Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Morfologia della Fiaba

Le radici storiche dei racconti di magia

Vladimir Jakovlevic Propp



Prezzo: € 7,00

14 visitatori hanno richiesto di essere avvisati

Prodotti simili

Modificato in data 15 Novembre 2016 - Questo testo ha come titolo Morfologia della Fiaba, di Vladimir Jakovlevic Propp puoi trovarlo in Attualità e temi sociali e più dettagliatamente nella sottocategoria Saggistica e storia. Stampato da Newton & Compton Editori ed edito in data , è in stato di "Fuori Catalogo". L’importo è Euro 7,00.

14 visitatori hanno richiesto di essere avvisati

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Sono raccolti in questo volume i due principali studi di Propp sulle norme di composizione e sulle radici storiche e sociali della fiaba. In Morfologia della fiaba, Propp si propone di individuare un sistema di classificazione che consenta una precisa definizione del genere fiabesco, solo apparentemente libero da vincoli strutturali: tale sistema non si costituisce per Propp in base a raggruppamenti tematici, bensì intorno al concetto di «funzione narrativa».

In Le radici storiche dei racconti di magia, lo studioso russo, ormai in possesso dei meccanismi di formazione del regno fiabesco, si rivolge alla ricostruzione della sua genesi e, inserendolo in un più ampio contesto storico e culturale lo concepisce come la rappresentazione creativa e autenticamente popolare di antichi rapporti di produzione e delle corrispondenti manifestazioni magico-religiose.

Per tutti coloro che amano le fiabe queste due opere costituiscono nella loro esemplarità due strumenti insostituibili, due guide preziosissime al multiforme labirinto del fiabesco.

In un libro famoso Morfologia della fiaba lo studioso russo Vladimir Propp ( 1895-1970 ) ha indagato in che cosa consiste la fiaba popolare. Egli ha individuato nelle cosiddette “funzioni” gli elementi costanti che si presentano nel testo secondo un determinato ordine (grosso modo il tipo di azioni e di avvenimenti che vi ricorrono); egli ha messo in luce che i personaggi delle fiabe sono innumerevoli e diversi, ma le azioni che essi compiono sono poche e si ripetono spesso.

Le conclusioni di Propp, che ha studiato solo le fiabe russe, sono valide anche per le fiabe degli altri paesi, perché è dimostrato che la sostanza di esse è uguale in tutte le civiltà e in tutte le epoche. Sostanzialmente Propp è giunto a formulare tre principi:

  • gli elementi costanti, stabili della fiaba sono le funzioni dei personaggi, indipendentemente dall’esecutore e dal modo dell’esecuzione;
  • il numero delle funzioni che compaiono nelle fiabe è limitato;
  • la successione delle funzioni è sempre identica.

Nel sistema di Propp le funzioni sono trentuno ed esse bastano, con le loro varianti ed articolazioni interne, a descrivere la forma delle fiabe:

1.Allontanamento: un personaggio della fiaba si allontana da casa per un particolare motivo (guerra, affari, punizione, ecc.).

2. Divieto: all’eroe viene proibito di fare qualcosa, gli viene imposto un divieto.

3. Infrazione del divieto: l’eroe non rispetta la proibizione, trasgredisce il divieto che gli era stato imposto.

4. Investigazione: l’antagonista cerca elementi utili per combattere l’eroe.

5. Delazione: l’antagonista riceve da qualcuno informazioni che gli servono per danneggiare l’eroe.

6. Tranello: l’antagonista cerca di ingannare la vittima per impossessarsi dei suoi beni o di lei stessa.

7. Connivenza: la vittima si lascia convincere e cade nel tranello.

8. Danneggiamento: l’antagonista riesce a recare danno a un familiare dell’eroe o ad un suo amico. Oppure mancanza: a uno dei familiari o degli amici manca qualcosa o viene desiderio di qualcosa.

9. Maledizione:l’eroe viene incaricato di rimediare alla mancanza o al danneggiamento.

10. Consenso dell’eroe: l’eroe accetta l’incarico.

11. Partenza dell’eroe: l’eroe parte per compiere la sua missione.

12. L’eroe messo alla prova dal donatore: deve superare prove e incarichi in cambio della promessa di un dono che lo aiuterà nell’impresa.

13. Superamento delle prove ( reazione dell’eroe): l’eroe affronta le prove e le supera.

14. Fornitura del mezzo magico: l’eroe si impadronisce del mezzo magico.

15. Trasferimento dell’eroe: l’eroe giunge, o viene condotto, nel luogo in cui dovrà compiere l’impresa.

16. Lotta tra eroe e antagonista: l’eroe si batte contro il suo avversario.

17. L’eroe marchiato: all’eroe è imposto un segno particolare, cioè un marchio ( può trattarsi anche di un oggetto ).

18. Vittoria sull’antagonista: l’antagonista è vinto.

19. Rimozione della sciagura o mancanza iniziale: l’eroe raggiunge lo scopo per cui si era messo in viaggio.

20. Ritorno dell’eroe: l’eroe torna nel luogo da cui era partito.

21. Persecuzione dell’eroe: l’eroe viene perseguitato o inseguito.

22. L’eroe si salva: l’eroe sopravvive alla persecuzione o all’inseguimento.

23. L’eroe arriva in incognito a casa: l’eroe arriva al punto di partenza senza farsi riconoscere.

24. Pretese del falso eroe: un antagonista ( falso eroe ) cerca di prendere il posto dell’eroe.

25. All’eroe è imposto un compito difficile: all’eroe è imposta un’ulteriore prova di bravura.

26. Esecuzione del compito: la prova viene superata.

27. Riconoscimento dell’eroe: l’eroe viene finalmente riconosciuto.

28. Smascheramento del falso eroe o dell’antagonista: gli impostori vengono riconosciuti.

29. Trasformazione dell’eroe: l’eroe si trasforma, assume un nuovo aspetto ( da animale si trasforma in uomo, da brutto diventa bellissimo, ecc. ).

30. Punizione dell’antagonista: l’antagonista riceve il giusto castigo.

31. Lieto finale: l’eroe ottiene il meritato premio ( si sposa, ritrova i suoi cari, si libera da un incantesimo, ecc. ).

Naturalmente non in tutte le fiabe sono presenti tutte le funzioni: avvengono dei salti, delle sintesi, che però non contraddicono la linea generale. Una fiaba può anche cominciare con funzioni seguenti alla prima ma, se si tratta di favola antica, è difficile che non ne segua l’ordine e che faccia dei salti all’indietro per recuperare la funzione tralasciata.

Una funzione che ricorre spesso è lo “smascheramento del falso eroe”. Per esempio, nella versione di Cenerentola, che si trova nella raccolta dei Fratelli Grimm, le cattive sorellastre cercano con vari trucchi di far credere, a turno, che una di loro è la proprietaria della scarpetta smarrita. Il principe in un primo momento è tratto in inganno, ma poi le sorellastre vengono smascherate.

L’eroe della fiaba, il protagonista, è sempre un personaggio positivo; all’eroe si oppone un personaggio negativo, l’antagonista, che ostacola l’eroe, gli si contrappone ed è sempre cattivo.

EditoreNewton & Compton Editori
FormatoLibro - Pag 478 - 13,5x22
Data di pubblicazioneDicembre 1976
Ultima ristampaAprile 2009
Lo trovi in#Saggistica e storia #Saggi e racconti
Vladimir Jakovlevic Propp

Vladimir Jakovlevič Propp (Владимир Яковлевич Пропп) (San Pietroburgo, 29 aprile 1895 – Leningrado, 22 agosto 1970) è stato un linguista russo. Propp insegnò lingua e... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste