Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Guarire dal cancro è possibile … se non usi la...

Salute – Ciò che i dottori non dicono

Guarire dal cancro è possibile … se non usi la chemioterapia

Il tradimento della medicina in nome del profitto, il business assassino delle case farmaceutiche. E a noi non è data nessuna possibilità di scelta. Al contempo non è permesso, oppure viene fortemente ostacolato, ogni tipo di ricerca e sperimentazione sulle terapie alternative. La chemioterapia continua a mietere vittime, al pari dei grandi genocidi del ventesimo secolo

La chemioterapia è una pratica assassina che non guarisce dal cancro, ma uccide. Giungere a questa conclusione è inevitabile, se si analizzano i dati ufficiali forniti dalla ricerca e soprattutto se si pone attenzione alla storia e alla formazione del potere medico negli ultimi cento anni.

Medicina, psichiatria, interessi farmaceutici e conflitti mondiali si intersecano e creano le condizioni fondamentali per la creazione del sapere chemioterapico, di fronte al quale il cittadino comune non riesce e non può opporsi. La libertà di scelta terapeutica non è in alcun modo contemplata dal sistema: se praticata potrebbe incrinarlo nelle sue basi fondamentali e metterne per sempre in crisi le fondamenta economiche.

Da qui le note persecuzioni nei confronti di chi ha fatto della ricerca di cure alternative al cancro una ragione di vita. Un esempio per tutti il dottor Hamer, colpevole – oltre che di essersi fatto uccidere un figlio da mani regali – della scoperta della causa traumatica del tumore, del conflitto psichico che ne è alla base, capace di mettere in crisi la teoria della degenerazione cellulare.

Ma da cosa prende le mosse questo sistema contro cui non sembra possibile combattere?

Qual è la verità storica che si cela dietro una pratica solida e incontestabile che crediamo guarisca, mentre invece uccide?

Da Rockefeller ad Hitler

Nei primi decenni del Ventesimo secolo alcuni avvenimenti hanno segnato il destino della

Medicina: sin da allora il gruppo di Rockefeller controllava la maggior parte del commercio di petrolio sia negli Stati Uniti che in molti altri paesi. Negli stessi anni, utilizzando le rendite del mercato petrolifero, questo gruppo di investitori si diede ad esplorare una nuova area di

mercato che potenzialmente aveva ampiezza illimitata: il corpo umano.

Il profitto o il ritorno su questo investimento dipendeva dalla brevettabilità delle medicine farmaceutiche inventate: la medicina si è trasformata in breve in un commercio farmaceutico, unicamente guidato dall'investimento. Nel giro di pochi decenni, la medicina è caduta sotto il controllo di questi gruppi di interesse, che hanno avuto modo di assoggettare completamente l'opinione pubblica attraverso il controllo contemporaneo e parallelo delle scuole di medicine, della politica e soprattutto dei media.

Siamo sempre agli inizi del secolo scorso: in questo contesto anche l'ascesa al potere di Hitler e collegata agli eventi di cui sopra. Oltre a ricordare che in quegli anni nell'area germanica nasce e si consolida la teoria psichiatrica moderna (Kraepelin, Rüdin, Ploetz), è ormai storia che i finanziatori dell'ascesa al potere di Hitler sono stati i gruppi petrolchimici e farmaceutici: il gruppo Rockefeller in America, Rothschild in Inghilterra e I. G. Farben in Germania.

A conflitto terminato, il tribunale di guerra di Norimberga (19461947) ha stabilito che la Seconda Guerra Mondiale non sarebbe stata possibile senza il contributo del gruppo Farben. Come conseguenza, I. G. Farben è stato smembrato in Bayer, Basf e Hoechst.

Le ditte farmaceutiche e il Nuovo Ordine Mondiale

Mentre la Seconda Guerra Mondiale ha termine, i responsabili dei gruppi petrolchimici e farmaceutici (americani e inglesi) continuano ad espandere il loro potere indisturbati.

«Attualmente il gruppo Rockefeller – scrive Alberto Modini, presidente dell'Associazione per la Ricerca e la Prevenzione del Cancro (www.aerrepici.org) nella sua relazione Chemioterapia una pratica assassina (2004) – controlla più di 200 ditte farmaceutiche, è dietro ad alcune delle più grandi e influenti istituzioni finanziarie del mondo, compresa la Chase Manhattan Bank. Possiede la Exxon ed altre aziende petrolchimiche multinazionali. Inoltre controlla molti media, compreso Time Warner, CNN ed una enorme rete di giornali, radio e TV. Il reddito di questo gruppo sorpassa, da solo, il prodotto nazionale lordo della maggior parte delle nazioni del pianeta. Nel 1972 il gruppo Rockefeller fonda la Commissione Trilaterale per tutelare i suoi interessi finanziari in tutto il mondo. Ad essa appartengono personaggi dell'alta finanza di USA, Europa e Giappone. L'obiettivo della Commissione Trilaterale è di generare un Nuovo Ordine Mondiale; il che essenzialmente significa sottomettere il pianeta agli interessi del cartello petrolchimico-farmaceutico-finanziario. Non hanno fatto mai alcun segreto sulle loro idee, tanto è vero che hanno anche pubblicato un sito: www.trilateral.org. Anche se le sue riunioni avvengono poi sempre a porte chiuse...

Il 50 % dell'amministrazione Bush è formato da alti funzionari di ditte farmaceutiche. Donald

Rumsfeld ad esempio è stato il direttore generale di parecchie multinazionali farmaceutiche. Su questo intreccio di politica, finanza, guerre e ideologie soppressivo-mondialiste si sviluppa e prospera l'industria farmaceutica.»

Quest'industria si è sempre adoperata per combattere, schiacciare e mettere sotto silenzio la concorrenza dei prodotti naturali che hanno l'immenso pregio di essere alla portata di tutti, ma l'enorme svantaggio di non essere brevettabili. Al fine di ostacolare la democratica diffusione di conoscenze benefiche e a buon mercato, l'industria farmaceutica ha investito costantemente i propri profitti per comprare i media e la classe medica mondiale.

La chemioterapia

Quali frutti ha generato una medicina amministrata e controllata dall'industria farmaceutica?

«Come è nata questa strana pratica di somministrare terribili sostanze ai pazienti per guarirli? – continua Alberto Mondini –. Vogliamo sapere se la chemio è una terapia valida o no? È molto facile saperlo; basta fare quello che si fa con qualsiasi altra cosa di qualsiasi genere per sapere se è funziona o no: si osservano i risultati. [...]Poiché effettive guarigioni non ne ottengono mai, definiscono guarito colui che sopravvive almeno cinque anni dal giorno della diagnosi, anche se muore cinque anni e un giorno dopo, anche se alla fine del quinto anno ha un cancro grande come una zucca che gli sta straziando il corpo. Premesso ciò: ogni 100 persone che si ammalano di cancro, 61 muoiono entro 5 anni dalla diagnosi. Le statistiche di sopravvivenza a 10 anni sono più difficili da trovare. Sembra comunque che siano attorno al 10-15%. [...] A fronte di un'efficacia nulla della chemioterapia, ben testimoniata dai risultati, vi è una terribile tossicità delle sostanze usate, tanto è vero che le autorità sanitarie hanno dovuto prenderedrastici provvedimenti per salvaguardare la salute dei lavoratori addetti alla produzione e allasomministrazione di questi cosiddetti farmaci (medici, infermieri e farmacisti).

Libri

Jean-Claude Alix Un Futuro Senza Cancro : Comprensione - Prevenzione - Terapia dal punto di vista della medicina naturale Macro Edizioni

Hulda Regehr Clark La Cura di Tutti i Cancri Avanzati : Include le testimonianze di scomparsa e diminuzione di tumori Macro Edizioni

Ryke Geerd Hamer, Nuova Medicina Germanica Il Capovolgimento Diagnostico : La genesi delle malattie e in particolare del cancro Amici di Dirk

Heinrich Kremer La rivoluzione silenziosa della medicina del cancro e dell'AIDS Macro Edizioni


Articolo pubblicato per gentile concessione della rivista trimestrale Scienza e Conoscenza http://www.scienzaeconoscenza.it/


 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI