+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Come cambia la scuola quando si fa Educazione Emozionale

  12 giorni fa


Come cambia la scuola quando si fa Educazione Emozionale

Intervista a Paolo Mai, cofondatore dell’Asilo nel Bosco di Ostia Antica e autore del libro “La Gioia di educare. Pedagogia della bruschetta”, sull’importanza dell’educazione emozionale.

Cos’è l’educazione emozionale e perchè è importante?

L’educazione emozionale non è una materia, è un approccio educativo che permea di sè gli obiettivi e la didattica di un contesto educativo. E’ una strategia sistemica, nel senso che lavora non solo con i bambini, ma con tutti gli attori della comunità educante, volta alla prevenzione del disagio e la promozione del benessere e dell’apprendimento.

Come aiuta lo sviluppo, l’apprendimento e il benessere del bambino?

Innanzitutto la creazione di un clima educativo fatto di emozioni piacevoli è imprescindibile sia per il benessere che per l’apprendimento.

Chiunque entri in una comunità dove prevalgono emozioni spiacevoli non si sente bene e se a scuola le emozioni prevalenti sono paura, vergogna, ansia , tedio il bambino associa il processo dell’apprendere, la conoscenza, a tali emozioni col risultato che una volta finita la scuola dell’obbligo tenderà a stare lontano dalla conoscenza perchè essa è vista qualcosa di spiacevole. L’apprendimento ha bisogno di serenità, gioia, entusiasmo, il neuroscienziato Jesus Guillen dice proprio ‘’ l’allegria è un moltiplicatore dell’apprendimento ‘’. Quando viviamo emozioni piacevoli il nostro cervello è meglio predisposto ad apprendere e a creare, se invece siamo arrabbiati o stressati non riusciamo a capire cosa un libro o una persona ci vuole dire 

In cosa la scuola italiana può migliorare?

Qualsiasi persona come qualsiasi contesto è migliorabile. La scuola italiana ha una storia fantastica, siamo il paese di MAria Montessori, di Gianni Rodari, di Mario lodi , Loris Malaguzzi e tanti altri. Diciamo che se riuscissimo ad applicare di piu’ le teorie di queste eminenze educative, ovviamente adattandole al nuovo contesto ed arricchendole con le scoperte recenti delle neuroscienze, saremmo la scuola piu’ bella del mondo. Sinceramente pero’ penso che la cosa su cui dovremmo interrogarci di piu’ è lo stato di malessere di bambini ed insegnanti. Basti pensare che la metà di questi ultimi sono in burnout .

Come l’asilo nel bosco applica questo approccio?

L’asilo nel Bosco è semplicemente una scuola che prova a rispondere al meglio ai bisogni dei bambini e delle bambine e sono loro che ci chiedono di vivere in natura e mettere al centro le emozioni e le relazioni. Questo non vuol dire trascurare l’aspetto cognitivo, anzi.

Lavorando bene sulle relazioni e le emozioni si costruisce un terreno fantastico per seminare apprendimento. Mi sento di dire senza paura di essere smentito che leggendo ‘’ Le Indicazioni nazionali del Ministero ‘’ e perseguendo gli obiettivi tracciati da questo testo meraviglioso si possa dire che l’ambiente d’apprendimento piu’ funzionale è sfacciatamente il fuori e non l’aula, e questo per la scuola dell’infanzia , la primaria e la secondaria.

Uno strumento, una tecnica ed efficace che possiamo applicare subito? L’apprendimento reclama lentezza , una pianificazione ben fatta e un’osservazione e valutazione attenta quindi faccio fatica a trovare qualcosa che si possa applicare subito aldifuori di questi processi. Ma già chiedere sempre ai bambini come si sentono sarebbe fantastico perchè comunica loro l’importanza di farsi sempre questa domanda e non solo per i bambini

Come si può imparare l’educazione emozionale?

E’ un lavoro innanzitutto su noi stessi perchè i bambini imparano soprattutto col nostro esempio e mi affiderei a chi non la presenta solamente come un insieme di attività da fare con i bambini. Ora sta diventando quasi una moda e sinceramente ho un po’ paura perchè abbiamo tra le mani uno strumento potentissimo, rivoluzionario, ma se non lo conosciamo bene rischiamo di perdere una grossa opportunità. Io mi sono formato in Argentina presso l’Università di Villa Maria a Cordoba e stiamo provando in Italia a proporre il medesimo approccio anche perchè lo utilizziamo nella nostra scuola dal nido fino alla secondaria e funziona.

I nostri bambini sono felici, apprendono e soprattutto sono innamorati di se stessi, degli altri e della conoscenza.

Abbiamo visto che è in rampa di lancio un corso online proprio sull’educazione emozionale, perchè questa scelta?

Sono 4 anni che giro l’italia a fare corsi di formazione, ma non riesco a raggiungere tutti i territori dove mi chiamano allora ho deciso di utilizzare questo strumento potentissimo che sono i corsi online i quali permettono di accedere a diversi contenuti nel luogo e nel tempo migliore per ciascuno, garantendo anche diversi spazi di interazione e un ruolo attivo di chi lo frequenta.

Al primo corso online sull’educazione in natura si sono iscritte piu’ di mille persone tra famiglie, studenti, insegnanti e professionisti del settore e allora abbiamo deciso di bissare con un corso online sull’educazione emozionale e sono convinto sarà bellissimo.

Scopri di più: https://www.macrolibrarsi.it/eventi/il-modello-educativo-dell-asilo-nel-bosco.php


Non ci sono ancora commenti su Come cambia la scuola quando si fa Educazione Emozionale

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.