Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Cerchi nel Grano ( storia ed Analisi) DVD + Rivista i Misteri di Hera n.33

Pier Giorgio Caria



Prezzo: € 8,50

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

1 visitatore ha richiesto di essere avvisato

Prodotti simili

Possiamo aiutarti?

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

Contattaci
assistenza clienti

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 29 € in tutta l'Italia

CONTRASSEGNO GRATUITO

Puoi pagare comodamente in contanti

RESO GRATUITO

Hai 15 giorni di tempo per rendere l'articolo

I maggiori esperti mondiali di cerchi nel grano illustrano la storia del fenomeno, dalle sue origini alla sua straordinaria evoluzione negli anni.

 

I misteri di Hera numero33

Editoriale

A questo numero viene allegato un DVD sul fenomeno dei ^L^L cerchi nel grano, primo di una serie di due avente losco-™™po di presentare un quadro onnicomprensivo dello scon­certante problema. E con gli anni Settanta che si è manifestato dall'Inghilterra il fenomeno dei "crop circles", poi estesosi in breve ad altri Paesi europei ed extraeuropei. E (aparte gli scenari collegati anche a probabili falsificazioni umane) fin dall'inizio l'atmosfera di mistero connessa alla questione è stata percepita in generale o come collegata o a possibili intelligenze aliene ovvero a eventuali manifestazioni "naturali" ma di matrice paranormale, riferita o a non meglio pre­cisabili energie telluriche oppure a cause di tipo escatologico: "segni" divini, cioè. Sia come sia, e premesso che ciascuna interpretazione potrebbe avere una sua fondata base di discussione, resta il persistente enigma di un fenomeno intelligente e che sfida il tempo oltre ogni logica e mistificazione umana. No. I "circlemakers", siano essi buontemponi o artisti votati alla "land art", non c'entrano né ci possono entrare più di tanto. Fin dall'inizio l'approccio che collegava il fenomeno all'attività goliardicadi un paio di arzilli pensionati britannici armati di tavole, corde e paletti si rivelò infatti per quello che era: il tentativo di razionalizzare manifestazioni inspiegabili, inquie­tanti e certamente tali da destabilizzare le autorità, impotenti e non in grado di darne ragione.

Logico dunque che fosse più tranquillizzante e comodo inserire nel "gioco" falsificazioni umane che avrebbero riportato il tutto in una rassicurante dimensione ben più banale e terrena. In modo che l'ordine regni sovrano e la situazione sia co­munque sotto controllo. Solo che non è così semplice. Affatto. Perché il fenomeno continua inossidabilmente a manifestarsi tuttora, sofistican­do e complicando anzi le sue valenze simboliche. Ed è anzi sempre più chiaro che esso, limitatamente al suo aspetto più originale e genuino, va visto per quello che è e comunque resta: l'evidente tentativo di comunicare dei "messaggi" simbolici più o meno chiari a chiunque vi si accosti. Messaggi intrisi di matematica, geo­metria, proporzioni e quant'altro e certamente non affidati al caso.

Messaggi si­gnificativi e "significanti", atti a raccordarsi a livello individuale e "sottile" con chiunque li intraveda, dilatandone comunque la coscienza. E che si tratti, in uno scenario dominato dall'annoso problema degli UFO, di ignote intelligenze aliene desiderose di comunicarci qualcosa di importante collegato al nostro effettivo ruolo non di centro dell'universo ma di "cittadini dello spazio"; ovvero, in una di­mensione più apocalittico-escatologica, di "moniti" del Divino e dello "Spirito della Terra", la "Gaia" intesa come organismo costituito da un intero e consapevo­le pianeta vivente messo alle strette dal "parassita Uomo", è evidente che il pro­blema non può certo essere ignoraro o misconosciuto.

Tanto più — e in questo lo spirito di Archeomisteri e l'approccio proprio del CIR-PET (il Comitato Interdisciplinare per le Ricerche Protostoriche e Tradizionali) sono perfettamente in linea — il passato ci conferma che il fenomeno è tutt'altro che nuovo e inedito. Infatti oltre 300 anni fa ha già fatto parlare di sé, nelle cronache e nelle rappresentazioni grafiche dell'epoca, la supposta manifestazione di un impro­babile "Diavolo Mietitore" che nottetempo avrebbe diabolicamente "segnato" i campi inglesi del XVII secolo. Nulla di nuovo sotto il sole, dunque.

E tale aspetto legato alla tradizione ci impone pertanto di guardare alla questione in una ottica laica e oggettiva, certamente, ma così pure anche storica e retrospettiva.

Quella, cioè, propria di questa pubblicazione e del suo team, che dal 2002 svolge una atti­vità tesa a divulgare e trasmettere dati e informazioni senza tempo in grado di am­pliare la nostra comprensione dell'Uomo e dell'Universo.

Questo numero contiene una serie contributi importanti e stimolanti.

Si va da quel­lo sull'ultima destinazione di Ulisse di Massimo Barbetta alla prima parte di una ap­profondita trattazione sui Pelasgi in America a cura di Domenico Raso; dall'excur­sus di Tony Maniscalco sull'epopea "spaziale" del patriarca Enoch all'approfondi­mento di Rebecca Gammaitoni sui riti pasquali nella Tradizione; dalla ricerca di Al­berto Arecchi su Aquisgrana, la capitale di Carlo Magno, ad uno studio sui misteri della Valcamonica di Anna Giacomini; e ultima, ma non per importanza, una anali­si delle prospettive sul famigerato 2012 di Diego Antolini. Poi una cascata di News e le consuete rubriche. Buona lettura e buona visione!

Roberto Pinotti


Distribuito daAcacia Edizioni Srl Edizioni
Data pubblicazioneDicembre 1999
TipoDVD
Durata26 minuti
Pagine rivista77
Lo trovi in#Monografie e documentari

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste