+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Il nostro passato: un amico o un nemico?

12 anni fa


Il nostro passato: un amico o un nemico?

La dimensione del  passato agisce immancabilmente sul nostro presente. Il modo in cui ci sentiamo oggi, le reazioni che abbiamo o che non abbiamo nei confronti degli eventi, dipendono in gran parte dal tipo di relazione che imbastiamo con le esperienze già vissute. E’ quindi opportuno o comprendere se questo sia  un bene o un male.

In realtà, tutto dipende dal tipo di rapporto che ognuno di noi instaura con la sua storia personale. Proviamo a focalizzarci più in particolare su quelle che a suo tempo abbiamo considerato esperienze svantaggiose.

Ognuno si è trovato diverse volte al centro di situazioni che avrebbe preferito non gli accadessero.  In quei contesti avrà sperimentato una certa dose di dolore e amarezza, ma fin qui nulla di eccezionale: il dolore è una componente ineliminabile della nostra esistenza.

Ciò che vorrei prendere in esame insieme a voi è il modo in cui adoperiamo questo materiale archiviato dalla nostra memoria. In altre parole, quello che ci è accaduto può essere utilizzato male, ossia:

  • agendo da freno e da autogiustificazione per rassegnarsi e  non tentare neanche più di cambiare una condizione che ci fa soffrire,
  • per ripetere a noi stessi e agli altri quanto siamo sfortunati
  • per giustificare il nostro odio o il nostro cinismo nei confronti della vita o di alcune categorie di persone
  • per ri-sperimentare il disagio psicologico e fisico

…oppure può essere utilizzato in maniera più costruttiva a vantaggiosa:

  • per estrarne il succo, l’insegnamento necessario ad evolvere come persona
  • per evitare di ripetere gli stessi errori,
  • per dire a noi stessi : “ dato che ho gia sperimentato questa cosa negativa, farò tutto il possibile per impedire che mi succeda ancora, e se pure mi capitasse ancora, continuerò a cercare il modo di liberarmene del tutto”.

Analizziamo adesso più nel dettaglio  le diverse dinamiche con cui possiamo rapportarci a quello che è già stato. Partiamo con gli atteggiamenti che sarebbe “ecologico” abbandonare.

Il passato come freno

Si tratta di quel modo di pensare per cui è come se ci rimanesse sempre davanti agli occhi un fallimento o una frustrazione subiti; di conseguenza, nel presente, si rischia di rimanere sempre al di qua di quella soglia che potrebbe farci vincere su quel determinato problema. Magari, a livello conscio, proviamo a combatterlo o comunque è quello che ci raccontiamo; tuttavia, più profondamente, esiste un pregiudizio sull’effettiva capacità di stare meglio, una convinzione che ci sussurra  frasi del genere: “ Tanto non ce la farai neanche questa volta”, “ e’ solo una perdita di tempo”, “Non ti illudere,sai già qual è il tuo destino”.

Per sganciarci da questo modo di pensare, proviamo a farci le seguenti domande:

  • In che modo, il fatto che una o più volte una cosa sia andata in un modo negativo implica necessariamente che vada ancora e ancora nello stesso modo?
  • In che modo il presente è costretto ad essere obbligatoriamente la fotocopia del passato?
  • Quante volte abbiamo previsto che una cosa andasse in un determinato modo, e poi invece è andata diversamente?
  • Chi ci garantisce di essere degli indovini, chi ci dà il potere di conoscere già il nostro destino?
  • C’è qualcuno che conosco che , dopo diversi tentativi, ha cambiato una situazione fino ad allora svantaggiosa e fallimentare?
  • Thomas Edison ha inventato la lampadina dopo duemila tentativi andati a male, e se si fosse fermato prima, se l’avesse pensata come me?

Ripetersi quanto siamo stati sfortunati

Questo tipo di atteggiamento non ci fa ottenere nulla di positivo. A volte lo facciamo per avere la pietà degli altri, ma non è meglio ottenere la loro stima? Non è meglio ottenere affetto per quello che siamo, piuttosto che pena per quello che ci è capitato?

Continuando a dire a noi stessi e agli altri che siamo una calamita per le sventure finiremo soltanto per rafforzare la nostra convinzione di essere le vittime dell’Universo, di Dio o del Mondo; inoltre, questo modo di pensare, indebolirà sempre di più la fiducia in noi stessi e nelle possibilità che la vita può offrirci. Bell’affare!!! Proviamo piuttosto a concentrarci su quello che abbiamo e che comunque abbiamo avuto dalla vita. Magari possiamo comprare un diario, sul quale scrivere i bei momenti che viviamo, anche le piccole esperienze positive o, se proprio non ci viene niente da scrivere, segniamo solo la data di ogni giorno, servirà comunque a ricordarci di avere avuto per un giorno in più il regalo più importante che si possa ricevere: la vita, e del tempo ulteriore per provare a realizzare i nostri desideri.

