Torna su ▲

SEMI DI CHIA - La forza degli Aztechi sulle nostre...

Contengono sorprendenti quantità di calcio, omega 3 e omega 6, antiossidanti, vitamine: se non è questo un “supercibo”...

SEMI DI CHIA - La forza degli Aztechi sulle nostre tavole

Continuiamo il nostro viaggio alla ricerca dei superfood, supercibi dalle proprietà nutrizionali particolarmente interessanti e uniche. Apprezzati da secoli in Centro America per le loro proprietà, questi piccoli semi di una pianta tropicale originaria del Messico, la Salvia Hispanica, concentrano straordinarie caratteristiche nutrizionali. Si dice che i guerrieri aztechi traessero dai semi di Chia la forza per vincere le battaglie, o che li usassero come rimedio contro le infiammazioni e le infezioni: guarda caso, “Chia” in azteco significa “forza”. Si tratta di una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Labiate (la stessa di Salvia Officinalis, di timo, rosmarino, basilico, menta, origano e molte altre piante note anche nell’area mediterranea).

Un concentrato vitaminico

Ma da dove derivano tutte queste proprietà benefiche? Per cominciare, sono molto ricchi di vitamine A, B e C, inclusa la vitamina B6 e alcune tabelle riportano anche la B12, che rendono questi preziosi semi interessanti a chi segue un’alimentazione vegana o vegetariana. Grazie a questa particolare proprietà sostengono e rinforzano il sistema nervoso. Contengono proteine (circa 18 g su 100), fibre (circa 40 g su 100, di cui 5 solubili), in minima parte carboidrati (3 g).

Grazie alle vitamine del gruppo B, la B6 e la B12, il sistema nervoso sarà ben nutrito, aumenterà la capacità di concentrazione e sarà favorita la diminuzione dell’ansia.

Grassi buoni, come il pesce

I semini contengono inoltre una importante quantità di acidi grassi essenziali (indispensabili per assimilare le vitamine liposolubili come le A, D, E, F e K), principalmente l’omega 3 e l’omega 6. Il contenuto di acidi grassi essenziali è superiore al 20% in peso e il contenuto di omega 3 è 8 volte superiore a quello del salmone. È davvero sorprendente: i semi di Chia da questo punto di vista possono essere considerati un sostituto del pesce. Come è noto gli acidi grassi essenziali sono importanti per la salute del cuore, del cervello e dei muscoli, eliminano le infiammazioni e mantengono sane le articolazioni. Gli acidi grassi essenziali (omega 3 e omega 6) sono considerati universalmente - da medici, nutrizionisti ed esperti di alimentazione naturale - importanti nutrienti da assumere regolarmente per tenere sotto controllo i livelli ematici di colesterolo, trigliceridi e conseguentemente ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Minerali in quantità (e qualità)

Tra i minerali contenuti in questi semi troviamo moltissimo calcio (693 mg), ferro (16 mg), fosforo (1047 mg), magnesio (421 mg), potassio (680 mg), zinco (4,8 mg), rame e sodio (indichiamo le quantità per 100 g di prodotto: i valori sono indicativi e possono variare leggermente in base alle diverse coltivazioni). Una nota importante riguarda la biodisponibilità del calcio contenuto nei semi di Chia: è maggiore di quella del latte di mucca, che, come è noto, non è l’alimento più indicato per le carenze di calcio. Il ferro inoltre è tre volte superiore rispetto a quello contenuto negli spinaci mentre il magnesio è più di 10 volte superiore rispetto a quello contenuto nei broccoli, sempre a pari peso. Il contenuto di sali minerali nei semi di Chia, unito a quello di aminoacidi e di vitamine contribuisce a fornire all’organismo un ottimo livello di energia.

Ricchi di antiossidanti

I semi sono molto piccoli, il loro colore non è uniforme e tocca varie tonalità di grigio, con una maggioranza di sementi scure rispetto alle chiare, alcune delle quali chiarissime, quasi bianche. Sono croccanti, il loro sapore è neutro, e comunque gradevole. Una eccezionale caratteristica di questi semi è il fatto che si conservano anche per anni senza deteriorarsi né nel sapore, né nell’odore, né nel valore nutritivo. Il tutto grazie a un alto contenuto di antiossidanti, ben superiore a quello degli altri semi, e 4 volte superiore a quello dei mirtilli. Ne consegue che non è necessaria la conservazione in frigorifero. Ma soprattutto gli antiossidanti prevengono il danneggiamento delle cellule e i danni da invecchiamento. I semi di Chia hanno proprietà per alcuni aspetti analoghe a quelle dei semi di lino.

I semi di Chia sono consigliati soprattutto a…

  • A chi soffre di pressione alta: sono in grado di contribuire alla regolazione della pressione sanguigna.
  • A chi desidera perdere peso: forniscono nutrienti essenziali ma poche calorie.
  • A chi ha la necessita di tenere sotto controllo i livelli del colesterolo nel sangue.
  • Agli intolleranti al glutine o celiaci.
  • A diabetici, perché hanno un basso indice glicemico e non contengono zuccheri semplici, né colesterolo.
  • A tutti, in particolare a chi segue una dieta vegetariana e vegana: si sfrutta in particolare l’apporto di calcio.

La gelatina: un balsamo per l’intestino

I semi di Chia possiedono la capacità di assorbire un quantitativo di acqua 9 volte superiore al loro peso: tale caratteristica li rende adatti a pulire l’intestino e anche per controllare la fame. Il seme, infatti, assorbendo l’acqua, crea un gel che raccoglie le tossine e le scorie dal nostro intestino e le incorpora nelle feci, portando benefici a chi ha problemi di stitichezza e di colon irritabile. Grazie a questa capacità di rendere gelatinosi i liquidi in cui vengono immersi, i preziosi semi si prestano per tantissimi usi in cucina. Possono integrare ed arricchire molte ricette, arricchire davvero dal punto di vista nutrizionale, e non nel senso indicato da certe pubblicità...

ALCUNE IDEE PER USARE I SEMI DI CHIA

A colazione - Aggiungere un paio di cucchiaini ai cereali; - macinare i semi e aggiungerli al latte caldo per un porridge; - un bicchiere di latte di riso, 2 cucchiaini di semi, mezza banana, mezza mela. Frullare e bere.

Per pranzo o cena - Aggiungerli crudi all’insalata, insieme a sale oppure a gomasio, e all’olio extravergine di oliva; - un altro modo per creare un salutare ingrediente è il seguente: tostare e macinare 50 grammi di semi di Chia, aggiungere sale a piacere e utilizzare la granella cosi ottenuta per insaporire insalate, zuppe e minestre.

Come dessert - Tenere in ammollo in un succo di frutta per quindici minuti: i semi svilupperanno un gel che addenserà la preparazione trasformandola quasi in budino; - aggiungere un cucchiaio di semi a un bicchiere di latte vegetale bio di mandorla o di riso, lasciare riposare per almeno un’ora, unire un cucchiaio di uvetta sultanina, mettere in frigo. Gusterete cosi una dolce crema senza zuccheri aggiunti completamente naturale e bio.

Bevanda antifame - Lasciare in ammollo un cucchiaio di semi in 300 cc di acqua. Aggiungere del succo di lime o di limone. Il gel cosi ottenuto rallenta la digestione e l’assorbimento dei carboidrati, rende sazi più a lungo e impedisce il cosiddetto “picco glicemico”.

 

Articolo tratto da L'Altra Medicina N. 19

 

 

 

Abbonarsi alla rivista L'altra medicina magazine conviene! Puoi infatti ricevere 12 numeri della rivista, comodamente a casa tua, pagandone soltanto 8 (28 euro anziché 42)!

Richiedi l'Abbonamento a l'Altra Medicina