Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Prefazione - Medicina Nonviolenta - Libro di...

Leggi un estratto dal libro di Riccardo Trespidi "Medicina Nonviolenta"

Prefazione - Medicina Nonviolenta - Libro di Riccardo Trespidi

Questo mondo fa schifo!

Non ci sono guerre mondiali, ma è come se ci fossero. Milioni di esseri umani muoiono di fame. Miliardi di persone non hanno accesso a fonti di acqua pulita e di cibo per vivere. La madre terra viene velocemente distrutta per fare posto al denaro. Le libertà individuali non vengono rispettate.

Terrorismo. Violenze. Indifferenza. Disparità.

Ai figli del post seconda guerra mondiale come me, è stato fatto credere che il mondo, dopo i milioni di morti ammazzati dai cannoni, dalle bombe e dalle pistole, è il migliore di sempre, quasi perfetto.

I Beatles, i Rolling Stones, Bob Dylan, il '68, ci avevano fatto credere che il mondo sarebbe cambiato, che tutti ci saremmo amati e che nessuno sarebbe stato lasciato solo. "All you need is love", "The times they are a changin". Non è vero. L'illusione e la falsa verità sono svanite come un gelato di soia al sole.

Qualcuno ci vuol far credere che i confini tra le nazioni sono solo virtuali, che tutti i popoli si rispettano, che la cooperazione sta dando i suoi frutti, che i governi lavorano per un futuro privo di discriminazioni, ingiustizie, disparità. Invece, ancora oggi molti migranti muoiono in mare, lasciando nel cuore invaso dall'acqua salata, la speranza di andare a vivere in un mondo più rispettoso della loro vita e dei loro diritti. Oggi molte donne sono state uccise per gelosia, per raptus sessuali e perché vengono considerate meri oggetti e non persone.

Intanto sono stati uccisi (dopo atroci e inumane sofferenze) e mangiati miliardi di esseri viventi che hanno la sola colpa di essere nati non-umani. In molte carceri del mondo, oggi, decine di migliaia di persone sono state torturate e uccise in nome e per conto di una giustizia e di una libertà figlie solo della paura. La madre terra è distrutta, inquinata, sfruttata, da chi non ha ancora capito quanto essa sia importante per l'intera umanità. Il profitto è il solo metodo per crescere.

No, questo non è il mondo che mi hanno prospettato. Questo è solo un pianeta dove l'ingiustizia, la sofferenza, la morte, regnano sovrane.

Non sono assolutamente capace di scrivere. Invidio e vorrei tanto assomigliare a quelle persone che possiedono il talento naturale della scrittura. In questo libro, mi auguro troverete delle idee, che abbiano il merito di essere approfondite, elaborate, sviluppate, applicate.

Se Voi lettori vorrete, questo sarà il primo di una serie di libri nei quali tratterò temi che hanno un diretto collegamento tra la Nonviolenza e la Medicina.

Parafrasando Woody Alien che parafrasa Groucho Marx che a sua volta si rifa al genio di Freud, che mette in relazione questa frase con l'inconscio: " Io non vorrei mai appartenere a nessun club che contasse tra i suoi membri uno come me".

Non ho un carattere dedito al compromesso. Porto avanti le mie idee, con passione, dedizione, a volte con rabbia. Sono disposto a cambiare idea, ma solo se mi convinco che è giusto cambiarla. Altrimenti persevero nella mia convinzione contro tutto e tutti.

Non sono presuntuoso, o arrogante. Credo di essere solo onesto verso le mie idee.

Non potrei mai intraprendere la carriera politica. Esercito la professione di Medico di Medicina Generale da più di 30 anni. Non è stato un cammino facile, il mio.

I miei genitori non credevano molto nelle mie capacità intellettuali e perciò mi fecero studiare per ottenere un diploma per poi andare a lavorare. Ottenuta la maturità, che passai con un ottimo voto, non so perché, mi prese il desiderio incommensurabile di fare il medico. Mi iscrissi a Medicina contro il parere di mio padre e mi impegnai a fondo per raggiungere l'obiettivo.

Non fu facile, lo ammetto. Gli studi che avevo intrapreso prima di Medicina non mi aiutarono affatto. Non avere studiato né il greco, né il latino, rese tutto molto più difficile. Ma ebbi una grandissima fortuna, perché un anno dopo essermi iscritto all'università, conobbi e mi innamorai della donna della mia vita. Mia moglie, proveniente dal Liceo classico, e brillantissima studentessa di Giurisprudenza, ebbe la pazienza di aiutarmi nello studio, per colmare le mie lacune.

Se ho lottato per raggiungere l'obiettivo della laurea, non ho avuto alcun problema nell'esercitare la mia professione. La dedizione e l'empatia verso i pazienti è stata per me una dote naturale, che non ha richiesto alcuna fatica. Ho avuto un eccellente maestro, mio suocero, il caro Luciano, "medico di una volta", uomo onesto, modesto, coltissimo, generoso, simpaticissimo, che mi ha insegnato il rispetto per chiunque chiedesse il mio aiuto.

Egli, ha accresciuto in me cultura, conoscenza, dedizione, onestà, passione, sense of humor.

La mia famiglia è attualmente composta dalla mia dolcissima e bellissima moglie Emanuela, avvocato, impegnata nel riconoscimento del diritto alla vita degli animali non-umani e sempre in prima linea nei processi contro i maltrattamenti e le torture che vengono loro inflitti.

Ho tre figli, tutti e tre vegetariani dalla nascita. Mia figlia Carlotta, la primogenita, è specializzanda in Psichiatria. è un medico amorevole, delicato e preparato. è vegana. Lo è diventata prima di me a soli 17 anni. Tommaso il secondogenito, generoso e altruista, è un sarto con una creatività geniale. Alessandro l'ultimo figlio umano, gradevole, affettuoso, appassionato calciatore, studente in Giurisprudenza, diventerà, spero, un ottimo avvocato come la madre.

Ho altri 9 figli, non di primo letto, ma molto amati e coccolati.

Lisa una Collie abbandonata e poi salvata nel greto di un canale che si sarebbe riempito d'acqua da lì a poche ore. è una figlia dannatamente intelligente. Intuisce tutto ciò che ho intenzione di fare. Basta uno sguardo per capirsi. Angelina, bastardina rumena con un'ancestrale paura per la specie umana, derivata dalle terribili violenze alle quali sono sottoposti i suoi simili in quel paese. Bryan, ospite per tre anni di un "orfanotrofio", è entrato nella nostra famiglia presentato dal direttore dell'ospizio, come dolcissimo e remissivo con gli altri cani, e che si è invece rivelato burbero e aggressivo verso tutti i suoi simili, che incontra per strada.

Isaac in onore di I. B. Singer, scrittore vegetariano, premio Nobel per la letteratura, è bianco, grasso e dolce. Rubens, rosso e bianco che sono riuscito ad accarezzare solo dopo 7 anni che era nella nostra casa. Floc, dolce grigio nera che quando coccoli dimostra il suo affetto con fusa rumorosissime. Mela, trovata abbandonata al Centro Commerciale la Grande Mela, rossa, bellissima, indipendentissima.

Bedduzzo (bello in siciliano), che è stato abbandonato appena nato, davanti a casa nostra dentro un sacchetto di plastica, assieme ad altri tre fratelli (tutti morti dopo pochi giorni). Lui, purtroppo crede di essere un umano perché è stato nutrito dal primo giorno della sua vita fino a quando non ha mangiato da solo, con il biberon. Sono state mia moglie e mia figlia, con il loro innato senso materno, alzandosi anche la notte ogni tre ore, che lo hanno seguito passo passo fino a quando adulto ha cominciato a esigere coccole, cibo e attenzione. Mangia con noi, dorme sui nostri corpi e molte volte esprime disagio nei confronti dei suoi fratelli, picchiandoli come fossero degli intrusi.

Pina, bianca e nera, materializzatasi sotto il tavolo di una pizzeria. Con le fusa e lo sfregamento ha chiesto il nostro aiuto, che noi abbiamo prontamente dato portandola nella nostra casa. Lei non si fa mai accarezzare, se non quando lo decide autonomamente, venendoti vicino e consentendo alla tua mano di coccolarla, solo fino a quando, poco dopo, non si stufa e la morsica con i suoi denti aguzzi.

Questa è la mia numerosa famiglia. Una moglie, tre figli umani e nove figli non umani.

I tre cani sono vegetariani, sani e felici. I gatti, mi duole ammetterlo, purtroppo no. Mangiano solo i croccantini vegetariani. Confido molto nella produzione di mangime umido per gatti con ingredienti vegetali. E' uno strazio aprire le loro scatolette.

Medicina Nonviolenta

Medicina Nonviolenta

La scienza medica a e la nonviolenza, possono unirsi nella lotta contro la sofferenza e la malattia.

Ogni medico può affrontare le malattie, utilizzando metodi che non comportino alcuna sofferenza per l'uomo, gli animali nonumani, e l'ambiente.

Solo con questa procedura si possono raggiungere il benessere e la salute permanenti.

Acquista ora

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!