Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

In Difesa dei Padri

Un ruolo da ricoprire, un mestiere da imparare

Simone Korff-sausse



Prezzo: € 12,00


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 5 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 5 giorni
  • Guadagna punti +24

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

02 Dicembre 2016 - Questo volume, dal titolo In Difesa dei Padri, composto da Simone Korff-sausse che trovi nella categoria Genitori e figli e si trova nella sottocategoria Guide per genitori ed educatori. Editato da Castelvecchi e distribuito dal mese di Marzo 2010 nei nostri magazzini è in "Disponibilità: 5 giorni". Il costo di questo libro è pari a € 12,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

E’ difficile di parlare di famiglia in questa nostra epoca, ogni discorso legato a questo tema può risultare generalista o demagogico e soprattutto sterile.

C’è un solo aspetto certo,  la famiglia ha perso consistenza, fattività, risulta essere un luogo di comune interesse per i suoi componenti e soprattutto un ring dove far scontrare generazioni, idee e bisogni personali.

All’interno di questa situazione abbastanza drammatica (ma non catastroficamente condannata), ovviamente dopo la figura materna, c’è la presenza del padre, non più salda, rigorosa ma rassicurante bensì relegata ad uno spauracchio in grado di alzare la voce ogni tanto senza risultare troppo convincente.

Il pater familias cessa di esistere, forse vittima di un femminino sempre più presente nella maternità e nella creazione delle future generazioni e qui interviene il saggio di Simone Korff-Sausse “In difesa dei padri” (Castelvecchi Editore) in libreria dal 19 marzo, analizzando e affrontando i cambiamenti sociali e di ruolo che il neo- pater si trova a dover affrontare.

Le domande su cosa sia un padre e come si diventa padre, vengono scardinate e riordinate, riportando finalmente l’attenzione su una figura che lentamente si sta eclissando. Un saggio agevole e interessante che proponiamo come "alternativa" alla classica festa del papà.

Caduta la centralità del paradigma del pater familias, autoritario, carismatico, decisionista e tiranno, accettate le tristi conseguenze della “società senza padri”, figlia dei pur necessari cambiamenti sociali novecenteschi (libertà sessuale, controllo delle nascite, emancipazione femminile, aumento del numero dei divorzi) la psicanalista francese Simone Korff-Sausse osserva che la società occidentale vive una fase di passaggio tra un vecchio modello di paternità e uno nuovo, tutto da costruire: “La paternità – scrive, e mi sembra decisamente condivisibile – è un'istituzione in ristrutturazione”.

Le riforme sociali hanno cambiato il ruolo della donna e del bambino: quello da rifondare è il ruolo del padre. Perché adesso, “quando c'è, non lo vediamo”: è come se fosse sempre assente, sempre distante. Come un fantasma.

L'autrice parte da un presupposto intelligente, ma tutt'altro che pacifico: “Tutti sono in cerca di un padre. Le madri, i bambini, la società intera. Ma forse anche i padri stessi”. Come a dire: hanno tolto qualcosa a due generazioni intere, e tutti ne sentiamo la mancanza. Per fare un padre servono tre elementi, del resto: “un figlio, una madre, una società”

E se nelle favole più popolari, nel Novecento, il padre ha avuto un ruolo maligno (“Hansel e Gretel”) o nullo (“Cappuccetto Rosso”, “Biancaneve”), adesso si direbbe che talvolta appaia, ma con un ruolo quasi coreografico: è sempre mite, sullo sfondo, più mammo che papà. È venuto a mancare un pilastro fondante, e fondamentale. In futuro le cose dovranno essere molto diverse, per i nostri figli.

Intanto: oggi si sente parlare di padri assenti, silenziosi, negligenti, distanti: tuttavia, quando il padre è invece affettuoso, presente e tenero, allora diventa un rivale della mamma, negli affetti: si direbbe capace di amare e di appartenere ai propri piccoli con la stessa intensità. Morale della favola? “L'immagine del padre nella società odierna non dipende dalla natura della sua presenza, ma è determinata dall'ideologia dominante”: quindi, è falsata.

L'autrice vuole interrogarsi sull'ossessione contemporanea – e ideologica – del “padre assente”, e della necessità dell'assenza del padre. Perché la società non vuole riconoscere il ruolo “nuovo” dei padri? Che senso ha questo rifiuto della centralità e dell'essenzialità del ruolo paterno? A che giova? E quanti danni fa? Quale società sta preparando? Quanto matriarcale?

L'autrice spiega che il ruolo del padre non è niente affatto “ormai leggendario”: e che nella contemporaneità sta, piuttosto, per essere rivoluzionato, determinando cambiamenti forti nella società e nella cultura. La sensazione è che una delle più rovinose conseguenze del femminismo, quella forse meno prevedibile, sia stato l'allontanamento dei bambini dai padri: è una grave ingiustizia e va contrastata, fondando modelli e paradigmi nuovi. E imparando a perdonare le debolezze dei nostri padri, per prima cosa. Quello sì che è un buon punto di partenza.

Completano il libro buone reminiscenze letterarie (Kertesz, “Kaddish per il bambino non nato”; Kafka, “Lettera al padre”; Handke, “Storia con bambina”; Durkheim, “La sociologia e l'educazione”; Le Goff, per le analisi dell'iconografia del Medioevo; Sofocle, “Edipo Re”), qualche curiosità (come affrontava Freud la sua paternità?) e diverse buone meditazioni (padre carnale o padre spirituale: tutto deriva dal Dio Padre, e dal suo “dualismo” con Giuseppe, padre di Gesù. Cosa ha implicato?).

Non manca qualche buona provocazione (“a chi appartiene un bambino?”, ossia: appartiene alla madre soltanto? Secondo l'autrice, nel paradigma contemporaneo, si direbbe di sì: il padre ha un ruolo ingiustamente secondario) e qualche pizzicotto di sana retorica (“La nascita del figlio segna il momento in cui un adulto diventa genitore”) a condire questa lettura di una patina di televisività (talk show: perfetto) o di radiofonicità (puntata a tema: alè) che si direbbe fertile di dialettica nuova, e profonda. Necessaria, in ogni caso; purché estranea alla retorica, purché autentica, personale – mai pulviscolare.

EditoreCastelvecchi
Data pubblicazioneMarzo 2010
FormatoLibro - Pag 99 - 14x21
Lo trovi in#Guide per genitori ed educatori

Simone Korff-sausse, psicanalista, insegna presso l'Università Denis Diderot di Parigi. Autrice di numerose pubblicazioni è nota al pubblico per i suoi scritti "Specchi infranti" ( 2006 ). Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste