua avversione a evitare a se stessa o a chiunque altro l'esame delle passioni più oscure, e la robusta gentilezza e straordinaria generosità della compassione e dell'incoraggiamento che s'irradiano da una conoscenza, acquisita a caro prezzo, della fragilità umana e delle possibilità di trasformare questa fragilità. Una delle cose che ammiro di più in questo meravi­glioso libro è il fatto che in esso ascolto continuamente la voce inti­ma della sorella dell'anima che conosco e amo, e che parla qui dalla totalità del suo essere, in un modo che è insieme umile ed esaltato, fiero e consolante. Una voce così varia, chiara e radicale come quella di Caroline è rara in qualsiasi cultura; nella nostra cultura di negazio­ne e confusione, e di superficiale correttezza politica e spirituale, ha davvero un valore unico. Ciò che Caroline offre – persino quando mette allo scoperto le nostre fantasie, dipendenze e perversioni – so­no una fede e una testimonianza cui possiamo credere, perché sono state forgiate dall'angoscia per la condizione del mondo e dall'espe­rienza radicale del loro potenziale potere di trasformazione totale, fatto di Divino Amore e Saggezza.
Ciò che Guarisci l'impossibile ci dà, inoltre – e questo, credo, è il suo dono più grande – è un modello estremamente chiaro per una guarigione sia interiore che esteriore, un modello che distilla le difficili verità del misticismo universale in un linguaggio con­temporaneo adatto a un vasto pubblico. Caroline ha scoperto un modo assolutamente moderno e opportuno di descrivere per noi il viaggio essenziale di guarigione racchiuso nel cuore delle mag­giori tradizioni mistiche mondiali. Questo viaggio esige che tra­scendiamo immediatamente le "irragionevoli" pretese razionali di sicurezza personale e controllo, e che passiamo attraverso zone a volte estremamente dolorose di resa, perdono senza condizio­ni e confronto senza illusioni con le nostre passioni oscure, per arrivare a scoprire i grandi doni di anima, passione, potere e co­noscenza che vengono alla luce in noi quando penetriamo nella nostra più profonda identità divina. La mente e l'io non trovano nulla di semplice o di consolante in questo viaggio, ma ciò che esso offre, come Caroline rende chiaro in modo meraviglioso e metodico, è un livello di riacquisizione del proprio potere com­pletamente nuovo in senso evolutivo.
È proprio a questo nuovo livello evolutivo di ripresa del pote­re – e quindi di guarigione esteriore e interiore – che ci chiama la rovinosa crisi contemporanea. Nessuno ha un senso più vivo di Caroline del "paradosso divino". Ella mostra chiaramente di sape­re che la moderna notte oscura è potenzialmente il crogiuolo della nascita, su una scala finora mai vista, di esseri umani sani che vi­vono in cosciente sintonia con la grazia cosmica e la legge mistica, permeati dal loro potere essenziale e dal destino dell'anima.
Nel viaggio dalla confusione contemporanea alla chiarezza umile e arresa che può aprirci a questa nuova evoluzione, Gua­risci l'impossibile di Caroline Myss giocherà il ruolo indispensa­bile di guida e faro luminoso di speranza e di possibilità.
Questo è un libro da leggere e gustare molte volte, da cui im­parare e con cui vivere. Sono personalmente grato a Caroline per aver rischiato tante volte d'intraprendere il viaggio scottante che le dà la possibilità di accedere a queste visioni terapeutiche, e di renderle accessibili così anche a tutti noi. In Entering the Castle, Caroline Myss ci aveva guidato lungo il cammino immutabile della saggezza aperto da Teresa di Avila; in Guarisci l'impossibi­le afferma la propria autorità di guida e radicale pioniera mistica con l'umiltà, l'intensità e la chiarezza che può nobilitarci tutti.

Andrew Harvey

Introduzione di un mistico  alla guarigione

Questo non è un comune libro sulla guarigione; non of­fre indicazioni su come curare una particolare malattia, né si basa sull'assunzione che ogni malattia sia radica­ta nel mistero delle ferite del passato. Questo libro, anzi, mette in discussione quell'approccio alla guarigione e invita il lettore a esaminare le limitazioni del modello olistico di salute e a esplo­rare un cammino che si stacca dalla saggezza convenzionale, se­condo la quale le risorse e le capacità della mente sono sufficienti a scatenare la trasformazione in un corpo malato. O, altrettanto, che la mente da sola sia in grado di trasportarci all'interno del va­sto dominio dell'anima.
Dopo aver lavorato nel campo della salute e della terapia per più di due decenni, sono arrivata alla convinzione che, come so­cietà, non abbiamo sostenuto appieno la trinità corpo-mente-spirito che è alla base del mio approccio alla salute, e per un sem­plice motivo: siamo ancora affascinati dal familiare potere della mente e intimoriti da ciò che è meno familiare, le regioni mi­stiche e di trasformazione dell'anima. Di conseguenza, anche se usiamo il linguaggio dello spirito, spesso ripieghiamo verso i me­todi della mente, che soddisfano soprattutto il bisogno di scopri­re i motivi per i quali determinati avvenimenti si svolgono in un certo modo nella nostra vita. Vogliamo sapere perché siamo sta­ti feriti nell'infanzia, per esempio, o quali lezioni si nascondano nelle malattie che si sono manifestate in noi. La premessa sottin­tesa è che, se riusciamo a portare alla luce questi motivi, potremo tornare alla normalità; ritroveremo la salute, vibrante com'era prima che la malattia ci colpisse. Ma ciò accade raramente, per­ché questo tipo di ragionamento sulla malattia e la crisi è mina­to da un difetto fondamentale: non possiamo tornare alla salute tramite il ragionamento. L'intelletto è un veicolo inadeguato per trasportarci nell'arduo viaggio verso la guarigione.
La guarigione esige da noi molto più di una semplice parte­cipazione delle nostre risorse intellettuali o persino emozionali. Sicuramente ci chiede di fare di più che guardarci indietro ne­gli archivi senza prospettive del passato. Guarigione vuol dire, per definizione, prendere un processo di disintegrazione della vita e trasformarlo in un processo di ritorno alla vita. La men­te non è in grado di eseguire questo compito; soltanto l'anima ha il potere di riportare il corpo alla vita. Sono stata testimone di questo fenomeno tante volte, altrimenti non potrei avven­turarmi nel territorio della guarigione con la fiducia necessaria per condividere le mie scoperte con altri. Ho potuto osserva­re queste guarigioni e qualcuno potrebbe anche dire che le ho assistite grazie ai miei insegnamenti, cioè alla saggezza mistica mescolata a tutto ciò che ho appreso sulla coscienza umana e sul viaggio chiamato vita che tutti condividiamo.
Abbiamo bisogno di conoscere le verità essenziali della gua­rigione, perché ci sarà sempre qualche fase della vita in cui ognuno di noi dovrà farvi ricorso. Per quanto possiamo sentirci sani in un dato periodo, inevitabilmente arriverà un momento in cui avremo bisogno di guarire. Sono arrivata a questa con­clusione dopo anni d'insegnamento su argomenti connessi alla salute, e questa verità da sola è stata sufficiente per farmi ricon­siderare la mia lunga riluttanza a lavorare direttamente con per­sone bisognose di cure, persone che stavano affrontando ma­lattie dolorose e sconvolgenti, come cancro, artrite reumatoide, sclerosi laterale amiotrofica (malattia di Lou Gehrig) o sclerosi multipla. Nonostante fossi stata una intuitiva in campo medico per molti anni, diagnosticando i disturbi in collaborazione con il dottor Norm Shealy, avevo da tempo smesso di offrire letture individuali su base professionale. E anche quando l'avevo fat­to, ero riuscita a tenermi a distanza dalla persona che stavo as­sistendo, perché l'aiuto che potevo dare era soprattutto di tipo intuitivo. Il contatto personale mi metteva a disagio, ma per me non era necessario incontrare la persona per fare una lettu­ra intuitiva, era sufficiente una comunicazione telefonica. Ciò rispondeva al mio bisogno di mantenere ogni rapporto con la "guarigione" a distanza di sicurezza. Nei primi tempi del mio lavoro come intuitiva in campo medico la mia comprensione non era sufficiente a individuare con esattezza il motivo per il quale evitavo ogni associazione con la guarigione, rimanendo attaccata alla professione di "scrittrice" e "insegnante" come se fossero etichette da designer. Ora, quando considero questo at­teggiamento in retrospettiva, non ho dubbi che il sentirmi a mio agio con quelle etichette fosse dovuto al fatto di non do­ver mai dare una spiegazione dell'occupazione di scrittrice o di insegnante, mentre descrivermi come una intuitiva in campo medico richiedeva sempre una descrizione lunga e faticosa. In realtà, le cose stanno ancora così.
