Torna su ▲
La Scienza dell'Invisibile

Massimo Citro, Masaru Emoto

La Scienza dell'Invisibile

Nella memoria dell'acqua i farmaci del futuro

Remainder
(12)
Prezzo € 7,25 invece di € 14,50 Sconto 50 %

Promo Macrolibrarsi

SAPEVI CHE?

- Il reso è gratuito entro 15gg
- Puoi Pagare in contanti alla consegna senza supplemento

Promo Macrolibrarsi

Acquista un libro edito dal Gruppo Editoriale Macro e avrai in Omaggio il magazine PDF Vivere Macro 5 - Il Potere Miracoloso che c'è in te!

Per maggiori dettagli

Ti piace questo libro?
    La Scienza dell'Invisibile - Nella memoria dell'acqua i farmaci del futuro - Massimo Citro - ★★★★
Oppure scrivi una recensione

Informazioni aggiuntive

Descrizione di La Scienza dell'Invisibile

Un affascinante viaggio tra fisica,

medicina, spiritualità e filosofia.

È possibile dare informazioni all'acqua attraverso suoni, parole ed emozioni?
E l'acqua ha una memoria?

Possiamo trasferire a esseri viventi le proprietà

terapeutiche dei farmaci senza doverli somministrare?
Si potrà arrivare ai "farmaci digitali"?

La Scienza dell'Invisibile ci introduce, in maniera chiara e appassionante, a straordinarie scoperte scientifiche. Un'opera che finalmente ci spiega quei fenomeni fisici che i nostri sensi non percepiscono e che non sono magie o superstizioni, ma costituiscono una "nuova" scienza antica.

Attraverso La Scienza dell'Invisibile, una nuova disciplina scientifica contemporanea, Massimo Citro e Masaru Emoto ci conducono in un affascinante viaggio tra fisica, medicina vibrazionale, spiritualità e filosofia.
Un percorso stimolante che chiarisce fenomeni fisici non percepibili dai sensi umani e dunque invisibili e non misurabili.

Tutto quel che esiste al di fuori della nostra percezione è una nuova scienza, non magia o superstizione. Gli Autori si soffermano soprattutto sul fenomeno della cosiddetta memoria dell'acqua. Emoto racconta le sue esperienze di cristallizzazione e la possibilità d'informare l'acqua attraverso suoni, parole e emozioni.

Citro presenta la sua scoperta del Trasferimento Farmacologico Frequenziale (TFF) che consente di trasferire a sistemi viventi, attraverso particolari circuiti elettrici, le proprietà terapeutiche di molte categorie di farmaci senza doverli somministrare.

Una vera rivoluzione, una svolta verso una medicina che utilizza "farmaci digitali" senza effetti tossici, con una maggiore efficacia e un minor costo.
Le possibili applicazioni sono tante: nella clinica umana e veterinaria, nella bioagricoltura e nell'industria alimentare.

«Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare finché non arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa».

Albert Einstein

Massimo Citro, Masaru Emoto - Anteprima - La Scienza dell'Invisibile

Strano come in un istante mutino gli eventi...

Fino a due mesi prima non l'avrei creduto: da anni le cose languivano nell'attesa del momento opportuno per noi. Forse deciso da sempre. È stato così ogni volta. Eccomi in Giappone, nella capitale, quartiere di Asakusabashi, sede dell'Istituto di ricerca HADO. Nel piovoso pomeriggio di ottobre sediamo a un grande tavolo. Masaru Emoto, lo scienziato conosciuto in tutto il pianeta per le cristallizzazioni di acqua informata con la musica, con immagini, con parole... Ervin Laszlo, filosofo della scienza tra i più importanti al mondo, due volte candidato al premio Nobel, fondatore e presidente del Club di Budapest… Il nostro Club: sono anch’io, come l’Amico Emoto san, nella grande famiglia di uomini che cercano di coniugare scienza e spiritualità.

Continua a leggere Massimo Citro, Masaru Emoto - Anteprima - La Scienza dell'Invisibile

Le vostre recensioni su "La Scienza dell'Invisibile"

Condividi la tua opinione! Scrivi una recensione.

Acquistato su Macrolibrarsi

Libro eccezionale. Gli studi di Citro, secondo me, sono di importanza straordinaria. Do solo 4 stelle e non 5 non per i contenuti (che ne varrebbero 10), ma perché ho trovato diversi errori di editing. Riporto i principali, non per saccenteria ma come modesto contributo ad una prossima edizione del libro, se ci sarà come mi auguro (i numeri di pagina si riferiscono alla 2a ristampa del 2013): - pag. 11: la pag incomincia con "1998", riferendosi alla data dell'esperimento di Benveniste; nelle pagg. seguenti si capisce che la data effettiva è 1988; - pag. 57: si parla di un convegno tenutosi a Torino nel giugno 2006, la didascalia di un'illustrazione a pag. 58 dice giugno 1996 (che dovrebbe essere la data giusta, perché all'inizio di pag. 57 si dice che un evento del 1997 si è verificato "all'indomani" del convegno in questione); - a pag. 63, in un brano in inglese, un "che" (which) è diventato una "strega" (witch). Ovviamente, questi (ed altri) errori di stampa nulla tolgono al valore eccezionale del libro!

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

Un libro che rispetta in pieno le premesse: un affascinante viaggio fra scienza e spiritualità. E' la storia della tortuosa via che porta alla conoscenza e alla verità in un campo particolarmente "minato" a causa degli attuali interessi ed equilibri economici in gioco, ma sapientemente costellata dalle storie personali degli autori che in modi diversi dimostrano la parte migliore della umana creatività e del coraggio. E' molto chiaro e la duplicità dello stile lo rende ancora più godibile. Consigliato a tutti coloro che "sentono" la necessità di nuovi paradigmi scientifici, culturali e spirituali in perfetta sintonia con l'architettura olistica del creato.

Rispondi al commento


Il libro raccoglie le storie, gli studi e le ricerche personali condotte dallo scienziato M.Citro e dallo scrittore giapponese M.Emoto, pertanto vi sono capitoli in cui a scrivere è Citro e altri in cui a scrivere è Emoto. Devo dire che i principi espressi e scoperti dagli autori sono incredibilmente interessanti, però ho trovato molta difficoltà a leggere la parte scritta da Citro, in quanto il linguaggio usato è molto tecnico, ci sono numerosi riferimenti alla fisica, ad esperimenti e pertanto per una persona che come me non è un'appassionata di scienza risulta complicato da comprendere e noioso. Molto più bella e comprensibile la parte scritta da Emoto, che pur non essendo uno scienziato è riuscito a spiegare il concetto di memoria dell'acqua. Molto belle ed impressionanti le fotografie da lui scattate a prova delle sue teorie. Peccato che questi studi, benché ormai siano condotti da 20 anni, non siano ancora stati riconosciuti dalla comunità scientifica e nemmeno divulgati se non grazie a questo libro.

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

Non è sempliissimo, ma davvero affascinante

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

avevo già letto tre libri di masaru emoto. questo scritto con massimo citro mi è molto piaciuto. e' scorrevole scritto bene e spiega in modo semplice anche concetti un pò ostici. lo consiglio in quanto molto utile per la crescita personale e per venire a conoscenza di cose che accuratamente non ci dicono.

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

non servono molte parole per chi ha "occhi per vedere", sono le cose più semplici quelle alle quali spesso non vogliamo credere. Che il lavoro di Emoto continui !

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

E' un libro importantissimo. Vorrei che lo leggessero tutti. Nel mio piccolo farò il possibile per farlo circolare, magari regalandone una copia in occasione di compleanni o cose del genere. Mi viene di ringraziare oltre agli autori naturalmente, la casa editrice Macro!

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

E' un libro difficile dal punto di vista di accettazione per chi non ha una visione "aperta" delle possibilità scientiiche. Sicuramente tratta argomenti interessanti, sopratutto per l'implicazione sulla ricerca e lo studio di metodi innovativi di cura e guarigione. Vale sicuramente la frase di Einstein: «Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare finché non arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa».

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

davvero interessante, non ha deluso le mie aspettative. Apre nuovi ed affascinanti orizzonti alla farmacopea del nuovo millennio, pone una pietra alla realizzazione di un sogno per tutta l'umanità: cure efficaci e gratuite per tutti e per tutte le malattie

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

un libro che anche i più ottusi positivisti dovrebbero avere

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

E' un libro lungimirante che riesce a fare giustizia circa la scoperta della memoria dell'acqua del compianto prof. Benveniste. Insuperabili e chiarissime le spiegazioni del dott. Citro. Un po' troppo mistiche quelle del dott. Emoto. Il testo dovrebbe essere letto dal prof. Garattini, il quale potrebbe ottenerne grande giovamento!

Rispondi al commento

Gent. Sig. Bruno, posso testimoniare che quando uscì l'articolo di Benveniste su Science o Nature (non ricordo più quale delle 2), fu un botto e quella stessa estate fiorirono gli articoli sui rotocalchi. L'esimio Prof. che lei cita, fu forse il primo esponente dell'ortodossia accademica a rilasciare una lunga inervista su una rivista nazionale in cui prendeva atto della fondamentale rivoluzione che era avviata da Benveniste. Quindi non solo non oppose alcuna difesa ma era apertamente entusiasta. Ma siccome arrivò presto una smentita (ci fu una commissione di indagine internazionale), ecco che l'ortodossia "giustamente" tornò sulle posizioni originali. La dissuado dal seguire certi personalismi. I veri ortodossi fanno solo bene il proprio lavoro, cioè si attengono strettamente a quel che esce sulle riviste scientifiche qualificate. Tutto qua.

Rispondi al commento

Gentilissimo sig. Antonio, il Suo commento al giudizio da me espresso sui contenuti del libro “La Scienza dell'Invisibile” mi fa, purtroppo, sospettare che Lei il libro in questione proprio non lo abbia letto. Il giudizio positivo da me espresso è scaturito dalle innumerevoli evidenze scientifiche chiaramente presentate nel volume, che comprovano e addirittura superano in importanza la scoperta del prof. Benveniste del lontano 1988, pubblicata e successivamente smentita dalla rivista “Nature”. La Commissione Internazionale che Lei menziona, che screditò Benveniste, dichiarando “una frode” i suoi esperimenti, era formata da John Maddox, direttore di “Nature”, da Walter Stewart, ricercatore specializzato in patologia clinica e dall'illusionista James Randi, noto critico di tutte le manifestazioni che vengono considerate paranormali o stregoneria (tra le quali egli annovera pratiche antiche e di sicuro riscontro, quali l'omeopatia e l'agopuntura), un gruppo di studio che evitò, nella riprova, la cosiddetta “succussione”, che Benveniste reputava indispensabile per la riuscita dell'esperimento. Ho avuto il privilegio di conoscere personalmente il prof. Benveniste, durante una conferenza-esposizione circa “la memoria dell'acqua”, organizzata dalla Fondazione Omeopatica Italiana, che si svolse (non ricordo la data) presso il II Policlinico dell'Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Alla chiarissima esposizione (con traduzione simultanea) presero parte, oltre a illustri clinici, anche il fisico, prof. Emilio Del Giudice. Le assicuro che il prof. Benveniste non aveva l'aspetto di una persona poco seria o di un truffatore, come era stato ingiustamente considerato e giudicato, ma di un validissimo e combattivo scienziato. D'altra parte, la prestigiosa rivista scientifica Journal of Physics ha pubblicato la scoperta che alcune sequenze di DNA possono indurre segnali elettromagnetici di bassa frequenza in soluzioni acquose altamente diluite, le quali mantengono poi “memoria” delle caratteristiche proprie del DNA. La scoperta, che ancor più rafforza quella di Benveniste è stata fatta da due diversi gruppi di lavoro: il primo, francese, era coordinato dal Premio Nobel per la medicina Luc Montagnier e la collaborazione dei ricercatori Lavallè e Aissa, il secondo, italiano, coordinato dal fisico, prof. Emilio Del Giudice, coadiuvato dal fisico teorico Giuseppe Vitiello e dal ricercatore Alberto Tedeschi. Inoltre, relativamente all'illustre prof. Garattini, del quale è indiscutibile la preparazione nel campo chimico-farmacologico, il mio invito nei suoi confronti era rivolto a fargli considerare la “memoria dell'acqua” non esclusivamente una questione chimica, ma, come il libro del dott. Citro, ben chiarisce, una questione, prevalentemente, di “fisica quantistica”, argomento che in farmacologia non trova alcuna considerazione. Infine, circa il Suo invito a dissuadermi nel non seguire certi personalismi, Le dico che questo lede il mio diritto al libero pensiero e alla libera espressione, che invece voglio ben esplicare: ho notato, in vari campi dello scibile umano che alcuni “veri ortodossi” non fanno bene il proprio lavoro, poiché molto spesso seguono correnti di pensiero sulla scia di quanto pubblicato sulle riviste scientifiche “qualificate”, comportandosi da “tecnici” e non da “Scienziati”, il che purtroppo è una amara considerazione.

Rispondi al commento

Sig. Bruno infatti non ho ancora letto il libro, per ora l'ho acquistato, e l'ho acquistato perchè conosco il tema ed il contenuto del libro, nonchè l'intera vicenda di questo argomento (lei mi sta a spiegare qualcosa che so già). Intendo dire che conosco perfettamente i due versanti, sia quello "ortodosso" sia quello "quantistico". Lei piuttosto ri-legga attentamente quello che ho scritto qua sopra, perchè vedo che lei ha risposto a qualcosa che io non ho nè scritto nè ventilato. Mi fermo qua, la sua è una "overreaction". Le suggerisco amichevolmente meno passione e più attenzione. La scienza non si fa con i salti di pressione. Un'ultima osservazione, quando lei si esprime con "Le dico che questo lede il mio diritto al libero pensiero" suscita la mia sincera ilarità. Le reazioni come la sua (tanto comui) sono proprio di quel genere che screditano gli argomenti inusuali (ma meritevoli di attenzione) agli occhi degli scienziati, come appunto quello che lei ha citato. Tanti auguri per le sue crociate.

Rispondi al commento

accidenti interessante il vostro commento. ma mi schiero dalla parte del signor bruno. si parla di fisica quantistica. e l'argomento è interessante. il libro lo devo ancora leggere, ma ho letto diversi testi di masaru emoto. a me non interessa tanto il fatto che venga provata o meno l'esistenza della memoria dell'acqua. mi interessa il principio. questo perche' credo fortemente nell'efficacia dell'omeopatia e della floriterapia di bach che uso da anni e che ancora oggi molti screditano come effetto placebo. io ritengo che sia comunque meglio curarsi con i rimedi naturali e non con i farmaci. e i rimedi naturali credetemi funzionano. scienza e medicina vanno a bracccetto ed è sicuramente una durissima battaglia mettersi contro l'impero economico delle case farmaceutiche

Rispondi al commento

Acquistato su Macrolibrarsi

non lo ancora letto..dunque non saprei... spero bellissimo

Rispondi al commento

Tutte le recensioni...
Scrivi una recensione!

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

BIOGRAFIA AUTORE

Massimo Citro

Scrittore, storico e sceneggiatore, Massimo Citro lavora come medico e psicanalista a Torino. Dottore in Medicina e Chirurgia, dottore in Lettere Classiche a indirizzo storico, specialista in...

Leggi di più

Dello stesso autore

Masaru Emoto

Masaru Emoto è nato in Giappone nel 1943. E’ stato un ricercatore internazionale che ha ottenuto fama mondiale per aver mostrato come l’acqua sia profondamente connessa alla nostra coscienza...

Leggi di più

Dello stesso autore

 

I clienti che hanno acquistato questo prodotto
hanno acquistato anche..

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

 
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



Elenco ULTIME NOVITÀ

Elenco NOVITÀ PER CATEGORIA

Elenco NUOVE PROPOSTE

PROSSIME PUBBLICAZIONI

IDEE REGALO

BEST SELLER

COMMENTATI DA VOI

Elenco MULTIMEDIA

Elenco ALTRO

Elenco CASE EDITRICI

Elenco AUTORI

 
 
 
 
 
 
 
Transfert [-25%]

Fino al 31 Ottobre 2014