+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-18:00

Cenerentola e i campi morfogenetici. Energia femminile connessa

Cinzia Contarini



Mercoledì 5 Febbraio 2020 | dalle 17:30 alle 19:30
Sala Eventi Macrolibrarsi Store - Cesena


Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

assistenza clienti
Descrizione

Cenerentola non è la fanciulla sottomessa e fortunata che ti sei abituato a credere. È una femmina potente molto attiva strettamente connessa al divino che tu hai dimenticato.

Una parte della fiaba che è stata completamente obliata è l’inizio della sua storia. Essa chiede al padre (come Belle ne La Bella e la Bestia, la rosa) di portarle un ramo di nocciolo. La fanciulla lo pianta sopra la tomba della madre, dove prega in modo attivo e fiducioso, in compagnia di un uccellino bianco, l’uccellino dei desideri.

Il nocciolo è un albero molto connesso con l’energia del femminile, dei sogni, dei desideri e dei passaggi multidimensionali. Nell'antichità era considerato simbolo di saggezza, comunicazione e guarigione. È di nocciolo il bastone di Asclepio, oggi simbolo della medicina. Per i celti il nocciolo è l’albero della conoscenza, collegato alle facoltà sensoriali e mentali. Per lunghissimo tempo è stato l’albero impiegato per entrare in contatto con gli spiriti buoni della natura e per sognare.

Eudamonia significa “essere in compagnia di un buon Spirito Guida”. Possiamo quindi dire che Cenerentola praticava attivamente l’Eudamonia, ovvero comunicava con degli spiriti guida per affrontare delle fasi estremamente difficoltose della propria esistenza. Essa credeva, senza alcun dubbio, nella realtà multiforme e multidimensionale ed è per questo che è riuscita a creare delle possibilità completamente al di fuori della realtà ordinaria che viveva.

Il suo campo morfogenetico, grazie alla sua attività energetica, era posto a un livello vibrazionale molto più alto della vita domestica che conduceva, insieme a donne che la osteggiavano e la criticavano e a un padre che non la proteggeva. Ma lei non si è mai sentita vittima delle circostanze, ma operatrice convinta ed entusiasta della propria felicità.

La cenere da cui proviene il suo nome, Cenerentola, suggerisce il colore grigio, il colore della nebbia, ma anche della fatica e della disillusione. Questo però è solo apparenza, il grigio corrisponde anche all’argento, scintillante colore della Luna, della magia, della trasformazione. Sotto la cenere arde una fiamma che in Cenerentola non è mai stata spenta.

Questa ardimentosa fanciulla è collegata anche a una delle divinità più potenti del pianeta, la Grande Madre Ecate. Il suo nome significa “la distante”. È figlia di Asteria, una dea stellare ed è regina di Cielo – Terra – Mare. Essa è la Dea dei passaggi pericolosi e precari e quindi è la Dea dei Portali e Cenerentola è esperta nell'aprire portali trasformativi e visionari.

Ecate è profondamente collegata all'idea di potere: potere magico. Le parole di potere sono gli incantesimi, che la fanciulla richiama nella sua vita. Il termine egiziano Heka significa “ciò che rende attivo il Ka”, indica il dare valore a un intento, talmente tanto che gli effetti si manifestano immediatamente.

Cenerentola, pregando e invocando gli Spiriti Guida sulla tomba della madre, dà valore ai suoi intenti, credendoci talmente tanto da manifestare velocemente nella sua esistenza i suoi sogni. I sogni son desideri.

Ecate ha anche il ruolo di custode della ricchezza e delle benedizioni della vita. Zeus le fece l’onore di lasciarle l’antico potere di donare o di negare ai mortali i loro desideri.

Invocare Ecate per i propri sogni e desideri, credere in queste divinità enormi che sono state messe all'angolo, ma non per questo sono meno istintive e innate in noi, modifica ed eleva il campo vibrazionale, attivando risorse, poteri, intuizioni, possibilità che altrimenti rischiano di restare per sempre sprecati in una vita sottomessa, priva di immaginazione e risorse.

Dove e quando

La conferenza si svolgerà Mercoledì 5 Febbraio 2020 dalle 17:30 alle 19:30 presso la Sala Eventi del Macrolibrarsi Store. 

Come raggiungerci

In AUTOBUS

La linea 92 ci collega benissimo sia a Forlì sia a Cesena, con autobus che transitano all'incirca ogni 20 minuti. Scendi alla fermata di Diegaro, a soli 50 metri dal negozio.
Clicca qui per scaricare l'orario completo della linea 92 (in "Cerca per Linea" seleziona "92 (Forlì – FC)" e poi clicca su "Cerca", come risultato comparirà "Linea 92 (Forlì)", clicca su "Orari").

In TRENO

Per chi volesse venire in treno, raggiungerci è molto semplice. Siamo collegati sia alla Stazione di Cesena sia a quella di Forlì dagli Autobus della linea 92.

In AUTO

      • Prendi l'Autostrada A14
      • Esci al Casello Cesena NORD e imbocca la E45 in direzione Roma
      • Dopo circa 7 km prendi l'uscita Cesena ovest, via Emilia
      • Alla rotonda vai a Sinistra, in direzione Centro Cesena
      • Dopo poche centinaia di metri, sulla destra troverai il nostro negozio, riconoscibile dall'insegna qui sotto.

 

 

RelatoriCinzia Contarini
OrganizzatoreMacrolibrarsi
DataMercoledì 5 Febbraio 2020 | dalle 17:30 alle 19:30
LuogoSala Eventi Macrolibrarsi Store - Cesena
Lo trovi inEventi: #@Sala Macrolibrarsi #Eventi gratuiti #Incontro con l'autore #Crescita personale e consapevolezza
Cinzia Contarini

Cinzia Contarini è Psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale, psico-oncologa. Specialista della risoluzione dei traumi a "t" maiuscola e a "t" minuscola (quelli vissuti nel periodo della crescita infantile) con la tecnica EMDR e con la tecnica del Tapping. Studiosa da 20 anni di... Leggi di più...

Dello stesso autore


Vedi tutte le pubblicazioni


nessuna recensione

Scrivi per primo una recensione
Scrivi una recensione

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.