Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Filosofia della Paura

Come, quando e perchè la sicurezza è diventata nemica della libertà

Lars Svendsen



Prezzo: € 16,00


Aggiungi ai preferiti
  • Disponibilità: 5 giorni

    Lo ordiniamo solo per te.
    Spedizione stimata entro 5 giorni
  • Guadagna punti +32

    Accumula credito per i prossimi acquisti. Leggi di più

Aggiornato in data 30 Novembre 2016 - Il libro, che ha come titolo Filosofia della Paura, fatto da Lars Svendsen puoi trovarlo nella categoria Attualità e temi sociali e più dettagliatamente nella sottocategoria Critica sociale. Dato alle stampe da Castelvecchi e pubblicato nel mese di Gennaio 2010 , è in stato di "Disponibilità: 5 giorni". Il titolo in questione ha un costo di € 16,00.

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

Nel nome della paura si può accettare di esporsi a sempre

più sofisticate forme di controllo pur di sentirsi al "sicuro".

Ma al sicuro da cosa?

Il filosofo norvegese Lars Svendsen fonda questo suo nuovo, polemico e intelligente pamphlet su una prospettiva liberale: è convinto che l'indesiderata e insensata cultura odierna della paura vada indebolendo la nostra libertà. È una convinzione che non possiamo non condividere.

In gioventù abbiamo letto “La scimmia e l'essenza” di Huxley e abbiamo imparato che il potere si regge su tre pilastri: paura, nemico, nazione. L'unico dei tre ad avere senso e futuro è il terzo. Gli altri due vanno disintegrati.

L'opera è strutturata in sette capitoli.

Nel primo, “La cultura della paura”, Svendsen ricorda che la vita umana è sempre vulnerabile, e che quindi la paura è una reazione normale. Ciononostante, negli ultimi anni la ricorrenza di parole come “rischio” e “paura” è decisamente aumentata, nei media, con effetti fastidiosi: e questo a dispetto che “la reale pericolosità della maggior parte di certi fenomeni è sostanzialmente diminuita” (p. 19). Cosa ha implicato tutto questo? Lo sviluppo dell'industria della “sicurezza”. Pericoli potenziali vengono mostrati come pericoli “attuali”. Qual è il paradosso? “Tutte le statistiche indicano che soprattutto noi occidentali viviamo nelle società più sicure che siano mai esistite, dove i pericoli sono ridotti al minimo e le nostre possibilità di dominarli sono al massimo” (p. 24). L'età media è cresciuta, in una nazione come la Norvegia, di 23 anni in un secolo (59 f 56 m nel 1910, 82 f e 77 m nel 2010).

Nel secondo capitolo, Cos'è la paura?”, Svendsen spiega che la paura non è nata senza ragioni: è un fenomeno evolutivo, serviva a garantire adeguate condizioni di sopravvivenza e di riproduzione. Tuttavia, nella nostra specie ha un potenziale diverso da quello delle altre specie animali: siamo un “animal symbolicum”. Un pericolo avvertito – per quanto lontano un continente intero – viene percepito come una minaccia diretta (p. 36). La paura contiene sempre “una previsione, una proiezione del futuro, riguardante dolore, danneggiamento o morte” (p. 46); e assieme, come insegnava Tommaso d'Aquino, “ogni paura deriva dal fatto che amiamo qualcosa” (p. 48). Sostiene il filosofo norvegese che la paura stia diventando una sorta di visione del mondo, incentrata sulla consapevolezza della propria vulnerabilità. Questa visione del mondo potrebbe diventare un'abitudine. È un errore da combattere.

Nel terzo, “Paura e rischio”, Svendsen – meditando su “Rumore bianco” di Don DeLillo, spiega che “Un tratto di base della società del rischio è che nessuno è fuori pericolo, assolutamente tutti possono essere colpiti, a prescindere dal domicilio o dallo status sociale” (p. 59). Caratteristica cardine di questa società, è che per dominare i rischi scegliamo mezzi peggiori del problema. “Si stima che circa 1.200 americani morirono dopo l'11 settembre 2001 perché avevano paura di prendere l'aereo e sceglievano quindi di prendere la macchina” (p. 64). La SARS ha fatto 774 morti nel mondo: il panico da SARS è costato 23 milioni di euro. Con una spesa del genere, si poteva debellare – per dire – la tubercolosi. Dal mondo.

Nel quarto capitolo, “L'attrattiva della paura”, il filosofo prende in esame cosa spinga gli esseri umani a cercare nei libri, nei film o nei videogiochi proprio quel che li spaventa nella vita reale. “La spiegazione è semplice: queste esperienze in un modo o nell'altro ci danno un sentimento positivo e soddisfano un bisogno emotivo” (p. 89). Seguono dissertazioni non particolarmente rilevanti sull'estetica del brutto o del male, complete di riferimenti letterari decisamente scolastici.

Nel quinto, “Paura e fiducia”, Svendsen si ritiene convinto che in una cultura della paura in cui “la fiducia sembra diminuire molto, essa ha bisogno di una motivazione e di una giustificazione (…). La ragione di ciò è che una persona a cui si mostra fiducia formalmente farà del suo meglio per mostrarsene meritevole” (p. 113). Secondo il filosofo, la paura e la sfiducia sono autoconservative: la paura è capace di disgregare la fiducia, spezzando i legami di solidarietà sociale e incrinando l'amore per l'alterità e per le diversità, in generale. Serve, quindi, avere un approccio di “fiducia ragionata” (interessante: p. 117).

Nel sesto capitolo, “La politica della paura”, Svendsen spiega che la lotta alle cause della paura produce, necessariamente, nuova paura (p. 142). Questo sesto blocco è quello sicuramente più politico e attuale: com'era facile e onesto prevedere, si concentra sull'attentato delle Torri Gemelle, sul suo significato reale e sulle sue non sempre sensate conseguenze (cfr. aggressione all'Irak). Ho la sensazione, tuttavia, che siano pagine più dettate dal buon senso che da qualche rivoluzionaria concezione dei fatti accaduti. Scivolano come acqua. Lasciano indifferenti.

Nel settimo e ultimo capitolo, “Oltre la paura”, il filosofo norvegese sintetizza il senso del suo volume: “Dovremmo essere coscienti del fatto che la nostra paura non è un riflesso oggettivo della realtà e che ci sono grossi interessi a governarla. La paura è uno dei fattori di potere più importanti che esistono, e chi può governarla in una società terrà quella società in pugno” (p. 144).

Antidoto? Fiducia nelle capacità dell'uomo. Fiducia in un tempo fondato su un nuovo, adorabile “ottimismo umanistico”. Jostein Gaarder ne sarebbe orgoglioso.

 

 

 

EditoreCastelvecchi
Data pubblicazioneGennaio 2010
FormatoLibro - Pag 189 - 14x21
Lo trovi in#Critica sociale

Lars Svendsen (Norvegia), filosofo (insegna a Bergen) e scrittore norvegese. In IT, Guanda ha pubblicato “Filosofia della noia” (2004) e “Filosofia della moda” (2006). Lars Svendsen,... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste