Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Siamo Italiani

La questione morale. Perchè - Berlinguer, Bollati, Capitini, Craxi, Einaudi, Leopardi, C. Levi, Malaparte, Montanelli, Moro, Prezzolini, Salvemini...

David Bidussa


Remainder


Prezzo: € 10,00

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Descrizione


Siamo italiani: che significa? Qualsiasi discorso che parta dalla domanda su chi noi siamo, su come dovremmo essere, su perché non ci riusciamo e, soprattutto, perché siamo i primi a riconoscerlo, ma poi a non fare granché per divenire ciò che diciamo di voler essere – è destinato a cadere nella retorica.

La retorica è quella del “poveri ma belli”; “gaglioffi, ma simpatici”; “cinici, ma solo per delusione”; al fondo, comunque “bravi”.

Davvero non c’è rimedio? Oppure l’unico rimedio possibile è quello dell’urlo della piazza, dell’invocazione contro la politica?

Non è vero che la storia italiana ha prodotto da sempre lo stesso tipo di figura. E’ vero, invece che noi italiani abbiamo una storia che non è solo fatta di disgrazie o di inganni. E’ fatta di sviluppo e di crisi. Di momenti alti, di avanguardia persino e poi di lento declino.

Prendere confidenza con la storia significa questo (oltreché provare a indagarla davvero): confrontarsi su come ce la siamo spesso raccontata e su come ci siamo costruiti una retorica che serviva a consolarci o anche a dichiaraci vittime, ma sempre assolvendoci. Scaricando la responsabilità sull’Europa che ci stravolge (una convinzione che non è nata con l’Euro), riducendo gli scandali a normale tran-tran, pronti a teorizzare l’arte di arrangiarsi e a invocare giustizia salvo ripensarci quando si tratta di rimetterci. Ma mai disposti a rivedere le nostre certezze: da quelle del “pezzo di carta” che tutti disprezziamo, ma poi tutti vogliamo; di una pratica religiosa devozionale, ma senza crederci. Comunque non credenti, ma mai laici. Affascinati dalla tecnica, ma come gioco; privi di sapere scientifico ma convinti che sarà la fantasia, la creatività a garantire il nostro futuro.

Contrari a fare i conti con pazienza con la sconfitta, quando arriva, perché convinti che tutto sia l’effetto di perfidi Robinson che ottengono la fiducia di ingenui Venerdì. E che dunque sia sufficiente gridare perché ognuno esca dal torpore. Non sarà un urlo - così come mai è stata una risata – che seppellirà alcunché. E che ci libererà.
 
EditoreChiarelettere
Data pubblicazioneAgosto 2007
FormatoLibro - Pag 175 - 13x20
Lo trovi in#Critica sociale #Saggistica e storia

David Bidussa è storico sociale delle idee, una disciplina che non corrisponde a nessuna cattedra universitaria. Infatti non insegna. Dal 1989 lavora presso la biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Scrive, tra l'altro, sul Secolo XIX, sul Riformista e sul settimanale... Leggi di più...


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste