Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Impuniti

Storie di un sistema incapace sprecone e felice

Antonello Caporale



Prezzo: € 17,50

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Rivisto in data 09 Dicembre 2016 - Il prodotto, che è intitolato Impuniti, di Antonello Caporale, è stato inserito nella categoria Attualità e temi sociali, approfondisce l'argomento Critica sociale. Distribuito da Baldini & Castoldi e distribuito dal mese di Dicembre 2007 , in questo momento è in "Fuori Catalogo". Il titolo in questione ha un costo di Euro 17,50.

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

L’utopia travestita da piano urbanistico. La riqualificazione ambientale che diventa scempio. L’emergenza come prassi quotidiana. Lo sperpero dissennato di risorse pubbliche. Bilanci violentati da gestioni creative e ambiziose. Il non fare né decidere come forma di tutela dal dissenso. L’atteggiamento leggero e spavaldo di chi non sarà mai chiamato a rispondere delle proprie azioni, e lo sa.
Antonello Caporale ci accompagna in un viaggio nell’Italia dello spreco e della malapolitica, attraverso le piccole e grandi storie che testimoniano lo stato di salute della nostra democrazia.
Da nord a sud del Paese il libro documenta gli episodi, le opere e le omissioni di un sistema afflitto da un moto autodistruttivo e al tempo stesso autoconservatore, nel quale i responsabili si trincerano dietro le spesse mura dei palazzi del potere.

Con gli strumenti dell’inchiesta giornalistica, Caporale riesce a penetrare il fortino per svelare i nomi e cognomi: chi ha fatto cosa, quali danni ha procurato alle casse dello Stato, all’ambiente, al territorio e, soprattutto, perché. Un lavoro che si propone di far parlare i fatti e i loro protagonisti, confrontando in maniera trasparente l’idea iniziale e il risultato finale: il dire e il fare, alla luce del mare che li separa.
Non una critica sterile, dunque, né una banale gogna per la classe dirigente, ma un’analisi che punta i riflettori sulla tecnica formidabile dell’occultamento collettivo delle responsabilità, con cui il potere si difende, confondendosi in una nebulosa grigia dai confini labili.

L’inchiesta si svolge e riavvolge a ritmi serrati, servendosi della più accattivante forma narrativa. Prende per mano il lettore, lo coinvolge, lo trascina su e giù per l’Italia, in un vortice di suggestioni e sentimenti simile a un giro sulle montagne russe. Davanti alla passerella di volti noti e sconosciuti, opere incompiute, grandi scempi e piccoli incidenti di percorso, il lettore si meraviglia, si sbigottisce e si indigna; ride, sbarra gli occhi e si arrabbia in un continuo saliscendi emozionale che lo porta a chiedersi: «Com’è stato possibile?»

Alle storie raccontate si alterna e si sovrappone il pensiero di grandi sociologi e politologi, che affiancano l’autore nel percorso attraverso una democrazia «senza popolo» e «senza responsabilità», dunque «senza memoria e senza consenso».

Il libro di Antonello Caporale è un atto di responsabilità, un segno di passione civile, un invito a riflettere sui confini della democrazia così come noi l’abbiamo conosciuta. Per scoprire quale sia il limite da non superare, e se invece qualcuno non l’abbia già oltrepassato. Se è un viaggio di sola andata, o se ci sia ancora un modo per tornare indietro.

 

«E' un tratto caratteristico del nostro Paese. Gli uomini passano, le colpe restano e non c’è mai nessuno che se ne assuma la responsabilità. Non si sa bene chi debba o possa rimediare agli errori, alle mancanze, agli scempi. Dirigenti scellerati si dimettono da consigli d’amministrazione dietro pagamento di liquidazioni milionarie; politici si lasciano alle spalle bilanci disastrati, enti prossimi al fallimento, per rifarsi una verginità con un nuovo incarico, che nulla sa del precedente. Incarico nuovo, vita nuova e reputazione tirata a lucido. Per alcuni il conto in banca lievita a ogni passaggio, per altri ogni passaggio è un grado in più nella scala del potere. Non sono latitanti. Non fuggono, né si nascondono, i responsabili. è la memoria corta del Paese che li rende irreperibili. Fa di loro degli incolpevoli e dunque degli impuniti.»

EditoreBaldini & Castoldi
Data pubblicazioneDicembre 2007
FormatoLibro - Pag 314 - 15x22 - cartonato
Lo trovi in#Attualità #Critica sociale
Antonello Caporale

Antonello Caporale (Palomonte, 11 settembre 1961) è un giornalista e scrittore italiano. Giornalista del quotidiano la Repubblica, nel 1985 si laurea in Giurisprudenza a Salerno (con una tesi... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste