800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Un omaggio a scelta tra 20 straordinari articoli! Hai solo giorni ore min sec Scopri come >

Il Buco Nero

La lunga tragedia dell'Aquila: dalle raccomandazioni e dalle tangenti al terremoto e agli scandali della ricostruzione

Giuseppe Caporale




Prezzo di listino: € 14,50
Prezzo: € 12,33
Risparmi: € 2,17 (15 %)

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

Descrizione


I terremoti, si dice, sono calamità naturali, sciagure inevitabili, e la terribile scossa che ha colpito L'Aquila la notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009 è certamente una calamità naturale. Ma le 309 vittime e i danni giganteschi non sono soltanto l'effetto della potenza distruttiva del sisma.

Così come non sono certo colpa del terremoto gli errori e gli sprechi nella ricostruzione, la corruzione e le truffe, le collusioni con la criminalità organizzata, le speculazioni politiche e mediatiche. Giuseppe Caporale, che in questi anni ha raccontato le vicende abruzzesi per "la Repubblica", ha condotto un'inchiesta che segue più filoni e che ci permette di capire quello che è successo e sta succedendo all'Aquila.

C'è in primo luogo quella terribile notte. Ma dobbiamo domandarci perché alcuni edifici hanno retto, mentre altri, come la Casa dello Studente, sono rovinosamente crollati; e perché quella notte, malgrado mesi di scosse sempre più forti, tanti ragazzi decisero di restare all'Aquila. Dobbiamo anche capire le scelte che hanno ispirato la ricostruzione e le loro conseguenze.

La "cultura dell'emergenza", la fame di consenso politico, una cultura clientelare profondamente radicata in Abruzzo, gli appetiti dei politici e delle mafie hanno cercato di approfittare della situazione.

La tragedia del popolo aquilano rischia invece di durare molto a lungo: si calcola che lo sgombero delle macerie dal centro storico dell'Aquila, se procederà a questo ritmo, finirà nel 2079...

terremoti, si dice, sono calamità naturali, sciagure inevitabili di cui possiamo incolpare solo la natura, oppure un dio malevolo e troppo distante dalle nostre pene.
La terribile scossa che ha colpito L'Aquila alle 3 e 32 della notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009 è certamente una calamità naturale. Ma le 309 vittime e i danni giganteschi non sono soltanto l'effetto della potenza distruttiva del sisma. Così come non sono certo colpa del terremoto gli errori e gli sprechi nella ricostruzione, la corruzione e le truffe, le collusioni con la criminalità organizzata, le speculazioni politiche e mediatiche.

Giuseppe Caporale, che in questi anni ha raccontato giorno per giorno le vicende abruzzesi per «la Repubblica», ha condotto un'inchiesta che segue più filoni e che ci permette di capire quello che è successo e sta succedendo davvero all'Aquila.

C'è in primo luogo quella terribile notte. Ma dobbiamo domandarci perché alcuni edifici hanno retto, mentre altri, come la Casa dello Studente, sono rovinosamente crollati; e perché quella notte, malgrado mesi di scosse sempre più forti, tanti ragazzi decisero di restare all'Aquila. Dobbiamo anche capire le scelte che hanno ispirato la ricostruzione e le loro conseguenze.

La «cultura dell'emergenza», la fame di consenso politico, una cultura clientelare profondamente radicata in Abruzzo, gli appetiti dei politici e delle mafie hanno cercato di approfittare della situazione. La tragedia del popolo aquilano rischia di durare molto a lungo: si calcola che lo sgombero delle macerie dal centro storico dell'Aquila, se procederà a questo ritmo, finirà nel 2079...
Tuttavia il grande show mediatico delle prime settimane oggi è solo un ricordo, come se la situazione fosse tornata alla normalità: e questo è un altro scandalo. Il buco nero è un libro necessario per capire quello che è successo e sta succedendo nel cratere del terremoto.

È un libro che costruisce memoria, perché non dobbiamo dimenticare.

E perché dobbiamo fare in modo che le prossime calamità naturali non abbiano effetti così devastanti.

EditoreGarzanti
Data pubblicazioneMarzo 2011
FormatoLibro - Pag 199 - 13,30x21
ISBN8811601241
EAN9788811601241
Lo trovi in#Catastrofi naturali e mutamento climatico
MCR-NR 40864
Giuseppe Caporale

Giuseppe Caporale è giornalista di «Repubblica» e direttore editoriale del gruppo televisivo Rete8-Telemare in Abruzzo.È autore del documentario Colpa Nostra, basato su un'inchiesta giornalistica sul terremoto dell'Aquila e sulle tangenti che c'erano prima dell'avvento del sisma, vincitore... Leggi di più...

Dello stesso autore


L'Aquila non è Kabul

€ 11,90 € 14,00 (15%)

Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Articoli più venduti


L'Isola del Tonal

(5)

€ 9,35 € 11,00 (15%)

Ti Permetto di Far Parte di Me - Libro

(7)

€ 10,97 € 12,90 (15%)

Inglese in 21 Giorni - Libro

(40)

€ 10,97 € 12,90 (15%)

Il Miele di Manuka - Libro

(4)

€ 10,97 € 12,90 (15%)

Come Ottenere il Meglio da Sé e dagli Altri

(57)

€ 9,75 € 13,00 (25%)

Nulla Succede per Caso

(13)

€ 11,90 € 14,00 (15%)

La Malattia come Relazione Sospesa - Libro

(1)

€ 6,80 € 8,00 (15%)

Non c'è Notte che non veda il Giorno

(5)

€ 7,65 € 9,00 (15%)

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. — Nimaia e Tecnichemiste