Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Lo Statista

Il ventennio Berlusconiano tra Fascismo e Populismo

Massimo Giannini


(1 recensioni1 recensioni)


Prezzo: € 17,50


Modificato il 05 Novembre 2016 - Il volume, avente titolo Lo Statista, realizzato da Massimo Giannini, appare nella categoria Attualità e temi sociali, approfondisce il tema Attualità. Editato dalla casa editrice Baldini & Castoldi e stampato nel mese di Novembre 2008 , in questo momento è in "Fuori Catalogo". Il prezzo è attualmente pari a Euro 17,50.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Queste ultime cinque legislature saranno ricordate come il Ventennio berlusconiano: Silvio Berlusconi è infatti riuscito, sia da capo del governo che da leader dell’opposizione, a dettare la propria agenda di priorità, lasciando che fossero gli altri a rispondere alle sue mosse e a impedire che accadesse il contrario. A questo atteggiamento la sinistra non ha saputo far altro che opporre delle risposte ondivaghe: a volte attraverso un antiberlusconismo intransigente, gridando al «regime», e giudicando Berlusconi un «politicante» inadeguato a guidare il Paese; altre volte offrendo un’ambigua disponibilità a creare insieme regole condivise ma uscendone sempre sconfitta. Entrambi questi comportamenti si sono rivelati inadeguati dopo la travolgente vittoria elettorale del Popolo della libertà alle elezioni del 13 aprile 2008. Da quel momento si è aperta una nuova stagione: Berlusconi non è più il «parvenu» della politica che vinse le elezioni del ’94 e neppure il presidente tuttofare del 2001. Oggi attorno a sé ha costruito un blocco elettorale solidissimo, che seppur frutto della commistione di interessi economici e sociali assai diversi, non può più essere ridotto alla semplice formula del «partito di plastica» ed è decisamente radicato nella società. Insomma, non può più essere liquidato con delle formule di circostanza.

In questo saggio Massimo Giannini, partendo proprio da queste premesse, analizza il fenomeno Berlusconi secondo una metodologia nuova: rileva i tratti di originalità rispetto al passato del nuovo governo berlusconiano e, partendo dall’impostazione storiografica di Renzo De Felice, dimostra come l’idea di una comunanza di modi tra il regime fascista e quello berlusconiano non sia per nulla peregrina, ma abbia delle solide basi. Inserisce poi il fenomeno in un’ottica non solo italiana, attraverso un serrato confronto con le declinazioni del populismo europeo. Infine si rivolge anche alla sinistra, e in particolare al Partito democratico, invitandolo a riflettere seriamente sulla sconfitta elettorale e a ricominciare da capo, perché Berlusconi si può battere solo se lo si comprende davvero, senza banalizzare lui e l’elettorato che rappresenta e allo stesso tempo sapendo rinnovare se stessi. Un saggio quindi che non si ferma alla cronaca, e lascia da parte la polemica quotidiana per abbracciare una prospettiva più ampia, necessaria a capire un fenomeno che da televisivo si è fatto Stato, e ha prodotto, appunto, uno Statista.

«Berlusconi non è più un uomo di spettacolo. È diventato un uomo di Stato. Di una specie che non ci piace e addirittura ci preoccupa. Ma questo è. Si poteva ironizzare su di lui tra il ’94 e il ’96, quando il “parvenu” aveva costruito in tre mesi il famoso “partito di plastica”, si era affacciato su un mondo che gli era oscuro e nemico e ne aveva subito la traumatica crisi di rigetto dopo neanche un anno di governo. Forse lo si poteva ancora fare tra il 2001 e il 2006, quando il “parvenu” era già diventato un leader, Forza Italia si era trasformata in un «partito di latta», ma aveva dovuto patire il logorio di una legislatura rissosa e inconcludente. Oggi non si può più scherzare, il Cavaliere fa sul serio. Quindi va preso sul serio per le cose che dice e le cose che fa.»

EditoreBaldini & Castoldi
Data pubblicazioneNovembre 2008
FormatoLibro - Pag 234 - 15x22
Lo trovi in#Attualità #Critica sociale

romano, 46 anni, sposato e con due figli, è vicedirettore di "la Repubblica" e direttore del supplemento "Affari&finanza". Laureato in Giurisprudenza, ha iniziato la carriera di giornalista... Leggi di più...


voto medio su 1 recensioni

0
0
0
0
1

Recensione in evidenza


Roberto

Non ha senso paragonare il grande...

Non ha senso paragonare il grande BENITO MUSSOLINI Antimassone antimafia ed anticapitalista con quel buffone piduista filo americano di silvio. 1 stella sacrosanta

Le 1 recensioni più recenti


icona

Roberto

Non ha senso paragonare il grande...

Non ha senso paragonare il grande BENITO MUSSOLINI Antimassone antimafia ed anticapitalista con quel buffone piduista filo americano di silvio. 1 stella sacrosanta

(0 )


Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste