Torna su ▲

Prefazione - Solo la Mente può Bruciare i Grassi...

Leggi un estratto dal libro di Raffaele Morelli "Solo la Mente può Bruciare i Grassi"

Prefazione - Solo la Mente può Bruciare i Grassi - Libro di Raffaele Morelli

Un'atmosfera plumbea cala sulla mente di chi "si mette a dieta".

"Devo dimagrire! Domani comincio la dieta, elimino i carboidrati." Magari si resiste due o tre giorni e poi si ricomincia da capo. Si comincia bene il mattino, ma poi... un cioccolatino... rovina tutto.

Naturalmente, le battaglie contro il sovrappeso sono le stesse per tutti.

"Oggi ho fatto un'ora di palestra, mi posso concedere un piatto di spaghetti con tanto parmigiano." Queste parole esprimono bene la lotta con se stessi, il trattarsi come animali da addomesticare, dominati da un'idea di perfezione, di magrezza che non si riesce mai a raggiungere.

Il conflitto è chiaro: da un lato ingrassiamo per cercare attraverso il cibo il piacere che non ci diamo in altro modo, dall'altro ci riempiamo di obblighi onerosi come la dieta, che ci fa sentire ancora più frustrati e quindi ci spinge a mangiare ancora, di più, per trovare soddisfazione e placare l'ansia.

La chiave è il piacere, il codice che apre l'anima ai suoi bisogni: si dimagrisce solo se l'anima è contenta.

Ma la domanda fondamentale è: da dove origina il bisogno di cibo? In quale area della mente e dei cervello si forma il desiderio della bocca? Perché nonostante i nostri no, i divieti che ci imponiamo, finiamo per cedere? Siamo sbagliati? Non abbiamo forza di volontà?

È un tema affascinante, ma anche un problema enorme, perché il sovrappeso riguarda più di venti milioni di italiani.

La cosa certa è che la mente non ce la fa. Posso pensarci quanto voglio, studiare una strategia, ma qualsiasi cosa dica a me stesso per dimagrire non funziona. Posso contare le calorie, stare attento ai grassi, ai carboidrati, ma il controllo sul cibo è sempre perdente. C'è una forza che rovina tutti i miei progetti, vanifica tutte le mie buone intenzioni. Dalla superficie della psiche, dove ci riconosciamo, dove crediamo di sapere chi siamo, non arrivano mai soluzioni.

Le persone che ce l'hanno fatta hanno percorso altre strade, sono penetrate in altri stati dell'anima, più profondi, più distanti dal pensiero e dalla volontà. La soluzione è solo dentro di noi, nel profondo, dove vive l'essenza, il nucleo di ciò che siamo.

Questo libro è scritto per chi vuole uscire dalla routine della lotta inutile contro se stesso e il cibo.

Nel profondo, dove abita la nostra mente naturale, qualcosa sa farci dimagrire. E' il contatto con il Sé, con l'essenza che ci può liberare dal cibo.

Nell'essenza vive la magrezza: è lei che ci chiama, non per metterci a dieta, ma per riportarci a ciò che siamo e siamo sempre stati. La nube chimica delle abitudini, dei doveri, delle lotte interiori, ci ha fatto perdere di vista il nostro albero.

Siamo grassi perché siamo pieni di foglie morte, che teniamo ancora attaccate al nostro Io, mentre dovremmo spazzarle via. Sono i pensieri inutili che si addensano a farci ingrassare: le false preoccupazioni, le parole futili, i conflitti con noi stessi, l'autocritica... Foglie morte, che si accumulano e ci appesantiscono, togliendoci il piacere di vivere, che viene sostituito dal cibo.

Le persone che dimagriscono hanno spazzato via le inutili foglie morte... Sono semplicemente entrate in un altro regno dell'anima, nel quale la regola è la mente "incantata", quella delle fiabe, dei sogni, dei desideri, del gioco. I bambini quando giocano dimenticano di mangiare... Molti pensano invece che dimagriranno quando cambieranno vita: niente di più illusorio.

La "magrezza" è una dea che abita ogni essere vivente: ciascuno ha la sua! Si tratta semplicemente di dirsi ogni giorno: "Io non sono la mamma che porta i bambini a scuola, non sono la moglie, non sono la manager, l'impiegata, la segretaria, non sono quella che penso... Cosa mi piace? Cosa mi affascina?".

All'inizio ci sembra di non avere risposte. I nostri pensieri non ci possono aiutare, ma le Immagini originarie sì. Le Immagini sono sottili, mentre il grasso è voluminoso. L'essenza vive nel sottile, come le Immagini, come i sogni, come le avventure che fantastichiamo. Allora si entra nel regno della magrezza, un'immagine femminile che ci conduce, che ci guida a "fare il nostro corpo" come va fatto. Niente romanticismi, niente lamenti, niente rimpianti sulla vita sbagliata, sugli amori perduti.

Un'altra persona sta nascosta dietro la "corazza" di grasso. Trovarla è più facile di quello che si pensa. Bisogna solo cambiare l'approccio con se stessi e cercare la semplicità, la naturalezza, le cose che ci vengono facili.

Chi ingrassa fa sforzi inutili, non conosce la leggerezza, è sempre lì a criticarsi, ad accusarsi, a dirsi che non va mai bene. Per paura di non essere accettato cerca di assomigliare agli altri. Ingrassiamo fondamentalmente perché siamo omologati.

Nel "nucleo" ci sono tutte le nostre risorse dimagranti, che emergono spontaneamente se la smettiamo di dirci come dimagrire. La lotta deve cessare e allora l'essenza, il nucleo, ci svela quegli interessi, quelle passioni, che sono il vero elisir contro il sovrappeso. Via via che scopriamo desideri, emozioni e Immagini, siamo in un'altra area dell'anima: qui c'è l'energia dimagrante. Arriva da sola, senza sforzi e senza cambiare niente.

Dimagrire è la via della cura di sé, dei propri sentimenti, della propria unicità, che non imita nessuno e non ha modelli esteriori. Dimagrire è essere soli con se stessi, dove vive l'energia ancestrale che fa di noi degli esseri unici, con interessi solo nostri, non omologati come la palestra serale.

Vai a camminare, a danzare, a recitare, fai quello che ti fa impazzire. Senza scuse, senza resistenze. Così si torna a vivere e dimagrire ne è la conseguenza.

Questo libro vuole ricordarti che ingrassi per un solo motivo: ti sei dimenticato di te stesso. E la tua interiorità è scontenta. Dobbiamo farla finita con le stupide frasi fatte del tipo: "Io sono felice così, con i miei 10 chili in più". Questo lo puoi recitare a beneficio degli altri, ma dentro sai che non è così: dentro c'è il tormento, la lotta, il senso di sconfitta che si fa sempre più acuto, fino alla disperazione e alla resa.

Dimagrire è una vera rivoluzione, la vittoria contro il grasso-zavorra che imprigiona la nostra interiorità. Non c'è da cambiare vita, ma semplicemente va cambiato il modo di vedere se stessi e la vita.

Coloro che ce la fanno hanno tutti una caratteristica: hanno inserito qualcosa di nuovo nel loro mondo. Chi si è messo a scrivere fiabe, chi a coltivare l'orto e le piante di casa, chi ha scelto di recitare in teatro, chi di travestirsi di fronte allo specchio, chi ha perso la testa per qualcuno...

Non sono stati loro a decidere, ma la "dea della magrezza". Voglio dimagrire per scoprire la magia che ho dimenticato e che dimora dentro di me, anche se non la vedo.

Dimagrire è un'alchimia, una grande magia dell'anima.

Solo la Mente può Bruciare i Grassi

Solo la Mente può Bruciare i Grassi

Il grasso in eccesso che abbiamo accumulato non fa che nascondere e soffocare il nostro vero io.

È solo ritrovando la nostra profonda unicità, liberandola dai pesi fisici e psicologici, che possiamo dimagrire realmente, in modo definitivo, e senza diete.

Acquista ora

 

Raffaele MorelliTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Raffaele Morelli

Raffaele Morelli è medico, psichiatra e psicoterapeuta. Dirige Riza psicosomatica, il primo mensile di psicologia nato in Italia, e il più autorevole grazie alla sua direzione e ad un equipe redazionale di specialisti. La sua ricerca è rivolta agli aspetti simbolici del corpo umano e della malattia. Raffaele Morelli è anche il presidente dell’Istituto Riza (da cui nasce la Scuola di Formazione in Psicoterapia ad indirizzo psicosomatico, riconosciuta dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica il 24/10/94) e vice-presidente della SIMP (Società Italiana di Medicina Psicosomatica), si dedica alla formazione psicoterapeutica di medici e psicologi.