Ho compreso, inoltre, che mi sentivo sopraffatta dalla vulne­rabilità che emerge in ognuno di noi quando abbiamo bisogno di guarire. È quella sensazione di essere in attesa sull'orlo della speranza o della disperazione che poche altre condizioni della vi­ta scatenano in noi. La vulnerabilità nasce da una eruzione della forza vitale, nel momento in cui questa forza sembra essere co­me lava al calor rosso che minaccia d'irrompere nel tuo campo di energia e inondarti con la vastità dell'eterno. Sei in grado di dire quando la forza vitale si sta riscaldando verso il punto di eruzio­ne, perché essa invia dei segnali di disagio, come se fossero fuo­chi di segnalazione, al tuo sistema intuitivo. Senti che l'energia del corpo si sta riducendo, e poi avverti la paura che è caratteri­stica dell'inizio di una malattia e che penetra in ognuna delle tue cellule come l'approssimarsi di una rara ma ancora indescrivibile forza di distruzione. Ho conosciuto questa vulnerabilità, perché ho dovuto affrontare anch'io delle eruzioni di questo genere, ed è probabile che ne accadranno ancora di più negli anni a venire. Questa è la vita, dopo tutto.
Questa parete, sottile come carta di riso, tra la salute e la ma­lattia, la vita e la morte, chi guarisce e chi no, è proprio il muro che avevo evitato con successo, finché non si sono verificate delle guarigioni durante alcuni dei miei corsi. Un punto interessante è che le guarigioni si sono verificate soltanto nei corsi basati su un nuovo libro, Entering the castle, che stavo presentando in un giro di conferenze. Questo libro ha segnato per me un punto di svolta, poiché in esso ho trattato la visione contemporanea del­la classica esperienza mistica incoraggiando il lettore a scoprire il proprio "castello interiore", una metafora dell'anima che s'ispira agli splendidi insegnamenti di una teologa e mistica del XVI se­colo, Santa Teresa di Avila. Nella sua opera fondamentale, Il ca­stello interiore, che è diventato il modello per il mio lavoro, Teresa descrive chiaramente i sette stadi dell'illuminazione mistica lun­go un cammino di preghiera e ricerca di conoscenza dell'anima. Nel periodo in cui ho scritto questo libro, comprendendo anche i cinque anni di studio prima d'iniziare a scrivere, ho avuto il mio risveglio mistico, stimolato da una grave crisi di salute.
Come succede sempre, comprendiamo molto di più riguar­do a un punto di svolta della nostra vita soltanto in seguito, quando la crisi è stata superata e siamo sopravvissuti. Quando osservo quel periodo in retrospettiva, mi meraviglio di come i miei problemi di salute – un anno nel corso del quale ho avuto tre attacchi di convulsioni – sembrassero attentamente costru­iti per adattarsi al progetto del mio libro successivo: aggiornare gli insegnamenti di una famosa mistica, di cui si sa che ha sof­ferto di convulsioni. Come tutti i grandi mistici, Teresa è sali­ta a un livello cosmico, e i suoi scritti sono studiati, rispettati e amati in tutto il mondo, anche se le radici rimangono soli­damente piantate nelle sue origini religiose. La vita da mona­ca cattolica romana era l'ambiente necessario per l'incubazione della genialità delle sue intuizioni mistiche, che tuttavia sono universali per grandezza, profondità e capacità di guidare un individuo verso una intensa esperienza di trasformazione. Basti dire che, prima del mio coinvolgimento con Teresa, per me la preghiera era un atto ripetitivo e la grazia qualcosa che cercavo a fatica di definire per altre persone; dopo Teresa, la preghiera è diventata per me la forma più pura di potere, e ho capito che la grazia è il canale attraverso il quale si guarisce.
Studiando gli scritti di Teresa ho compreso che il senso di vuoto che la gente esprime continuamente al giorno d'oggi, la sua ricer­ca di "qualcosa di più" nella vita, non è la ricerca di un nuovo la­voro o di un nuovo partner. Ciò che manca a queste persone è un senso di meraviglia rispetto alla vita, un collegamento con il sacro, collegamento che non possono realizzare tramite l'intelletto. Non vogliono parlare di Dio, vogliono sentire il potere di Dio. Voglio­no essere travolti dalla meraviglia e dalla reverenza che soltanto le esperienze mistiche sono in grado di fornire. Vogliono mettere a tacere l'intelletto raziocinante, esigente e indagatore, e sprofondare nell'esperienza assoluta della fiducia interiore.
Ho ascoltato tanti parlare della propria "voce interiore", ma poi rivolgersi a me per essere guidati. Se fossero stati realmente in contatto con quella "voce interiore", non avrebbero sentito il bisogno di porre a me le loro domande. Spesso me li immagino al di fuori del loro castello interiore, nel luogo dove l'io incon­tra l'anima, mentre vogliono disperatamente coinvolgersi con la coscienza mistica, eppure sono timorosi del modo in cui la loro vita potrebbe cambiare una volta attraversato il ponte le­vatoio. Sentono quanto sia vero che, una volta avuta un'auten­tica esperienza mistica, nulla rimane invariato. Si passa repenti­namente da un mondo esterno pieno di persone e di caos a un campo sacro di grazia in cui la vita nella sua interezza acquista scopo e significato. Il fatto che non si riesca a comprendere quel significato è, per essere sinceri, del tutto irrilevante.
Il fatto importante è che un'esperienza mistica di questo ge­nere ravviva il potere interiore, il senso di una realtà della grazia e di Dio che in precedenza esisteva soltanto sotto forma di "pa­role nella mente". Parole e immagini nella mente non possono guarire; sono soltanto parole e immagini. Le persone che ho vi­sto arrivare alla guarigione mi hanno detto di essere state capaci di distaccarsi dalle loro precedenti immagini di Dio. In realtà, si erano distaccate da ogni cosa: le ferite, il bisogno di avere ragio­ne, quello di vincere e quello di sapere perché le cose accadevano in un certo modo nella loro vita. In questo distacco scoprivano di dover cedere in realtà soltanto la paura, l'oscurità e, con loro grande sorpresa, la malattia. Nel cedere queste cose veniva dato loro tutto ciò di cui avevano bisogno, a iniziare dalla vita. Que­sto è il modello che ho osservato in tutte le guarigioni a cui ho potuto assistere, modello che è diventato l'ispirazione di questo libro. Ho compreso che la guarigione non è una questione di vi­sualizzazione, di oli sacri, di elaborare ferite, accendere candele e cose di questo genere. In definitiva, la guarigione è il risultato di un atto mistico di resa, un risveglio che trascende qualsiasi reli­gione. È un dialogo intimo di verità tra l'individuo e il Divino.
Ci troviamo ora in un momento cruciale di cambiamento nella storia dell'umanità. Parte di questo cambiamento ci chia­ma infine ad abbracciare la nostra coscienza interiore, non sol­tanto a parole, ma attraverso la comprensione della profonda natura mistica della vita. Credo fortemente che molti siano più che pronti per imparare a sfidare la gravità, non soltanto per guarire da una malattia o superare una crisi, ma come parte in­tegrale della loro vita quotidiana.

Caroline Myss
Oak Park, Illinois

 

Caroline MyssTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Caroline Myss

Caroline Myss si è impegnata nel campo della medicina energetica e della coscienza umana per vent’anni.

Dal 1982 ha lavorato come intuitiva in campo medico, fornendo su base individuale una valutazione della salute del sistema di anatomia energetica.

È specializzata nell’assistere le persone a comprendere i motivi emozionali, psicologici e fisici che sono causa dello sviluppo di una malattia.

I suoi libri sono bestseller della lista del New York Times.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Guarisci l'Impossibile

Vai oltre la forza di gravità!

Caroline Myss

(8)
€ 15,50
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Novembre 2010 - Energie di guarigione

“Vivi come se fossi libero dal pensiero ordinario,al di là dei confini della logica e della ragione,andando oltre la forza di gravità.Fai scelte coraggiose e stravaganti, vivi come se avessiil potere di cambiare il mondo,... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI