Torna su ▲

Prefazione di Stefano Momentè al libro "Alimenti...

Un libro complesso per un tema complesso. Ma proprio per questo stimolante e ricco di fascino. La visione energetica del Sistema Uomo come di un insieme costituito da spirito, mente e corpo, parti strettamente correlate e mutualmente influenzabili è infatti un qualcosa che mi appartiene. E che prima di me apparteneva a molti grandi. Monica Grando affronta questo tema con grandi ambizioni

Prefazione di Stefano Momentè al libro "Alimenti Energetici"

Molti gli argomenti trattati, tanti gli spunti per ulteriori approfondimenti. Molte le porte che infine lascia aperte per accedere a mondi diversi. Ma ottimo il risultato finale. Perché è l'insieme che deve migliorare se si vuole raggiungere la salute perfetta.

La visione che oggi viene definita olismo ha una storia antica. Arnold Ehret, ad esempio, riteneva che solo un corpo i cui condotti energetici fossero perfettamente puliti dal muco e dalle tossine permettesse di esprimere appieno tutta la propria essenza spirituale, che il corpo stesso fosse un veicolo con cui noi, esseri spirituali, operiamo in questo aspetto fisico dell'Universo.

La condizione di buona salute, per Ehret e molti altri, viene valutata in termini di energia funzionale, una forma di corrente nervosa, altresì definita bioelettricità, che muove gli arti e fornisce vitalità a tutte le cellule del nostro organismo. Se per di più nel nostro animo albergano odio, risentimento e pensieri insani, li riverseremo inevitabilmente anche contro noi stessi avvelenando il nostro corpo pur nutrendolo con il cibo migliore. E qui torna l'energia sotto forma di carburante.

Ehret riteneva che con un veicolo in condizioni disastrose non possiamo esprimere la nostra vera essenza se non a un livello di consapevolezza apparentemente inferiore a quello che si ha in realtà. Perché se siamo intossicati abbiamo funzioni inibite e sensi intorpiditi. 

Un po' quel che spiegava anche Herbert Shelton, altro grande igienista: ogni cellula è circondata da un liquido, la linfa, che la nutre e provvede a liberarla dalle sostanze di rifiuto che la cellula stessa elimina. Le sostanze di rifiuto liberate nella linfa verranno poi successivamente eliminate dagli organi emuntori e dalle ghiandole.

Quando però un organo è indebolito, esso non svolge in maniera efficace il proprio compito e spesso i detriti finiscono per accumularsi. Questo processo può continuare senza che si manifestino particolari sintomi, fino a che anche gli organi forti non si indeboliscono, smettendo di lavorare come dovrebbero.

Shelton definiva il primo dei sette gradi della malattia come derivante da indebolimento energetico. In cui l'energia nervosa viene ridotta o esaurita e tutte le normali funzioni corporee risultano menomate. In special modo l'eliminazione attraverso gli organi emuntori dei veleni endogeni ed esogeni. Il primo stadio di un processo progressivo e cronico di tolleranza tossiemica che prosegue attraverso tutti gli stadi successivi.

Shelton era però anche convinto che la vita tendesse a dirigersi sempre e comunque verso uno stato di salute. E che la condizione naturale di ogni essere umano fosse quindi lo stare in salute, tendenza naturale di ogni organismo, se messo nelle condizioni favorevoli per raggiungerla.

La forza vitale, la stessa forza che spinge verso la guarigione, inoltre, è uguale alla forza della malattia ed entrambe sono caratteristiche della vita. Il fine ultimo è l'autoconservazione di ogni essere vivente, quindi anche la malattia va vista come un processo utile all'autoconservazione. 

Lo stato di malattia acuta ha il significato di una azione riparatrice dai danni inflitti all'organismo, mentre uno stato di malattia cronico è un tentativo di creare una stabilità con le condizioni avverse che non si possono superare nello stato attuale. 

Il nostro organismo ha una incredibile capacità di adattamento alle condizioni più estreme, come l'intossicazione continua da stimolanti o da cibi malsani, oppure da stili di vita e pensieri negativi.

Tuttavia il cronicizzarsi di una malattia lo indebolirà gradualmente e periodicamente potremo assistere a crisi di sfogo della stessa, aventi lo scopo di eliminare le cause dell'indebolimento sino ad arrivare nuovamente ad un limite accettabile di tolleranza, quando l'energia sarà tornata a fluire correttamente.

Questo libro ti svelerà un nuovo modo di approcciarti al cibo ed estrarre il suo più alto potenziale!

Alimenti Energetici  

Monica Grando
Alimenti Energetici
Come modificare corpo, mente e anima attraverso la forza vitale degli alimenti

Se è vero che siamo ciò che mangiamo, dobbiamo fare molta attenzione a quello che introduciamo nel nostro organismo e dovremmo occuparci non solo del corpo fisico, ma anche di quello emotivo e di quello astrale. Ciò che ci nutre non sono solo i cibi...

+ informazioni ›

 

Stefano MomentèTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Stefano Momentè

Stefano Momentè è giornalista, scrittore ed esperto di alimentazione vegetariana. Nel 2001 ha fondato Vegan Italia, Ha lanciato e promuove il circuito Ristoranti Verdi ed è membro della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana. Veganitalia Cooking School è la sua scuola di cucina itinerante per la diffusione della cultura vegan e crudista.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Alimenti Energetici - Libro

Come modificare corpo, mente e anima attraverso la forza vitale degli alimenti

Monica Grando

€ 8,50 € 10,00 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Anima Edizioni - Gennaio 2016 - Alimentazione e Salute

Se è vero che siamo ciò che mangiamo, dobbiamo fare molta attenzione a quello che introduciamo nel nostro organismo e dovremmo occuparci non solo del corpo fisico, ma anche di quello emotivo e di quello astrale. Ciò che... scheda dettagliata