Rimanere in contatto col dolore passato per concedersi il diritto di  odiare e  rendersi indifferenti  verso tutto e  tutti.

Se tendiamo a pensarla in questo modo, dovremmo ricordarci che l’odio genera l’odio e  il cinismo alimenta cinismo. In effetti, continuando a vestire quest’abito mentale, inizieremo a prendercela con la nostra stessa vita, ci convinceremo della sua cattiveria nei nostri confronti, del suo odio e della sua indifferenza verso i nostri sentimenti. E arrivati a questo punto cosa faremo?
Cominceremo a prendercela con gli altri, magari con i nostri cari ( gli unici che ci stanno affianco nonostante tutto), o con l’intero genere umano (come se ognuna delle persone su questo pianeta ci avesse fatto un torto o avesse contribuito alla nostra sofferenza). Certo che dobbiamo proprio sentirci importanti, se crediamo che tutta l’umanità sia costantemente impegnata a trovare il modo di farci soffrire.
Questa strada ci porta lontano dagli altri uomini. Proviamo a voltarci e rifacciamola in senso contrario, così da incamminarci verso il cuore della gente. Per fare questo dobbiamo prima rispolverare il nostro di cuore. Poi ci dovremo allenare a dare quello che vorremmo ricevere;  riponendo la nostra fiducia in quanto afferma  un vecchio proverbio : “ Hai quel che dai!”
Lungo il percorso dobbiamo abbandonare  quella frase  da cui ha preso origine il nostro distacco : “ l’ho fatto una volta e non ci ricasco”

I buddisti sostengono che davanti a uno specchio bisogna sorridere se si vuole vedere l’immagine riflessa fare altrettanto”. Proviamo a pensare che il mondo sia un enorme specchio.

Ri-entrare continuamente in un ricordo spiacevole e indugiare al suo interno ( in questo modo  si prolunga anche il contatto col malessere psicofisico collegato).

Questo si chiama masochismo!

E purtroppo a un masochista non ha senso proporre una soluzione per smettere di soffrire: questo sì che lo farebbe soffrire troppo!

Passiamo adesso ad approfondire quali atteggiamenti è bene costruire o rafforzare

Rivivere un’esperienza negativa con l’atteggiamento di uno scolaro che vuol imparare. Per nutrire questo atteggiamento, ogni volta che ripensiamo a situazioni spiacevoli, ci chiederemo:

  • Cosa posso apprendere grazie a quest’esperienza?
  • Quali risorse non avrei mai sviluppato se non mi fosse accaduto quanto mi è accaduto?

Rivisitare le  esperienze negative  ma  solo per evitare di ripetere gli stessi errori. Possiamo chiederci:

  • Quali sono state le cause che mi hanno portato a sperimentare questo disagio?
  • Cosa devo cambiare perché non accada ancora?
  • Qual è la differenza positiva e il valore aggiunto fra il me di allora e il me di oggi?

Il dolore di ieri come carburante della nostra futura felicità.

Proviamo a pensare in questo modo:
<<Visto che mi sono già preso la mia fetta di dolore, da questo momento in poi sono sazio! Ho diritto alla mia porzione di felicità e non accetto in nessun modo di rinunciarci.La sofferenza allarga il cuore e un cuore largo può sopportare anche più gioia. Sono pronto ad accogliere il bene che mi spetta, e se non mi giungesse spontaneamente sono disposto a combattere con tutte le mie forze per conquistarlo. Nietzsche diceva “ Ciò che non mi uccide mi rafforza” e io sono ancora vivo, quindi da questo momento in poi la mia vita è tutta in discesa >>.

Un vecchio proverbio cinese è sempre un buon modo per concludere:
“Per conquistare il mondo  devi cominciare dal conquistare le tue sofferenze”

Buon lavoro a tutti

Dr. Rosario Alfano

Autore di: “Non Farti Fregare dal Passato”

Ti consigliamo...


Non Farti Fregare dal Passato! — Libro

(22)

€ 13,30 € 14,00 (5%)


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Non ci sono ancora commenti su Il nostro passato: un amico o un nemico?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.