Torna su ▲

Prefazione di "Oltre l'Euro" libro di Paolo Becchi...

Leggi le pagine iniziali di "Oltre l'Euro"

Prefazione di "Oltre l'Euro" libro di Paolo Becchi e Alessandro Bianchi

Dopo la pubblicazione dell'e-book Apocalypse Euro, che raccoglieva alcune delle voci "eretiche" a torto escluse dal racconto della crisi dal mainstream, qualcosa è cambiato.

Parlare di tematiche come l'insostenibilità economica dell'euro per i Paesi dell'Europa meridionale, della necessità di riappropriarsi di una propria sovranità monetaria e, infine, del regime oligarchico di Bruxelles che sta annullando le Costituzioni nazionali e decenni di conquiste sociali, non è più un tabù.

Ed è stato possibile grazie all'opera di divulgazione di autorevoli economisti e giuristi che dal 2011 - l'anno del Commissariamento dei mercati esteri realizzato attraverso il governo Monti e sotto la regia di Napolitano - hanno aperto uno squarcio di verità e creato un'alternativa al pensiero unico neoliberista.

Spesso ignorati dalla comunicazione di massa e costretti all'esilio sul Web, i loro contributi sono restati isolati.

Per questo Oltre l'euro ha il merito di racchiuderli in un unico testo, dando l'opportunità al lettore di avere opinioni e pareri non uniformi al pensiero dominante presente sui mass media. Parliamo di: Ambrose Evans Pritchard, Yanis Varoufakis, Jacques Sapir, Brigitte Granville, Alberto Bagnai, Vladimiro Giacché, Piergiorgio Gawronski, Paolo Savona e Nino Galloni, per gli economisti; Giuseppe Guarino, Carlo Amirante, Lidia Undiemi, Alessandro Arienzo, Francesco Borrelli, Alain de Benoist, per i giuristi (e pensatori).

Nell'ultima parte, infine, potrete leggere in esclusiva un'intervista a Gianni de Michelis che denuncia come la distruzione della classe dirigente a inizio degli anni Novanta abbia aperto la porta alle successive privatizzazioni e al cappio del vincolo esterno. Partendo da questa premessa, nel saggio di Cesare Sacchetti si analizzano le dinamiche che hanno permesso la fine dello Stato imprenditore, la svendita delle partecipazioni statali e l'aumento esponenziale del debito pubblico dopo il divorzio Tesoro-Banca d'Italia. Con la speranza di fondo che la fine dell'euro non sia una vittoria di Pirro, che non sia un nuovo 1992.

Il libro si conclude con una postfazione di Paolo Savona che ripercorre il cammino percorso in questo libro sottolineando i passi più significativi. Lo ringraziamo per questo sforzo di sintesi.

Il lavoro è stato consegnato all'editore prima delle ultime vicende greche, di cui pertanto non si è potuto dare conto, anche se in molti contributi si prefigurano gli scenari che poi di fatto si sono verificati. Desideriamo ringraziare inoltre Federico Bosco per l'aiuto offerto nella redazione del testo e Sandra Vailles per la traduzione delle interviste a Sapir e Benoist, nonché per la collaborazione nella correzione delle bozze.

Paolo Becchi e Alessandro Bianchi

Oltre l'Euro

OLTRE L'EURO

Vi viene ripetuto continuamente che la crisi è ormai finita, che i Paesi della zona euro hanno iniziato la ripresa e che le proclamate "riforme strutturali" sono state un trionfo. Ma quale trionfo? E per chi soprattutto? 

Tutti a tirare un sospiro di sollievo perché la Grecia è rimasta nella zona euro. Ma a che prezzo? Ridotta ormai a colonia svenduta alla Germania, la Grecia non fa che prolungare la sua agonia. E, con la sua, anche la nostra. Ne vale la pena?

Oltre l'Euro fornisce risposte a tutte queste domande e vi offre una lettura controcorrente.

Vai al Libro "Oltre l'Euro" >

 

Paolo BecchiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Paolo Becchi

Paolo Becchi è professore ordinario di Filosofia del diritto presso l’ Università di Genova, dove è nato. È opinionista de «Il Fatto Quotidiano online» e collabora con «Libero» e «Mondoperaio». Autore di molti libri.