Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Prefazione del libro "L'esoterismo Cristiano...

Pietro Archiati presenta il libro "L'esoterismo Cristiano nell'Apocalisse" di R. Steiner

Prefazione del libro "L'esoterismo Cristiano nell'Apocalisse" di R. Steiner

In queste conferenze sull'Apocalisse Rudolf Steiner sintetizza l'essenza del cristianesimo nella frase rivolta dal Cristo risorto all'apostolo Tommaso: «Beati coloro che non vedono e tuttavia credono».

Il vedere di cui si parla qui è l'antico legame che univa l'uomo al mondo spirituale, la chiaroveggenza atavica istintiva.

Lo spirito del Sole si è fatto uomo sulla Terra proprio allo scopo di porre fine a quella chiaroveggenza che era stata donata da Dio, e creare i presupposti per una nuova «veggenza» futura grazie alla quale l'uomo dovrà diventare sempre più corresponsabile dell'evoluzione della Terra e dell'umanità.

Di solito la parola greca «pistis» viene tradotta con fede, ma questa traduzione può risultare fuorviarne dato che nella nostra lingua il termine si riferisce più alla conoscenza che all'azione. Con pistis, però, si intende più la volontà che la conoscenza: questa parola esprime una produzione attiva piuttosto che un'osservazione passiva.

La frase di Cristo a Tommaso significa: in futuro la felicità e l'intima realizzazione dell'uomo consisteranno nella sua fede, cioè nella sua fiducia sempre maggiore nelle forze creatrici insite in lui. Per l'uomo d'oggi la fede di cui si parla qui significa essenzialmente la fiducia nel pensare.

Il pensare sostituisce il «vedere» e permette all'uomo di diventare sempre più attivo e creativo nel suo spirito. Il Verbo cosmico si è fatto carne, è divenuto percepibile in tutte le cose del mondo per lasciare che sia l'attività spirituale dell'uomo a formare i concetti in base alla percezione.

Il pensare a cui ci si riferisce qui è un'attività in tutto e per tutto, un atto di volontà, una intuitiva realizzazione dell'Io dotata di presenza di spirito.

Nelle considerazioni di Rudolf Steiner il vangelo cristiano, la «buona novella», appare come il compimento di tutte le profezie dell'antichità.

L'antica iniziazione consisteva nell'esperienza della chiamata dell'uomo a penetrare nella realtà dello spirito, non solo dopo la morte, ma anche in vita. La morte e la risurrezione dello spirito del Sole permettono a ogni uomo di diventare un iniziato nel corso della sua esistenza terrena.

Ognuno di noi può morire in qualsiasi momento all'inconsistenza del mondo materiale e risorgere nella realtà dello spirito.

Come il vangelo realizza l'antica iniziazione, così l'Apocalisse è la profezia di un'iniziazione futura, nella quale si distinguono tre stadi evolutivi del pensare.

Nella sua scienza dello spirito Rudolf Steiner li chiama gli stadi dell'immaginazione, dell'ispirazione e dell'intuizione, mentre nell'Apocalisse lo stadio dell'immaginazione viene rappresentato dai sette sigilli, quello dell'ispirazione dalle sette trombe e quello dell'intuizione dalle sette coppe dell'ira versate sulla Terra.

A livello spirituale i sigilli corrispondono alla percezione nella misura in cui ogni percezione rappresenta una sigillatura, un occultamento dell'essere. Ogni concetto formatosi grazie al pensare equivale a un'asportazione del sigillo, a una rivelazione della sostanza.

L'ascolto della voce degli angeli con le trombe corrisponde all'arte di mettere in relazione i concetti, di combinarli nel discorso. In quella situazione vengono prodotte connessioni spirituali, l'orecchio spirituale percepisce sempre più distintamente la musica delle sfere e il nesso cosmico.

Il terzo stadio, quello più elevato, è il riconoscimento dell'essere in ambito sovrasensibile, la distinzione degli spiriti, il divenire una cosa sola dello spirito con lo spirito.

L'Apocalisse prende sul serio la libertà umana: se tutto dovesse prima o poi finire «bene» per forza, la libertà umana non comporterebbe nessuna differenza, sarebbe come se non fosse mai esistita.

L'abisso della bestia, la possibilità di perdersi per aver omesso l'esercizio della libertà, non ha lo scopo di scoraggiare l'uomo, bensì di incoraggiarlo a porre liberamente mano alla propria evoluzione di giorno in giorno.

Questo ci permette di capire come mai nell'Apocalisse sia il bene ad avere l'ultima parola: è la descrizione della nuova Gerusalemme, della nuova Terra, come luogo di un'evoluzione infinita della coscienza umana.

Pietro Archiati
Autunno 2007

 

Rudolf SteinerTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Rudolf Steiner

Rudolf Steiner nasce nel 1861 a Kraljevic (allora Impero Austro-Ungarico, oggi Croazia). Figlio di un capostazione austriaco, già all'età di sette anni al comune principio di realtà associa percezioni e visioni di realtà ultra mondane: "distinguevo cioè esseri e cose 'che si vedono' ed esseri e cose 'che non si vedono'.
Nel 1879 Steiner inizia i suoi studi di matematica e scienze all'Università di Vienna frequentando anche corsi di letteratura, filosofia e storia occupandosi a fondo, fra l'altro, di studi su Goethe. A Weimar nel 1890 diviene collaboratore dell'Archivio di Goethe e Schiller (tanto che curerà l'edizione degli scritti scientifici di Goethe promossa da questa istituzione). Sempre nello stesso anno, la sorella di Nietzsche propone a Steiner di curare il riordino dell'archivio e degli scritti inediti del fratello.

Nel 1891 si laurea in filosofia con una tesi su temi di gnoseologia che verrà pubblicata nel suo primo libro "Verità e scienza" nel 1892. Nel 1894, invece, pubblica un altro celebre scritto la "Filosofia della Libertà ".
Nel 1895 pubblica presso l'editore Emil Felber lo scritto: "Friedrich Nietzsche, un lottatore contro il suo tempo", cura un'edizione in dodici volumi dell' opera omnia di Schopenahauer e un'edizione in otto volumi delle opere di Jean Paul.

Dal 1897, senza avvelersi di manoscritti, Steiner inizia la sua attività di insegnante e conferenziere che lo porterà in giro per il mondo effettuando più di 6000 conferenze e pubblicando 28 libri su argomenti che spaziano dalla filosofia, alla medicina, dalla matematica e fisica all'agricoltura, dall'economia alla pedagogica e all'architettura. Le conferenze, poi stenografate, sono raccolte assieme agli scritti in 354 volumi che costituiscono l'opera omnia di Steiner.

Un'altra eccentrica caratteristica delle esposizioni di Rudolf Steiner è che, a partire dal 1914 circa, si avvale di un nuovo mezzo espressivo che si interpone all'atto linguistico: in pratica, disegna con gessi colorati su una o più lavagne. Una sua allieva, Emma Stolle, decide così di stendere sulla superficie delle lavagne del cartoncino nero. Si sono in questo modo conservati qualcosa come 1100 disegni, che vanno ad accompagnarsi alla produzione per così dire più accademica e tradizionale della sua opera. Nel 1958 Assja Turgenieff espone per la prima volta i disegni alla lavagna ad una mostra d'archivio a Dornach.

Nel 1904 appare "Teosofia, introduzione alla conoscenza sovrasensibile all'autodeterminazione umana": il libro stimola Kandinsky (che scriverà, influenzato da Steiner "Lo spirituale nell'arte" e desta sospetto in Paul Klee, come si può ricavare dai giudizi che il pittore dà del nostro autore sulle apgine dei "Diari".

In occasione del congresso internazionale della Società Teosofica che si tiene a Monaco nel 1907 mette in scena il dramma di Eduard Schuré "Il mistero di Eleusi". In quel periodo viene edificato a Dornach (Basilea, Svizzera) il Goetheanum, progettato da Steiner interamente in legno, a doppia cupola.

Nella notte di San Silvestro del 1922, però, l'edificio viene distrutto da un incendio. Rudolf Steiner realizza prontamente un secondo edificio interamente in cemento armato (edificato, dopo la sua morte, tra il '25 e il '28).

Muore a Dornach, vicino Basilea (Svizzera) il 30 marzo 1925.

L'eredità poderosa di conoscenze innovative e di iniziative che Steiner ci ha lasciato hanno prodotto nel mondo una vasta serie di iniziative nei vari campi delle attività umane tra cui emerge l'agricoltura biodinamica, la medicina antroposofica, l'euritmia, l'arte della parola, la pedagogia steineriana (scuole waldorf), l'architettura vivente. Nel Goetheanum si svolgono le attività della Libera Università di Scienza dello Spirito, le attività artistiche e teatrali, convegni, meetings e concerti.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

L'esoterismo Cristiano nell'Apocalisse - Libro

Presente e futuro dell'umanità

Rudolf Steiner

€ 5,00
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 3 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - Edizioni Rudolf Steiner - Gennaio 2014 - Esoterismo

Due conferenze del 1905 seguite da quattro conferenze del 1904: in modo incisivo e diretto Steiner affronta il mistero dell’Apocalisse spiegando con amorevole pedagogia il senso e la meta dell’evoluzione umana. Cosa... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI